11enne da Manchester a Roma in aereo, senza biglietto

"Voglio solo vedere Roma". Senza biglietto, documenti e genitori, un piccolo inglese è riuscito a salire a bordo di un volo diretto in Italia. Atterrato, è stato preso in custodia dalla polizia italiana e rispedito a casa col primo aereo

Il suo sogno era quello di visitare la Città Eterna. Per farlo un bambino di 11 anni ha pensato bene di scappare dalla sua casa in Inghilterra, farsela a piedi fino all'aeroporto di Manchester e salire a bordo di un aereo diretto verso Roma. Senza biglietto. E senza che nessuno se ne rendesse conto. Alla faccia dei controlli di sicurezza.

La sua avventura non è però durata molto. Atterrato a Roma, il ragazzino è stato preso in consegna dalla polizia e rimpatriato nel giro di poche ore. I genitori ne avevano già denunciato la scomparsa. Capelli rossi e lentiggini, una t-shirt dell'Uomo Ragno, tuta e infradito, il piccolo clandestino si era imbarcato confondendosi con una comitiva di studenti suoi coetanei, in partenza per una vacanza studio. 

Ad accorgersi della strana prresenza a bordo uno steward, che ha aiutato il bambino, con i sintomi del mal d'aria. Qualche domanda è bastata a chiarire la situazione. "Mostrami il biglietto", ha chiesto. La risposta? "Nessun biglietto. Voglio solo vedere Roma". 

Commenti

plaunad

Mer, 25/07/2012 - 11:05

E queste sarebbero le tanto decantate misure di sicurezza della sempre troppo sovravalutata Inghilterra? Andiamo bene....

Ritratto di mvasconi

mvasconi

Mer, 25/07/2012 - 11:11

E poi uno si domanda come si possa dirottare un aereo...

ZannaMax

Mer, 25/07/2012 - 11:13

E come diavolo ha fatto a salire sull'aereo senza documenti e biglietto? il check-in l'ha dovuto passare per forza!

Ritratto di max2000

max2000

Mer, 25/07/2012 - 12:37

Certo, si sarebbe anche potuto accompagnare a fare un giro della città e a fargli mangiare un bel gelato prima di rimandarlo a casa. Sarebbe stato il coronamento del suo sogno...

Ritratto di Legba

Legba

Mer, 25/07/2012 - 12:54

Il bello è che per l'arrogante mentalità britannica, siamo sempre noi quelli incompetenti e cialtroni. Come quell'altra volta in cui un terrorista qualche anno fa era passato al controllo di sicurezza perché aveva indossato un burka e si era fatto passare per donna.

Albert1

Mer, 25/07/2012 - 13:00

Ma già che era arrivato, una sbirciatina alla città potevano fargliela dare no?

killkoms

Mer, 25/07/2012 - 14:40

@max200,un gelato?una grattachecca,diamine!

pinolino

Mer, 25/07/2012 - 15:04

E' la nazione dove tra 2 giorni partono le olimpiadi. Gli israeliani, che sulla questione sicurezza hanno decenni di esperienza, ci avevano visto bene e in anticipo.

plaunad

Mer, 25/07/2012 - 15:39

@max2000 - Albert1 Ma certo, per farlo poi imitare da frotte di teppistelli inglesi sfruttatori. Altro che gelato, una bella sculacciata e via!

Stonice

Mer, 25/07/2012 - 15:51

gliela potevano far vedere prima di rispedirlo sotto pioggia e nubi britanniche.

Giulio42

Mer, 25/07/2012 - 16:29

Se queste sono le norme di sicurezza vigenti in Inghiltera ne vedremo delle belle durante le olimpiadi.

Ritratto di Giovanni da Udine

Giovanni da Udine

Mer, 25/07/2012 - 19:24

Forse la burocrazia questa volta è stata troppo rapida nell'applicare formalmente la legge, tuttavia credo che la città di Roma abbia perso una buona occasione per accattivarsi le simpatie dei turisti inglesi e dei britannici in generale. Sarebbe bastato invitare i genitori a venirselo a riprendere, offrendo loro una permanenza di qualche giorno per consentire al bambino di esaudire il suo sogno. La spesa sarebbe stata complessivamente modesta, soprattutto se paragonata agli spechi quotidiani e, a mio parere, avrebbe avuto un ritorno considerevole in temini di simpatia. Un'occasione persa.

Ritratto di isladecoco

isladecoco

Mer, 25/07/2012 - 21:28

D'accordo con Giovanni da Udine. Da una marachella (pero', che intraprendenza il ragazzino!) ne poteva uscire un ottimo spot pubblicitario per il nostro turismo. La figuraccia della tanto decantata sicurezza britannica e'semplicemente inarrivabile. Chissà se i media del mondo, tanto solerti a fare le pulci ad ogni sciocchezza che capiti in Italia, saranno cosi attenti e precisi anche in questo caso, dove la totale mancanza di professionalita

gardadue

Mer, 25/07/2012 - 23:13

IL SUO SOGNO è ANDARE A ROMA ? IL MIO BRUCIARLA W NERONE

killkoms

Gio, 26/07/2012 - 11:16

@giovanna da udine,offrirgli che?non solo abbiamo dimostrato di essere più precisi ed efficienti di loro,ma dovremmpanche mndargli il conto a quella gente!se era accaduto il contrario,ma sai quante ce ne dicevano?