Un’estate in stile retrò in spiaggia no al cellulare

Daniela Uva

Maglia a righe stile «marinaretto», gonna o pantalone dai colori naturali, sandali con zeppa vistosa e immancabile borsa, rigorosamente con manici di corda. Eccolo qui il «kit» del modaiolo perfetto, secondo le tendenze dell'estate 2006. Che propone un'unica parola d'ordine: semplicità. Dimentichiamoci, dunque, lo stile minimal e ultramoderno degli ultimi anni. La moda riscopre il gusto retrò degli anni Cinquanta e Settanta. Nell'abbigliamento, negli accessori, nel divertimento e persino nelle attività per tenersi in forma. Con la bella stagione alle porte è stata stilata l'immancabile lista di ciò che sarà «In» e ciò che sarà irrimediabilmente «Out». E le sorprese non mancano. Perché, per esempio, in molti scopriranno di dover buttar via modernissimi e, soprattutto, costosissimi gioielli della tecnologia.
Lo stile vintage, che dominerà l'estate ormai alle porte, considera assolutamente fuori moda, sotto l'ombrellone, palmari e altri oggetti high tech. Meglio una bella radio stile retrò, semplice, elegante e possibilmente colorata. Per chi proprio non può fare a meno della tecnologia, una deroga è concessa all'iPod, moderno, ma ormai tradizionale, lettore Mp3. Le spiagge - soprattutto quelle italiane perché sarà il Belpaese ad andare per la maggiore - saranno invase da costumi stile pin-up. Niente tanga e perizomi dai colori acidi o fluorescenti, quindi. Gli stilisti propongono bikini sgambati con lacci colorati e dai motivi floreali. Torna il mito anni ’50 della modella Bettie Page, la regina delle pin- up (è in uscita il film sulla sua vita). Scendono le «veline». La semplicità dilaga anche fra abiti e accessori. E rilancia maglie bianche a righine da «marinaretto», scolli «a barca», pantaloni e gonne dai colori e dai materiali naturali, sandali con imponenti zeppe di corda. Riscoprendo un accessorio un po' dimenticato: il cappello.
Cambiano anche i gioielli, che per essere veramente di tendenza devono essere personalizzati e colorati. Il materiale più in voga questa estate è l'acciaio. Le nuove tendenze non condizionano solamente l'abbigliamento. Impongono nuovi stili di vita, nuovi modi per divertirsi e, addirittura, nuove mete per le vacanze. L'estate 2006 premia il nostro mare. In particolare quello della Sicilia, recentemente scoperta da molti divi e personaggi dello star system. Del resto, un regista del calibro di James Cameron ha scelto proprio l'area marina protetta del Plemmirio, a Siracusa, per girare un film sui campioni di immersioni in apnea. La vacanza più trendy, quest'anno, sarà quella che riuscirà ad abbinare mondanità e natura selvaggia. E il pensiero corre subito a Saint Tropez, tappa obbligata negli anni Cinquanta. Che ricorrono anche nel divertimento. Sembra davvero finita l'epoca dell'happy hour e dei cocktail superalcolici come mojto e caipirina. La voglia di semplicità cambia il rito dell'aperitivo, riscoprendo la tradizione. I locali più in voga propongono bevande classiche come «Zucca e soda», rivisitato nella nuova versione «Zucca e vaniglia». E fa il suo ingresso trionfale fra tavolini e divanetti anche l'acqua. Ma non un'acqua qualunque, la super gassata Perrier, mischiata a sciroppi di frutta e menta per dar vita a cocktail freschi, leggeri e analcolici. Bandite dai seguaci della moda anche le pizzerie e le bevande energizzanti. In grande spolvero, invece, il caffè freddo, riscoperto anche dalle multinazionali dell'alimentazione. Semplicità e salutismo non possono non contagiare anche il tempo libero e, in particolare, lo sport. Campo nel quale domina il «pilates». Lanciata da Madonna, la disciplina - per la verità anche questa abbastanza rètro visto che è stata inventata negli anni Venti - ha contagiato moltissime dive di Hollywood, fra le quali Demi Moore. Ma la vera novità è il gliding, che riscopre il vecchio frisby in chiave assolutamente trendy. E poi il fusion, più che uno sport un vero e proprio stile di vita che unisce fitness e spiritualità. Seguito con costanza, promette il completo riequilibrio psico-fisico attraverso un percorso sensoriale fra immagini, suoni, profumi e massaggi abbinati a un'alimentazione a base di verdure crude, prodotti biologici e bevande energetiche.