Il boss di Amazon per i sindacati è il peggior capo

Lo hanno stabilito gli oltre 20mila sindacalisti che hanno votato per il primo referendum del genere

Jeff Bezos, il boss di Amazon, è il peggior datore di lavoro al mondo. Lo hanno stabilito gli oltre 20mila sindacalisti che hanno votato per il primo referendum del genere, organizzato in occasione del congresso mondiale dei sindacati (Ituc-Csi) che si è concluso oggi a Berlino. «Il potere dell'azienda è fuori controllo», ha commentato la segretaria generale di Ituc-Csi, Sharan Burrow. Amazon tratta i suoi dipendenti come robot: «Jeff Bezos impersona l'inumanità dei datori di lavoro che si fondano sul modello d'impresa statunitense. Il nostro messaggio è che la devono smettere di maltrattare i propri dipendenti».