Argentina, Videla condannato a 50 anni

L'ex dittatore condannato per il rapimento dei figli dei desaparecidos durante la dittatura, poi affidati a ufficiali del regime

La giustizia argentina ha condannato a 50 anni di reclusione l’ex dittatore Jorge Rafael Videla per il sequestro dei figli dei desaparecidos.

Con lui sono stati condannati anche l’ex ufficiale della Marina Antonio Vañek  (40 anni di reclusione), l’ex capitano Jorge Eduardo "Tigre" Acosta che diresse il campo di concentramento dell'Esma, la scuola tecnica della Marina, (30 anni di carcere) e il generale Reynaldo Brignone, ultimo capo del regime militare (15 anni di reclusione) e l’ex prefetto Juan Antonio Azic (14 anni di carcere).

La causa, che per la prima volta porta a delle condanne per questo particolare reato, era stata avviata alla fine del 1996 e riguardava 35 casi citati ad esempio del piano sistematico di sequestro dei neonati dei desaparecidos messo in atto dalla dittatura militare. 

Videla fu al potere dal 1976 al 1981, mentre Bignone governò dal 1982 al 1983; in base alle stime degli attivisti per i diritti umani furono circa 30.000 gli argentini "scomparsi" sotto il regime militare.

Commenti
Ritratto di cangrande17

cangrande17

Mer, 11/07/2012 - 00:28

Era ora. Stiamo parlando veramente di bruttissimi personaggi. 50 anni non sono niente in confronto ai crimini dei quali si sono macchiati. Speriamo comunque che marciscano realmente in galera nei pochi anni che li separano dall'inferno.

Ritratto di stenos

stenos

Mer, 11/07/2012 - 00:35

Li condannano tutti basta che non siano comunisti. Se questo e' il metro a Castro e soci dovrebbero dargli 200 ergastoli. Ma e' un eroe, anche con il colera.

Raoul Pontalti

Mer, 11/07/2012 - 00:35

CI RIPROVO! Videla&C. avrebbero meritato un "vuelo de la muerte" sopra l'Atlantico, come capitò a molti "desaparecidos". Riprovo anche a invitare gli anticomunisti da salotto, sempre coraggiosi a comunismo morto e conigli a comunismo imperante, a non tirar fuori le solite filastrocche sul salvataggio dal comunismo dell'Argentina da parte dei militari, perché si tratterebbe di bubbola cui non credono neppure i polli.

mariolino50

Ven, 06/07/2012 - 15:24

#2 stenos ma come ti pemetti di paragonare Cuba a Videla, forse per te era meglio quando c'era Batista e i mafiosi italoamericani.

Kerberos

Ven, 06/07/2012 - 16:06

x Mariolino (commento 4). Da elettore di sinistra ti dico che un dittatore è un dittatore comunque. Se poi uno è meno peggio dell'altro è una questione dell'individuo che può essere un dittatore illuminato od un dittatore sanguinario, indipendentemente dal fatto che si dica fascista o comunista. Non facciamoci imbrigliare in discussioni che non c'entrano nulla con la sinistra che difendiamo e che in Italia è sempre stata sinonimo di libertà al contrario della destra fascista-stragista-golpista; fanno eccezione le BR, ma quelle erano bande criminali del tutto slegate da popolo, partiti, ed istituzioni (lo stesso non si può dire del terrorismo nero di cui non si è mai potuto arrestare nessuno, o perchè ignoto o perchè fuggito all'estero come ex-servizi con l'aiuto documentato delle istituzioni). Limitiamoci al confronto tra destra liberista (modello americano) e sinistra socialista (modello francese, scandinavo, emiliano).

Kerberos

Ven, 06/07/2012 - 16:07

x Mariolino (commento 4). Da elettore di sinistra ti dico che un dittatore è un dittatore comunque. Se poi uno è meno peggio dell'altro è una questione dell'individuo che può essere un dittatore illuminato od un dittatore sanguinario, indipendentemente dal fatto che si dica fascista o comunista. Non facciamoci imbrigliare in discussioni che non c'entrano nulla con la sinistra che difendiamo e che in Italia è sempre stata sinonimo di libertà al contrario della destra fascista-stragista-golpista; fanno eccezione le BR, ma quelle erano bande criminali del tutto slegate da popolo, partiti, ed istituzioni (lo stesso non si può dire del terrorismo nero di cui non si è mai potuto arrestare nessuno, o perchè ignoto o perchè fuggito all'estero come ex-servizi con l'aiuto documentato delle istituzioni). Limitiamoci al confronto tra destra liberista (modello americano) e sinistra socialista (modello francese, scandinavo, emiliano)

lucioc

Ven, 06/07/2012 - 16:16

#2 stenos , secondo lei hanno condannato un innocente?Se la risposta è sì, si vergogni!

jakelamotta

Ven, 06/07/2012 - 17:46

sono contento di sapere che in Argentina la giustizia funziona

jakelamotta

Ven, 06/07/2012 - 17:46

sono contento di sapere che in Argentina la giustizia funziona

albertohis

Ven, 06/07/2012 - 18:47

Processo arrivato in ritardo ma la storia, in Argentina come altrove, ha bisogno dei suoi tempi. Condanna per uno dei crimini più infami che possano esistere: l'annullamento di NEONATI perché ritenuti irrecuperabili e impossibilitati a conformarsi al loro progetto di uomo nuovo. Purtroppo non vedremo mai alla sbarra gli ispiratori e gli sponsor dei crimini che hanno devastato i popoli e le economie del Cono Sur in quegli anni: da Kissinger ai Chicago Boys passando per le multinazionali (ITT, Ford, Mercedes, ecc.) e gli istituti bancari (JP Morgan, Citigroup, ecc.). E' stato allora testato un modello di devastazione e depredazione poi esportato in altri ambiti (Indonesia, Libia, Iraq, Guatemala, Russia in ordine sparso) e che, in maniera leggermente più soft e certamente più subdola, sta ora toccando i paesi occidentali, compreso il nostro (vedesi le prove fatte al G8 e le ricette economiche attuali).