Aereo scomparso Gli americani: «Atto di pirateria»

Le autorità al lavoro sulle ricerche del volo MH370 stanno esaminando la possibilità che «un atto di pirateria» possa avere giocato un ruolo nella sparizione del Boeing 777, avvenuta sabato 8 marzo lungo la rotta Kuala Lumpur-Pechino.
Lo ha detto un funzionario statunitense rimasto anonimo, affermando che la prova di un «intervento umano» nella sparizione dell'aereo è che il transponder cessò di dialogare con i radar una decina di minuti prima che un altro sistema di controllo smettesse di funzionare.
L'ufficiale ha inoltre affermato che è possibile che l'aereo possa essere atterrato da qualche parte. Un sistema montato a bordo ha continuato a inviare un segnale a un satellite per circa quattro ore dopo la scomparsa del velivolo.

Commenti
Ritratto di stock47

stock47

Sab, 15/03/2014 - 17:05

Domando e dico, ci sono non so quanti satelliti spia che girano di continuo sulla nostra testa, alcuni addirittura capaci di vedere il colore delle scarpe di una persona. E' mai possibile che nessuno di questi satelliti non abbia visto che fine ha fatto questo aereo? Non mi sembra così piccolo da non essere identificato facilmente su qualche registrazione di qualcuno di questi satelliti.

ORCHIDEABLU

Lun, 17/03/2014 - 13:50

CHE DIO LI SALVI TUTTI.