Estate Navetta a 50 centesimi per i bagni in corso Italia Coop di Quarto, apre il parco

Torna la «navetta del mare». Un servizio che integra quello già esistente della linea 31 di Amt, che servirà per raggiungere con facilità gli stabilimenti balneari di Corso Italia. Il biglietto per una corsa costerà 50 centesimi. «I bagni vanno raggiunti usando l'autobus - spiega Paolo Pissarello, vicesindaco di Genova -, non si può pensare di portare troppe macchine nella nostra promenade». È questa, per il vicesindaco, l'idea che sta dietro le strisce blu e azzurre che hanno colorato i parcheggi del Corso. «Abbiamo trovato un modo intelligente - ha detto Pissarello nella sua risposta alle critiche avanzate dall'opposizione in consiglio comunale - per favorire i residenti e rendere il parcheggio un diritto di tutti». «Gli stabilimenti balneari hanno delle esigenze precise - fa notare Raffaella Della Bianca, capogruppo Pdl -, non si può non prenderne atto». «Il provvedimento non aiuta nessuno - tuona Gianni Bernabò Brea (la Destra) -: perché andare al mare è diventato un delitto?». Il periodo di tolleranza sulla Bluarea di Albaro, che comprende anche Corso Italia, finirà il 5 giugno. Dopo di che, inizieranno le multe. «Il 15 settembre chiude del tutto la sperimentazione estiva - dice il vicensindaco -. Siamo anche disposti a ritrattare il progetto in qualche punto. Ma in fondo, il municipio si è espresso favorevolmente. E normale che all'inizio ci sia un po' di resistenza da parte dei cittadini».
Entro luglio, invece, apriranno al pubblico i cancelli di Villa Spinola, l’area adiacente alla Coop di Quarto. Il parco sotto il quale è stato costruito un centro commerciale e che da tempo i cittadini reclamano, è stato finalmente acquisito da Aster. «Sono necessari alcuni piccoli lavori di ripristino - spiega Roberta Morgano, assessore ai parchi del comune di Genova -, ma il più è fatto. Nonostante anni di chiusura, la struttura del giardino si è ben conservata. C'è un bel boschetto sotto il quale abbiamo fatto sistemare delle panchine, proprio perché i residenti, nella stagione calda, possano godere di una piacevole ombra, anche a ridosso di Corso Europa».