Estate Romana, per i suoi trent’anni un «concorso di idee»

Il Comune di Roma si appresta a festeggiare i trent’anni dell’Estate Romana con un’iniziativa rivolta agli under 30. Il Campidoglio mette a disposizione 30mila euro per un concorso di idee con le quali reinterpretare un fenomeno che appare ad oggi, sono parole dell’assessore Silvio Di Francia, «non ancora esaurito». Scadrà invece il 23 marzo il bando per l’Estate Romana 2007 che si svolgerà dal primo giugno al 30 settembre e che porterà l’amministrazione a finanziare progetti di rassegne e festival di spettacolo dal vivo e cinematografici per una cifra di due milioni di euro. «Prima i bandi erano triennali - aggiunge Di Francia -. Questo nuovo, invece, riguarda solo l’anno in corso. Ci sembrava il modo migliore per calibrare le esigenze della città con le offerte delle associazioni che partecipano al bando». Sempre in tema di bandi, il Campidoglio ha disposto un investimento di oltre 2milioni di euro per tre iniziative. La prima (il cui bando è appena scaduto) prevede lo stanziamento di 1 milione e 140mila euro e riguarda le proposte di spettacoli e rassegne legate al territorio. Una per ogni municipio. «Sono arrivati 373 progetti - spiega Di Francia -. Il Municipio che ne ha presentate di più è stato il X (28 proposte). Va sottolineato che metà delle associazioni partecipanti sono nuove all’amministrazione, e la gran parte dei progetti è caratterizzata da una forte interdisciplinarità e da un legame profondo col territorio». Scadrà invece il 15 marzo il bando che concederà contributi pari a 280mila euro a enti e associazioni depositari di archivi storici che operano a Roma. «Il nostro obiettivo - aggiunge l’assessore - è di salvaguardare la memoria e valorizzare il patrimonio culturale della nostra città». Sarà infine pubblicato entro marzo il bando rivolto ai teatri cittadini con almeno 100 posti per progetti speciali legati non solo alla interdisciplinarità ma anche alla valorizzazione delle nuove leve (under 35) della scena.