Un’estate piena di «palanche»

Cinquantacinquemila dischi venduti in dieci anni, 308 concerti per un pubblico di 610mila persone e 245 milioni di vecchie lire raccolti in beneficenza. Sono i numeri dei «Buio Pesto, la band genovese e in genovese che, forte del suo ultimo cd «Palanche», anche quest’anno è pronta a cavalcare l’estate.
Un’estate ancora una volta ricca di incontri col pubblico, nelle piazze, tra battute, sorrisi, canzoni e dialoghi. Un tour che toccherà un po’ tutte le località della Liguria e anche del Basso Piemonte. L’album fresco di stampa, «Palanche», distribuito in tutti i negozi della Liguria, è il sesto di una carriera segnata dai titoli «Basilico», «Paganini», «Belinlandia», «Colombo» e «Cosmolandia». Per quest’ultima avventura musicale i terribili otto (Massimo Morini, Davide Ageno, Danilo Straulino, Nino Cancilla, Federica Saba, Gianni Casella e Maurizio Borzone) hanno scelto, appunto, il tema delle «palanche», tema serio ma affrontato con spirito giocoso proprio come è nello stile dei Buio Pesto. Sono 24 brani, di cui 15 nuove canzoni e 9 cover di celebri successi. Del primo signolo estratto dall’album, «Contamusse», è stato anche prodotto un videoclip che vede protagonisti i Buio Pesto ma in versione miniaturizzata, grazie alla partecipazione di otto bambini dalle incredibi somiglianze alle prese con una copia inestimabile del nuovo cd. Nell’album (la copertina rappresenta un grande «smile» con la bocca a forma di Liguria... piangente per la mancanza di palanche) sono presenti alcuni ospiti, tutti liguri, ma molto diversi tra loro. A partire da Piero Parodi, amato cantautore folk genovese, che ripropone una rivisitazione della sua celebre «A seissento»; poi Susanna Massetti con la filastrocca «Aegua aegua», Roberto Tiranti che propone il «Barbiere di Siviglia» in genovese e gli scioglilingua di Les Violinik. Ci sono pure una canzone vietata ai minori di 14 anni («E parolle do gatto» raccoglie le più buffe parolacce in dialetto) e la canzone più corata del mondo, «Leûgo», solo 571 millesimi di secondo.
Scherzi a parte, i Buio Pesto, durante il concerto a Stella, il 27 luglio, renderanno omaggio a Sandro Pertini, mentre un altro omaggio, a Ivano Fossati, è la traduzione in genovese della canzone «Il disertore».
Il Palanche Tour, dopo aver toccato 41 località in due mesi, si concluderà sabato 2 settembre col consueto appuntamento benefico al Mazda Palace.