Caso Marò, il governo indiano attacca la Ferrari

Il governo indiano critica la decisione della scuderia di correre il Gp d’India esponendo la bandiera della Marina, a sostegno dei marò: "Scelta non in linea con lo spirito sportivo"

Per il governo indiano non si può nemmeno manifestare. Non solo. Per il governo indiano non si può nemmeno apporre una bandiera, quella della Marina militare italiana, su una monoposto. La decisione della Ferrari, dopo le svariate migliaia di mail che i lettori del Giornale.it hanno inviato a Maranello, ha mandato su tutte le furie Nuova Delhi. Il ministero degli Esteri ha, infatti, criticato duramente il segno di solidarietà delle Rosse ai marò Massimiliano Latorre e Salvatore Girone che, dallo scorso febbraio, sono illegalmente detenuti in India. "Utilizzare eventi sportivi per promuovere cause che non sono di natura sportiva - ha commentato il portavoce del ministero degli Esteri Syed Akbaruddin - significa non essere coerenti con lo spirito sportivo".

"Con la bandiera sulle nostre vetture vogliamo solo dare un piccolo contributo, con grande rispetto delle autorità indiane, perchè queste possano dialogare con quelle italiane per trovare una soluzione", ha spiegato il presidente della Ferrari Luca Cordero di Montezemolo rivendicando l'impegno di sensibilizzare il governo di Nuova Delhi sulle sorti dei due marò detenuti illegalmente da oltre un anno dalle autorità indiane. Un impegno che la scuderia di Maranello si è fatta carico dopo che i lettori del Giornale.it hanno inviato migliaia di mail per chiedere un impegno concreto al Gran Premio d'India che si correrà il prossimo fine settimana. "Chi difende la pace all’estero non merita solo rispetto ma una straordinaria ammirazione", ha detto ancora Montezemolo ricordando il suo passato da studente al collegio navale Morosini. A margine della presentazione della mostra al Museo Ferrari dedicata alle vetture di Sergio Pinfarina, Montezemolo ha ricordato anche l’alpino Tiziano Chierotti caduto ieri in Afghanistan: "Dobbiamo guardare alle moltissime eccellenze del nostro Paese molti dei quali sono oggi lontani a difendere la pace. Questi sono ragazzi che non meritano solo rispetto, ma anche una straordinaria ammirazione".

Commenti
Ritratto di spectrum

spectrum

Ven, 26/10/2012 - 13:56

Si tratta di un bel gesto, significa esporre un "non vi dimentichiamo". Tutto la. Cosa centra "servirsi di eventi sportivi per etc etc" tanto si sa bene che loro non mollano e sene impippano di tutto il resto del mondo.

blackbird

Ven, 26/10/2012 - 13:57

E adesso l'India ci vuol dare anche lezioni di etica. Cosa faranno? Impediranno alla Ferrari di scendere in pista?

Ritratto di marforio

marforio

Ven, 26/10/2012 - 13:58

Saranno pure piu di un miliardo di parias , ma opinamente da parte mia non ché mi importa piu di che se criticano la bandiera della marina, sulle Ferrari.Il governo centrale dovrebbe interessarsi piu della vicenda, apposta di comportarsi come una banda di isterici.fORSA MARO´ E FORZA fERRARI .

Ritratto di marforio

marforio

Ven, 26/10/2012 - 13:59

Ancora una cosa , occchio quelli son capaci di fare sabotaggi alle auto.

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Ven, 26/10/2012 - 14:00

Che etica squisita. Che sensibilità sportiva. Che civiltà. Veramente ineccepibile.... E magari qualche gonzo nostrano sta già componendo alla tastiera qualche peana da sciogliere in omaggio al governo indiano. Ma andate a ca**re!

michetta

Ven, 26/10/2012 - 14:03

COME VOLEVASI DIMOSTRARE! Le autorita' Indiane, sela stanno facendo sotto! Solamente perche' l'eclatanza dell'avvenimento di domenica prossima e' risaputo. Se in tutto il mondo, si viene a sapere delle lungaggini per una causa voluta dalle stesse autorita' indiane, senza capo e senza coda di logica esecutiva comportamentale, la loro credibilita' mondiale subirebbe un autentico vero smaccodifronte al mondo intero. La corsa di F.1 di domenica prossima, viene a taralluccio e IL Giornale, ha fatto benissimo a lanciare la richiesta dei lettori alla Ferrari per l'invito a mettere la bandiera della Marina Militare Italiana sulle monoposto che disputeranno il Gran Premio! Elogio! Elogio al Direttore ed a tutti i giornalisti che si sono predigati a che questa azione diventi la piu' meritoria possibile. La liberazione dei due Sottufficiali del Battaglione San Marco. Le loro famiglie si rallegrino, vedrete! Domenica o al massimo lunedì, i vostri (e nostri) Cari, torneranno a casa! W L'Italia, W la Marina Militare, W Il Giornale e tutti i lettori, che hanno condiviso e condivideranno sempre azioni così valide. Per gli altri, tutti gli altri, fuffa totale. Amen

kusko19

Ven, 26/10/2012 - 14:04

Anche detenere "illegalmente" (e aggiungo con l' inganno) due persone straniere in un paese "democratico" è contro ogni spirito di Democrazia...

Ritratto di afrikakorps

afrikakorps

Ven, 26/10/2012 - 14:05

Beh, in effetti il ministro degli esteri un po' di ragione c'e la ha. Se poi anche questo mezzo poco ortodosso come un GP di F1 serve a risolvere il problema va bene così

eureka

Ven, 26/10/2012 - 14:07

Gli eventi sportivi rappresentano l'Italia all'estero ed una bandiera della Marina è un'ancora di rappresentanza ancora maggiore. Non raccogliamo tutti i profughi che ci arrivano via mare? Nessuno dei paesi stranieri si è mai lamentato dell'Italia che raccoglie i profughi e nemmeno ha dato alcun aiuto. Di che cosa ha paura l'India? Che anche il suo popolo si accorga del trattamento riservato agli Italiani trattenuti con sotterfugi poco degni per persone che portano una divisa.

Bozzola Paola

Ven, 26/10/2012 - 14:09

Si vuole forse ricevere rispetto dagli indiani che hanno praticamente rapito i nostri marò, dopo ben 8 mesi di NULLA da parte del governo e dell'europa? Abbiamo quel che ci meritiamo. Siamo dei pusillanimi e dovremmo mostrare i muscoli non solo chinare la testa e chiedere pietà. Certo il fatto di mettere lo stemma della Marina Italiana sulle auto della Ferrari non risolve il NOSTRO PROBLEMA, ma a loro probabilmente BRUCIA. IO METTEREI LE FOTO DEI MARO' ALTROCHE'. Qui in Italia dovremmo fare un po' di manifestazioni, rompere le tasche come si suol dire all'ambasciata indiana. Per le Simone e varie lo abbiamo fatto. E NON DICANO I VARI DEMENTI CHE COMMENTANO CHE QUELLE ERANO VOLONTARIE E QUESTI HANNO SPARATO. LO HANNO FATTO PER DIFENDERE LA NAVE NON PER SPORT. VEDASI QUEGLI STRONZI DI AFGANI CHE UCCIDONO I NOSTRI SOLDATI CHE LA' STANNO SOLO FACENDO LA GUARDIA A LORO CHE SI AMMAZZANO. COMMENTATORI DI SINISTRA TAGLIATEVI LA LINGUA E GRAZIE SE PASSATE IL MIO COMMENTO.

Ritratto di Rosella Meneghini

Rosella Meneghini

Ven, 26/10/2012 - 14:09

C’era da aspettarselo! Invece un governo che usa l’inganno per proteggere i propri pirati, è in linea con l’onestà e con una politica estera degna di questo nome. Mi auguro che la Ferrari dimostri di avere un motore che “rombi” più forte della Farnesina, altrimenti saremo lo zerbino del mondo intero. Forza Massimiliano e Salvatore, che Dio stenda la sua mano sul vostro onore e sulla vostra dignità, vi sostenga e vi protegga! E onore a tutti i Marò.

cicikov

Ven, 26/10/2012 - 14:10

da un paese dove "striscia" sostituisce la magistratura cosa ci si può aspettare?

Ritratto di venividi

venividi

Ven, 26/10/2012 - 14:10

Ah sì ? Davvero ? Non è in linea con lo spirito sportivo ? Che siano loro a dimostrare per primi di essere sportivi e di confessare di aver sbagliato su tutta la linea. Attirare la nave dalle acque territoriali al porto con un pretesto per arrestare i nostri marò e montare un caso politico, questo sì che è sportivo.

Ritratto di johnsmith

johnsmith

Ven, 26/10/2012 - 14:10

Non vedo il problema; basta "fare gli indiani".

waaw33

Ven, 26/10/2012 - 14:13

Scusate adesso riflettiamo un attimo.... se due militari indiani ammazzavano due pescatori italiani noi li rimandavamo subito a casa ? Manco col... Allora smettiamola di rimestare nel torbido e buttarla in politica.

waaw33

Ven, 26/10/2012 - 14:13

Le grandi battaglie del Giornale di Sallusti.

Ritratto di lettore57

lettore57

Ven, 26/10/2012 - 14:17

ma perchè questo cazzuto di governo che ci hanno dato non dice nulla? siamo in mano a dei babalu anzi peggio

Lili72

Ven, 26/10/2012 - 14:25

Se ne sono accorti finalmente che esistiamo !!! e non per merito del "ministro" Terzi . Credo che sulla Ferrari , visto che non è di loro proprietà , si possa mettere quello che decide il team Ferrari e LORO facciano il LORO dovere invece di prendere per ....i fondelli la giustizia e l'Italia !

andrea24

Ven, 26/10/2012 - 14:26

Per fare pubblicità alla Ferrari e agli imprenditori,hanno risvegliato ancor di più l'irritazione dell'opinione pubblica indiana.Mi pare che le parole del Ministro degli Esteri indiano siano del tutto condivisibili,al di là della questione in oggetto.L'India è uno Stato sovrano,non può mica passare l'idea che una Ferrari o un evento sportivo faccia da breccia ad una potenza quale assurge ad essere l'India.Le questioni non possono che essere risolte per via giuridica e a livello di nazione,mica dall'altra parte debbano esserci i bananas.

Ritratto di marco piccardi

marco piccardi

Ven, 26/10/2012 - 14:27

avevo espresso la mia opinione precedentemente. queste cose non servono a nulla. occorre andare a prendere i nostri Fucilieri e portarli a casa. Quando saranno a casa poi potremo parlare con il Governo Indiano.

andrea24

Ven, 26/10/2012 - 14:30

La bandiera di una "marina militare straniera" in un Paese come l'India,e per di più,nel contesto di un evento sportivo internazionale?Mi pare logico e ragionevole che l'India si irriti.

andrea24

Ven, 26/10/2012 - 14:32

Evidentemente ci sono persone che pensano che l'India confini con l'Albania o con le isole cayman o con l'Italia stessa.

Frid54

Ven, 26/10/2012 - 14:33

Caro signor "portavoce del ministero degli Esteri Syed Akbaruddin", ma un minimo di VERGOGNA, proprio no, eh?!

franco.cavola

Ven, 26/10/2012 - 14:34

Tho! Il mistro degli esteri del governo indiano ha parlato, aspettiamo che si faccia sentire anche il nostro governo, magari con una "esternazione" del premier Monti a favore dei nostri marò.

Ritratto di italiota

italiota

Ven, 26/10/2012 - 14:34

ma non si potrebbe mandargli la un commando e liberarli...come nei film ?

ludovik

Ven, 26/10/2012 - 14:37

e' incredibile che a fare tale rimostranze sia la ferrari e non il governo! anzi inaccettabile

Ritratto di salander

salander

Ven, 26/10/2012 - 14:41

@waaw33 ecco un altro beota che si è bevuto la menzogna indiana... certo che cmq non serve un genio per cercare i fatti su fonti diverse e fare 2+2 e scoprire quindi che tutte le accuse sono una farsa a partire dalla insulsa perizia balistica, dal calibro delle armi dalle traiettorie e da tutto il resto. Ma finchè in Italia abbiamo gente che beve qualsiasi scemenza senza neppure un accenno di analisi critica questi purtroppo sono i risultati.

giovannibid

Ven, 26/10/2012 - 14:42

poi dicono che sono nazioni emergenti ma da dove dal LETAME

Ritratto di cleopatria

cleopatria

Ven, 26/10/2012 - 14:45

Got it!! Questo dimostra che non siamo figli di un dio minore e che ci voleva il "Giornale", il nostro!!! Complimenti alla redazione e sereno rientro ai nostri ragazzi.

Ritratto di lettore57

lettore57

Ven, 26/10/2012 - 14:47

@waaw33 lei, a mio avviso, pesca nel torbido nessuno, e ripeto nessuno, a mai detto liberi come se non fosse successo nulla. si chiede che, come regolano le leggi (sottoscritte anche dagli indiani) se un crimine o presunto tale viene commesso su una nave, l'autorità che deve giudicare è quella del paese di bandiera del natante quindi, per favore, non dica sciocchezze. se ci pensa un attimo trova alcuni esempi in cui l'Italia non ha fatto come l'india. Per concludere, mi ricorda le grande battaglie dei giornali che legge lei? grazie PS comunque nessuno la obbliga a leggere questo schifo di giornale

Ritratto di wtrading

wtrading

Ven, 26/10/2012 - 14:48

Scusatemi tutti, ma voglio andare fuori dalle righe, mantenendo intatto però la mia forte disapprovazione verso il Governo Indiano: certo è che questa occasione di entrare in ballo, fa molto comodo a Montezemolo in questo momento politico in cui Berlusconi si ritira.!!... O sto pensando male ? Mandatemi pure a quel Paese, ma ditemo cio' che pensate. Grazie !...

Ritratto di ContessaCV

ContessaCV

Ven, 26/10/2012 - 14:48

Questo è il colmo : ora gli Indiani sono disturbati dalla nostra Bandiera ?? Bene , allora speriamo che da domani mattina tutti gli Indiani che abbiamo in Italia, sotto la nostra Bandiera, se ne vadano e se ne tornino a casa loro, Ambasciata compresa. In questo modo non saranno più disturbati dalla nostra Bellissima Bandiera e noi finalmente non saremo più disturbati da loro.

philippoprimo

Ven, 26/10/2012 - 14:50

Il nostro ministro degli esteri (uomo sponsorizzato dall'immobiliarista di Montecarlo G. Fini) é il peggiore ministro degli esteri che abbiamo mai avuto. Raccoglie solo schiaffi per l'Italia e dovrebbe avere la decenza di stare zitto visto che le azioni da lui svolte in favore dei nostri fucilieri sono totalmente nulle.

mbotawy'

Ven, 26/10/2012 - 14:56

E'ben risaputo che il popolo indiano e' di natura molto attaccato al denaro, come per esempio gli ebrei.Infatti osservate la agilita' delle loro mani, sembrano create per contare denaro.Sono stato convivente per quattro anni con una donna indiana. Le Rupie manderanno a casa i nostri due Maro'.

lamwolf

Ven, 26/10/2012 - 14:56

Il Ministro indiano dice di non essere coerenti? e loro che non lo sono con i trattati intenternazionali, ratificati, quelli sulla competenza su acque internazionali, proprio loro ci vengono a fare lezioni di democrazia? Stanno dando dimostrazione al mondo di quanto sono antidemocratici, illiberali e soprattutto con una giustizia che non ha ne capo ne coda, insomma un guazzabuglio che non ha regole e lo si nota dai continui rinvii da oltre un anno con una mancanza sbalorditiva e assurda nel gestire eventi esteri. Detengono illegalmente due nostri soldati un sequestro di persona ingiustificato che li pone in modo ridicolo a livello mondiale. Ho contribuito con un'email a far si che i nostri colori rappresentati dalla rossa Ferrai porti il messaggio che sarà distribuito a tutto il mondo. Tutto il mondo saprà del fatto e potrà capire che l'India è si una potenza ma di illegalità. Aggiungo che l'Europa, e l'Onu si diano una svegliata che dormono si quattro guanciali.

Ritratto di wtrading

wtrading

Ven, 26/10/2012 - 14:56

Quanti voti guadagnerà il buon Montezemolo alle prossime elezioni politiche se, con questa mossa, darà un forte contributo a far rientrare i due marò ??!!!...a voi la risposta !

paolodb

Ven, 26/10/2012 - 15:00

Evidentemente l'iniziativa ha colto nel segno. Ottimo.

Willy Mz

Ven, 26/10/2012 - 15:02

"Usare gli eventi sportivi per promuovere cause che non siano di natura sportiva non è in linea con lo spirito sportivo" incarcerare invece due persone che hanno solo fatto il loro dovere non è in linea con lo spirito di libertà!

CALISESI MAURO

Ven, 26/10/2012 - 15:03

andrea 24 la bandiera e' su un mezzo di proprieta' italiana, offende solo chi ha la coscienza sporca. a mio avviso non conta nulla, quello che conta e' che sti signori fanno quello che vogliono grazie alla debolezza e dabbenaggine degli italici, perche' una cosa e' chiara hanno usato l'inganno preteso soldi per liberare la nave non hanno uno straccio di prova in mano e sono andati contro tutti gli accordi internazionali. Tutto qui. Attenzione pero' prima o poi capita a tutti di aver bisogno di unita' e di un sistema paese alle spalle... le sara' negato questo... montezuma arriva per tutti:))

alessandro_marangon

Ven, 26/10/2012 - 15:03

siete così sicuri delle prove e dei fatti?

magiconic

Ven, 26/10/2012 - 15:08

Vergogna! Vergogna! Mi rivolgo al Governo italiano, che non è capace di far valere le proprie sacrosante ragioni per via diplomatica, per farsi sostituire poi, nel proprio dovere, da una casa automobilistica...Povera ITALIA!

pinolino

Ven, 26/10/2012 - 15:11

L'utilizzo dei grandi eventi sportivi per promuovere cause politiche è una pratica vecchia quanto la storia dell'uomo. Per dirne una, quante edizioni dell'olimpiade moderna sono state prive di risvolti politici? E comunque vedere il primo ministro indiano che premia Alonso con la bandiera della marina cucita sulla tuta sarebbe una soddisfazione senza prezzo.

Ritratto di michageo

michageo

Ven, 26/10/2012 - 15:13

capite ora da dove nasce il modo di dire: via, non faccia l'indiano.......

chiara 2

Ven, 26/10/2012 - 15:13

La figura di emme la farà l'India ma, cosa peggiore, il nostro governucolo di cui non riusciamo a scollarci.

Amon

Ven, 26/10/2012 - 15:17

@marforio invece gli italiani sno conosciuti nel mondo proprio per la loro onesta' vero?

elalca

Ven, 26/10/2012 - 15:18

chissà se questa cosa fosse successa a due militari statunitensi o israeliani.............la cosa si sarebbe risolta nell'arco di 48 ore. purtroppo per noi abbiamo al governo ladri e incapaci con vita breve, forse e per fortuna!

Ritratto di elio2

elio2

Ven, 26/10/2012 - 15:18

Pur non condividendo il coinvolgimento della ferrari in questa oscenità di questo incapace governo di burattini, oramai presa la decisione l'avrei sbandierata in ogni dove la bandiera della marina, per ricordare al mondo di quanto sono indietro questi indiani, anche se hanno l'atomica e di riflesso, di quanti personaggi senza valore è composto il nostro governo, anzi il governo del novello napoleone, visto che gli Italiani non lo hanno mai votato.

ERASMO VESPIGNANI

Ven, 26/10/2012 - 15:19

COMPLIMENTI SIG. MINISTRO DEGLI ESTERI INDIANO, COME SI DICE DA NOI "HA PERSO UNA OTTIMA OCCASIONE PER TACERE". ANCH'IO RITENGO CHE L'ATTUALE GOVERNO NELLA FIGURA DEL MINISTRO TERZI ED IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA SI SIANO IMPEGNATI NON CON LA DOVUTA SOLERZIA E FERMEZZA. GLI STRUMENTI ERANO E SONO A LORO DISPOSIZIONE MA SONO STATI VALUTATI (SE LO SONO STATI)FORSE CON TROPPA LEGGEREZZA. MA COME CI FACCIAMO METTERE I PIEDI SUL COLLO DALL'INDIA POTENZA ECONOMICA, FRUTTO DELLO SFRUTTAMENTO MINORILE E DALLA PRODUZIONE DI ARTICOLI DI BASSISIMA QUALITA'? REAGIAMO CON FORZA E RIPORTIAMOCI A CASA I DUE MARO'.

Ritratto di rapax

rapax

Ven, 26/10/2012 - 15:21

minacciare l'india di controllare tutti i suoi cittadini in Italia e in mancanza di regolarità(il 99%) rispedirli al mittente..ps iniziamo con liberarci dei 108..reclusi, delle loro "risorse" umane facciamo volentieri a meno..

Amon

Ven, 26/10/2012 - 15:23

sembrate tutti sicuri dell'innocenza dei maro' e se avessero fatto il tiro a segno sui pescatori come gli americani sui civili afgani? se i pescatori fossero vostri parenti? se se se siete troppo dei tifosi senza testa ce lo metteranno sempre in quel posto...

Mario-64

Ven, 26/10/2012 - 15:25

Gia' ,invece e' "sportivo" far entrare una nave in porto con l'inganno ,arrestare e trattenere due soldati stranieri in uniforme senza lo straccio di una prova ... ma che pensino alle centinaia di milioni di morti di fame che popolano il loro miserrimo paese!

Ritratto di vomitino

vomitino

Ven, 26/10/2012 - 15:28

quell'omino del "Sig." Monti non ha ancora deciso con quale gestualita' ,delle mani, controbattere agli Indiani...e visto i suoi attributi temo lo fara' mai! quanto agli Indiani invece di attaccare la Ferrari...si attaccassero al .....!

nonnoaldo

Ven, 26/10/2012 - 15:36

andrea24. Commento veramente idiota. Se,come dice lei l'INdia è un paese sovrano, nel quale la giustizia si applica con fermezza, unita all'etica dei comportamenti, il pregiatissimo ministro degli esteri e quello della giustizia non dovrebbero dare tanto peso al fatto che le Ferrari corrano con la Bandiera della nostra marina. Non vi nulla che lo vieti. Piuttosto, visto che la polizia del Kerala ha usato un bieco inganno (e se ne è vantata) per far rientrare in acque indiane la nostra nave ed arrestare i due marò, per etica avrebbero dovuto imporre al kerala di rilasciare immediatamente nave e marò. Non avendolo fatto non hanno nessun titolo per dare lezioni a chicchessia.

nonnoaldo

Ven, 26/10/2012 - 15:38

Dopo queste dichiarazioni del governoindiano e della banda di grassatori che fa capo ad Ecclestone. la Ferrari ritiri le sue vetture dal gran premio dell'India.

macchiapam

Ven, 26/10/2012 - 15:38

Hanno ragione gli indiani, eredi di una rigorosa tradizione giudiziaria britannica: non si mescolano serie questioni legali col mercantilismo di facciata e colla propaganda populista. Male Ferrari e male il suo pretenzioso presidente.

Peppe62

Ven, 26/10/2012 - 15:38

Onore ai nostri Marò onore ai nostri caduti. Andiamo in India e riportiamoli a casa. Senza se e senza ma!

nonnoaldo

Ven, 26/10/2012 - 15:44

andrea24. Perchè ha perso l'occasione per tacere? Quale affronto nazionale all'india rapprenta la bandiera della nostra marina? Forse, se la marina avesse sponsorizzato la ferrari non si sarebbe potuta esporre la sua bandiera? Bene, in questo caso la Ferrari sponsorizza la marina. Sono i tipi come lei che appresentano uno dei più gravi problemi della nostra nazione.

Moretti Rodolfo

Ven, 26/10/2012 - 15:49

Continuo ad invitare tutti a fare il seguente esercizio, onesti con voi stessi eh! Immaginate che da una nave proveniente dall'Asia dei militari avessero sparato e ucciso dei pescatori italiani a largo di Genova e che questi militari fossero ora nelle mani della giustizia italiana, vorreste davvero che venissero restituiti al loro paese? Immaginate se in occasione di un evento sportivo una squadra di quel paese mettesse una bandiera della loro marina militare per protestare cosa stareste dicendo ora.

Ritratto di marco piccardi

marco piccardi

Ven, 26/10/2012 - 15:49

@Amon : non si discute sull'innocenza o meno dei Fucilieri di Marina. Il punto e' un altro. L'accadimento e' avvenuto in acque internazionali. In questi casi, per Legge, la Nazione alla quale appartengono i sospettati , e' quella che li deve giudicare. Il Governo locale , con un sotterfugio tipicamente indiano, ha indotto il comandante del mercantile sul quale erano imbarcati i nostri Connazionali, ad attraccare. Da quel momento e' cominciato il tutto.

Mario-64

Ven, 26/10/2012 - 15:54

macchiapam ma quale rigorosa tradizione giuridica...ma per favore!! L'India e' uno dei paesi piu' corrotti del pianeta ,per denaro un indiano ti vende sua sorella ,stanno trattenendo due soldati senza lo straccio di una prova da 8 mesi solo per accontentare l'opinione pubblica e qualche boss politico-mafioso in Kerala...

Ritratto di serjoe

serjoe

Ven, 26/10/2012 - 15:55

Una pagliacciata degna del Montezumolo.Tanto valeva appiciccare la bandiera anche sulle bottiglie di vino nostrano,sui formaggi e sui mandolini.L'India ha interpretato questo gesto "geniale" come una provocazione e che risultera' controproducente. Ci manca solo il Montezumolo che si candidi al governo e siamo definitivamente fritti.

emulmen

Ven, 26/10/2012 - 15:58

almeno la rossa ha avuto il merito di far conoscere a tutto il mondo una cosa che sarebbe rimasta quasi nascosta...e con che faccia il ministro degli esteri indiano parla...da domani boicottiamo tutto quello che è indiano, non compriamo nulla che sia di provenienza indiana, innalziamo tutti sui nostri balconi bandiere della marina italiana per far vedere quanto ci teniamo ai nostri amrò alla faccia di quei disgraziati di sinistrati che dimostrano solo di essere anti-italiani! FORZA MARO' FORZA FERRARI!

nonnoaldo

Ven, 26/10/2012 - 15:58

alessandro_marangon. Di prove efatti devono essere sicuri gli accusatori, non gli accusati. Questo secondo tutte le legislazioni degne di tale nome. Nel caso specifico gli indiani hanno collezionato una serie di bufale, prove balistiche fatte in casa, calibri che cambiano, localizzazioni della nave a capocchia e, per finire, lo strano naufragio del peschereccio. Ce n'è più che a sufficienza per affermare che stanno loro calpestando la giustizia.

Howl

Ven, 26/10/2012 - 16:05

Stavolta spero e penso che saranno d'accordo con me anche i più pdellini che abitualmente postano : depil, cast49, ecc.... Io ho scritto all'ambasciata denunciando la loro inciviltà, prepotenza e arroganza e promettendo ogni tipo di boicottaggio lecito a tutto ciò che in Italia sia indiano : non comprerò nulla di produzione indiana, non comprerò nulla in negozi di proprietà indiana, non mi avvarrò di indiani per alcun lavoro sia in casa che in azienda. Sia chiaro tutto questo non come atto discriminatorio nè tantomeno razzista ( sono sposato con una ragazza di colore e ho adottato la figlia che adoro ) ma di protesta ,non servirà a nulla ma è il massimo che posso fare

giovauriem

Ven, 26/10/2012 - 16:08

alcuni commentatori di questo articolo,danno per certo,che quelli uccisi,erano dei pescatori,io non avrei questa certezza assoluta,se fossero stati dei banditi camuffati? e poi chi ha stabilito che sono stati ammazzati dai marò italiani visto che gli indiani non sono stati capaci neanche di fare un esame balistico serio.

Ritratto di salander

salander

Ven, 26/10/2012 - 16:11

@Moretti Rodolfo apprezzo il fatto che si firmi con nome e cognome ma per cortesia non dimostri a tutti poco acume subodorando il fatto che i Marò siano colpevoli quando anche agli occhi del lettore più disattento appare chiaro come siano vittime di una mistificazione colossale delle realtà. Anche con una svogliata ricerca in rete si può facilmente capire come le accuse non stiano nè in cielo nè in terra... e solo il fatto di aver trovato un pusillanime governucolo come il nostro ha permesso tutto ciò.

Ritratto di marco piccardi

marco piccardi

Ven, 26/10/2012 - 16:16

@Moretti Rodolfo, la sua formula astratta e' priva di fonadmentali. Qui di seguito le elenco dei casi concreti. ogni giorno i nostri pescatori corrono il rischio di essere uccisi da marinai tunisini, lagerini, libici. molti pescatori italiani vengono rapiti ed imprigionati perche' accusati ingiustamente di operare in acque territoriali straniere. Che cosa accade? Nulla. L'Italia paga multa, riscatto ei pescatori , dopo lunga permanenza in prigione, tornano a casa dalle loro famiglie. Che cosa accade ad un assassino italiano condannato all'ergastolo che riesce a fuggire in Brasile? Niente. Viene protetto dal governo brasiliano ed ottiene lo status di esule. Che cosa accade ad un cubano che uccide due anziani in Italia? Niente. Riesce a fuggire a Cuba e non verra' mai estradato. buon fine settimana

Ritratto di gianniverde

gianniverde

Ven, 26/10/2012 - 16:18

macchiapam probabilmente lei non è italiano o non merita di esserlo,ma solo per farci capire la Ferrari è uno storico marchio Italiano riconosciuto da tutto il mondo,quindi non vedo nulla di male se difende gli italiani.In quanto al colpevole o innocente è ancora tutto da stabilire,e se i due marò hanno rispettato le consegne allora bisognerebbe che gli indiani accusino la marina italiana.

nonnoaldo

Ven, 26/10/2012 - 16:18

A tutti i commentatori pro India. Non pensate che, dopo quasi un anno, se questi probi e giusti (come voi li definite) indiani, avessero raccolto delle prove degne di tal nome, non avrebbero già emesso delle sentenze. Le prove che hanno raccolto invece scagionano i nostri marò, per cui fanno melina in attesa che l'opinione pubblica indiana si dimentichi del fatto e che si trovi un escamotage per uscire dall'empasse. Ad esempio l'accordo per lo scambio dei prigionieri. Quindi, e ciò fa ribrezzo, condanneranno i due marò, ce li restituiranno perchè scontino la pena da noi, poi, cosa faremo saranno fatti nostri. Loro avranno accontentato i loro paria ed evitato di indagare sui veri responsabili.

STEFANO DE SANTIS

Ven, 26/10/2012 - 16:21

L'arresto dei due Maro' fu organizzato dai servizi segreti francesi e dalla parte deviata di quelli indiani nell'ambito della trattative e relativa corruttela per l'acquisto del RAFALE da parte degli indiani.Aveva ed ha lo scopo di screditare l'Italia,offendere le nostre Forze Armate,dividerci dai BRIC.Va considerato un unicum assieme al caso Battisti,realizzato corrompendo i Brasiliani,con lo stesso scopo. Emissari ovvero provocatori del governo francese si aggirano d'altra parte nel nostro Paese,tengono contatti corruttivi con membri del Parlamento,e nessuna Procura se ne accorge.Nessuna Procura si accorge che nel Senato c'è la sede della piu' pericolosa ed ostile banca francese,direttamente legata alla feccia gollista- sarkozista.Cosi' lo spionaggio francese sa tutto sulle attivita' dei nostri senatori.

gian carlo galli

Ven, 26/10/2012 - 16:21

ma come puo' un paese ideologicamente bugiardo pronunciare simili considerazioni. e noi, che paese siamo se tentenniamo nel salvaguardare i nostri maro' impegnati a fare il proprio dovere ....??

Raoul Pontalti

Ven, 26/10/2012 - 16:23

Una volta tanto concordo con serjoe (oltre che ovviamente con Andrea24). per i bananas: pensate a considerare la questione a parti invertite e allora vi rendereste conto che la posizione espressa dal ministro degli esteri indiano non è poi così peregrina. Considerino anche i bananas cosa si potrebbe dire di eventuali manifestazione di solidarietà per qualsiasi detenuto straniero nelle carceri italiane che dovessero aver luogo in competizioni sportive sul suolo italico.

Ritratto di wilegio

wilegio

Ven, 26/10/2012 - 16:26

Ah, perchè sono sportivi loro, maledetti bastardi!

Ritratto di dalton.russel

dalton.russel

Ven, 26/10/2012 - 16:26

Per alcuni commentatori, l'India, è una culla di civiltà giuridica, evidentemente, non sanno neanche di cosa parlano.Per altri, i nostri marò si sono divertiti a fare il tiro a segno. Per me, siete solo dei New Troll(s) all'epoca di (s)concerto grosso.Le musiche erano di Louis Enriquez Bac(c)a(là)lov. Dalton Russell.

pierpang

Ven, 26/10/2012 - 16:27

Se dopo i fatti del Cermis gli americani avessero esposto la bandiera dell'aviazione sulla maglietta dei loro atleti alle olimpiadi penso che li avremmo linciati. Ma dico, prima ammazzi la loro gente e poi vai a casa loro a gridare che han fatto bene? L'Italia è un paese di matti!

Ritratto di Soccorsi

Soccorsi

Ven, 26/10/2012 - 16:32

Richiedere ad una nave italiana in navigazione di entrare in acque territoriali indiane sotto il "falso pretesto" di identificare alcuni pirati appena arrestati dalle autorità dell'India e per assistere nelle indagini in corso a seguito di un incidente di pirateria occorso in acque internazionali infestate da pirati, nel quale 2 presunti pescatori erano rimasti uccisi, è un fatto molto più grave, internazionalmente inammissibile se non condannabile, che quello di esporre sulle Ferrari la bandiera della Marina militare italiana come solidarietà e legittima protesta per l'illecita detenzione di due Marò italiani da parte delle autorità indiane.

Ritratto di robertoguli

robertoguli

Ven, 26/10/2012 - 16:32

Condivido il consenso per l'atteggiamento Ferrari e mi auguro che possa portare fortuna a Montezemolo nel confronto con comici e nani della politica la cui presenza spero sia arrivata al giro di boa. Buona fortuna ai "marò". Distinti saluti. Roby

cotoletta

Ven, 26/10/2012 - 16:33

vi ricordate la vicenda degli 8 ostaggi italiani rapiti in egitto a marzo? ebbene sono stati liberati dopo una trattativa condotta da loro stessi estromettendo la farnesina. se aspettavano il nostro governo erano ancora là?

Ritratto di cartastraccia

cartastraccia

Ven, 26/10/2012 - 16:38

Non posso che essere d' accordo con gli indiani, in tutta questa vicenda si stanno comportando in maniera esemplare e molto piu' civilmente della civilissima Italia...

Ritratto di kywest

kywest

Ven, 26/10/2012 - 16:46

Moretti Rodolfo.Cermis. Le dice niente? Non in acque internazionali ma sul territorio italiano. Eppure l'Italietta rispettò i trattati. Ecco, forse l'errore sta proprio nel rispettare chi non ti rispetta. Continuate pure a giustificare i comportamenti da terzo mondo di una nazione ricca, ma non per questo evoluta.

Italianoincazzato

Ven, 26/10/2012 - 16:47

Dite al ministro Indiano si piantarla di fare "l'indiano" su quelle che sono le competenze internazionali e quelle no. Questo suo tipo di comportamento è molto più grave di quello della Ferrari che vuol dare un segnale ai 2 Marò. Noi siamo con i Marò e con la Ferrari e avanti tutta!

Ritratto di cartastraccia

cartastraccia

Ven, 26/10/2012 - 16:50

ORA BASTA: mandiamo SALANDER a riprenderli... con la sua fine dialettica e le sua argute argomentazioni, se non gli scappa qualche scaracchio attraverso la dentiera, sono sicuro che convincera' le autorita' indiane a restituirci i nostri ragazzi!!! Sontenete salander....

killkoms

Ven, 26/10/2012 - 17:02

forza ferrari ed in cxxo agli indù!

killkoms

Ven, 26/10/2012 - 17:05

@daltonrussel,la tua culla di civiltà giuridica,tollera ancora gli spoesi bambini e il sati!

Ritratto di Gio47

Gio47

Ven, 26/10/2012 - 17:05

perchè non cominciamo a stringere la borsa degli aiuti a questi paesi canaglia? e se qualcuno ha da ridire, lo faccia di tasca sua e non con i soldi dei cittadini tutti o quasi. via tutti gli indiani che non rispettano le leggi Italiane.

Ritratto di cartastraccia

cartastraccia

Ven, 26/10/2012 - 17:06

ADESSO BASTAAAAA!!!! Mandiamo subito salander a liberare i nostri ragazzi.... cona la sua fine dialettica ed i suoi ragionamenti arguti a meno che non gli scappi qualche sputacchio per via della dentiera sicuramente sapra convincere il ministro indiano a restituirceli...

Ritratto di dido

dido

Ven, 26/10/2012 - 17:10

@ Amon. Sapere ed essere coscienti che gente che la pensa come lei, l'Italia ne è piena, ci fa ancora più inorgoglire sul fatto che i due marò hanno compiuto solo il loro dovere. Il suo commento è tipico di coloro che sguazzano nella melma, tipico dei comunisti, per denigrare le forze armate e di conseguenza le leggi europee, emanate per difendere dalla pirateria le navi commerciali di tutto il mondo.

OIRAM

Ven, 26/10/2012 - 17:15

Ritengo positivo e virile l'atteggiamento della Ferrari,conosciuta ed apprezzata in tutto il mondo, cui si contrappone un atteggiamento da 8 settembre del nostro governicchio, nato da un golpe avente diversi padri. Sarebbe però più significativo annunciare "urbi et orbi" che , se entro quindici giorni i due marò non saranno a casa ,le truppe italiane schierate in Afghanistan non proteggeranno pù quelle indiane schierate a loro fianco, come già successo e verranno immediatamente richiamate in Italia. Credo che in tal caso la situazione si risolverebbe subito, provocando una presa di coscienza da parte dell'Amministrazione U.S.A., delle inutili U.E. ed O.N.U. ed anche dello stesso governo indiano. Per fare questo ,però, servirebbe un po' di coraggio e,dato che il sedicente governo Monti non ce l'ha, non può darselo.

Ritratto di cartastraccia

cartastraccia

Ven, 26/10/2012 - 17:18

Alla fine la Ferrari non esporra' un bel nulla...

Marcello58

Ven, 26/10/2012 - 17:28

il nostro ministro degli esteri dovrebbe alzare la voce e far capire agli indiani che il vessillo è innanzitutto la bandiera italiana, ed esporla su proprie vetture non dovrebbe essere un delitto. Che poi sia il vessillo della nostra Marina Militare dovrebbe ricordargli che da 8 mesi due persone stanno attendendo di essere riconosciuti colpevoli o meno, e che le loro procedure non sono state molto corrette...... Il problema però è anche che la giustizia indiana, a quanto pare, non sia molto dissimile da quella nostrana...... ed i loro tempi sembrerebbero molto simili a quelli nostri !!!!!!

michele lascaro

Ven, 26/10/2012 - 17:34

Mi auguro che la Ferrarinon si lasci intimidire da questi, che ritengono fare a meno delle norme internazionali, ma se ne ricordino solo quando fa comodo a loro.

precisino54

Ven, 26/10/2012 - 17:34

La mia idea su questa uscita del ministro indiano: il fatto stesso che ha sentito la necessità di “farci la morale” sullo sport, da la misura esatta dell’effetto dell’esposizione bandiera, e questo è certamente un punto a favore della nostra battaglia. È anche la dimostrazione di quanto fossero erronee le affermazioni di chi diceva che se ne facevano un baffo di questo nostro fare. A chi pensa che l’esposizione di simboli atti a richiamare l’attenzione sulla vicenda sia mirata a sensibilizzare gli indiani dico chiaramente che si sbaglia, il gesto “simbolico” richiesto alla scuderia Ferrari era funzionale a dare risonanza ad un caso caduto quasi nell’oblio e con una platea molto più vasta, chissà che con la magra figura che stanno facendo a livello internazionale ritornano nell’alveo del diritto e abbandonino quello della pirateria. Se poi a questa piccata “bacchettata” si aggiungerà dell’altro, magari qualche tentativo di far penalizzare la Ferrari continueranno a darsi la zappa sui piedi. Chi è in torto marcio deve augurarsi la calma e non il clamore, lo sputtanamento che ne può venire per loro, sempre alla ricerca di partnership, sarà concreto.

salerno1979

Ven, 26/10/2012 - 17:42

Premesso che i nostri ragazzi non dovrebbero stare lì (lo ripeto come ho fatto ieri: l'india sta violando il trattato internazionale sulle acque territoriali che a suo tempo ha ratificato). A mio avviso questo si tratta di un sequestro. Premesso che il nostro stato non ha avuto gli attributi (purtroppo come spesso capita) per affrontare diversamente e incisivamente questa vicenda. Premesso che nonostante ciò mi sento orgogliosamente italiano...ma Luca CdM non poteva dire che la Marina Italiana in quest'occasione si è prestata come sponsor? Li avremmo presi in giro, perchè è quello che si meritano. Torno a dire, come ho fatto ieri, che dovevamo fare un embargo o sospendere gli scambi commerciali.

killkoms

Ven, 26/10/2012 - 17:44

@howl,una voltab tanto ne hai fatta una giusta!

Lili72

Ven, 26/10/2012 - 17:44

Per Andrea24: a me sembra che sia lei a confinare con l'India ! ma proprio vicino vicino . Cosa c'entra l'Albania ??? non ha mai sequestrato nostri soldati .Le stupidaggini sinistroidi ( poteva mai un sinistro mancare di diffamare l'Italia ? )se le tenga per sè .

emulmen

Ven, 26/10/2012 - 17:50

@Raoul Pontalti - però cosa dici del fatto che in un referto indiano sui corpi dei due pescatori c'era chiaramente scritto che erano stati colpiti da proiettili da 7,62 mm NON IN DOTAZIONE ai marò che avevano armi da 5,57 mm ? referto che poi è "misteriosamente" scomparso? non vale la pena indignarsi perchè questa è la prova definitiva che i due marò non c'entrano nulla? perchè poi innumerevoli testimoni hanno sentito gli spari in direzione della vicina petroliera greca? perchè l'Andrea Lexie è stata attirata in acque territoriali indiane mentre al momento del fattaccio era al di fuori? spiegami un pò se non sono cose da indignarsi a me povero bananas, dimmelo tu o supremo pozzo di scienza...

achina

Ven, 26/10/2012 - 17:53

La Ferrari lo ha molto più duro dei nostri tecnici politicanti. Comunque Terzi o Ultimo già si è preso il merito di questa iniziativa della Ferrari. Qualche nostro politico sicuramente farà un commento ad hoc dando ragione agli indiani che tenteranno in ogni modo di inflenzare il nosttro governicchio. FORZA FERRARI E FORZA MARO'

killkoms

Ven, 26/10/2012 - 17:56

@amon,hai mai imbracciato un fucile?prova da un edificio,alto 25/30 metri,a colpire 2 tizi sotto una tettoia a 100/150 di distanza,avendo cura di colpirne uno alla tempia ed un altro al petto,avebdo cura di"controllare"la forza della pallottola, leggasi"effetto tumbling"per il calibro 5,56 NATO,in modo che il foro di entrata del proiettile sia il meno devastante possibile ed il più regolare possibile!se ci riesci,non sei bravo,ma controccorrente perchè avrai violato un sacco di leggi di fisica e balistica!

Moretti Rodolfo

Ven, 26/10/2012 - 17:57

marco piccardi e kywest, è vero più o meno quanto dite, ma è giusto? Ovvero il fatto che l' Italia abbia subito delle ingiustizie ci autorizza a farne a nostra volta? ( e bisogna pure vedere caso per caso, per es quando in effetti non siano i pescatoti italiani che sconfinano) Ci stiamo scordando che il dramma più grave non è che due persone stanno in India in attesa di giudizio, ma che delle persone innocenti sono state uccise. E vorrei tanto che i fatti fossero chiariti, ad es se i Marò hanno sparato di testa loro o hanno ricevuto un ordine. Non rispondo alle provocazioni con cui marco piccardi inizia il suo intervento ma faccio una domanda, avete mai visto una foto dei pescatori uccisi? (Forse qualcuno non sa neanche quanti sono) A coloro che invitano ad andarseli a riprendere consiglio di studiare la geografia, dove sta l' India, quanti sono gli indiani, che potenza economica è e che potenza militare. Poi... sarà che io da quelle parti ci sono stato e li conosco come persone tranquillissime ... si arrabbiano solo se qualcuno va li ad ammazzarli.

killkoms

Ven, 26/10/2012 - 18:04

milano si riconferma la città della Colonna Infame di manzoniana memoria!

killkoms

Ven, 26/10/2012 - 18:12

@raouùlpontalto.ancora con le banana(s)in bocca'e parla d'altro!

Howl

Ven, 26/10/2012 - 18:12

killkoms : vedi se sei d'accordo anche con quello che scrivo sulla sentenza di condanna a B, così capisci che le idee diverse sono solo diverse nè giuste nè sbagliate magari andrebbero approfondite e comprese, io ci provo

antonio11964

Ven, 26/10/2012 - 18:15

approvo in pieno l'iniziativa ma la soluzione e' un altra. o un bliz per liberare i maro', oppure rimpatriare tutti gli indiani carcerati a calci nel culo e rastrellare tutti gli irregolari e cacciarli via con tutte le famiglie al seguito. poi....contrattiamo con questi parassiti. basta di abbassare sempre la testa, siamo considerati dei deboli, dei pagliacci in tutto il mondo. BASTA

michele73

Ven, 26/10/2012 - 18:15

La diplomazia per assurgere al suo nobile compito deve liberarsi dello spirito di crociata, deve saper vedere le situazioni dal punto di vista delle altre Nazioni, naturalmente nella speranza che gli Stati interessati siano disposti a compromessi su tutte le questioni che non siano vitali (condizione imprescindibile)… Ecco perché si devono evitare “colpi di teatro” che potrebbero influenzare e condizionare negativamente la decisione della Corte Suprema… buttando praticamente alle ortiche il difficile e delicato lavoro svolto dai legali indiani… Restare in silenzio non vuol dire non aver a cuore la sorte dei Marò! Mandare allo sbando dei militari su navi civili in dispregio di ogni trattato internazionale: questo è da scellerati! Massimo rispetto per le nostre forze armate! Saluti, Ei fu Michele.

antonio11964

Ven, 26/10/2012 - 18:18

@@waaw33 FAI MEGLIO A TACERE...SCEMO.

precisino54

Ven, 26/10/2012 - 18:20

X –kywest- esatto, i patti si rispettano senza se e senza ma! È inutile fare sofistiche considerazioni a base di se. Chi non rispetta la parola data è in ogni caso in torto. A questo punto mi levo un sassolino grande grande dalla scarpa. I nostri marò erano sulla Lexie per fare quello che le autorità locali non erano in grado o non volevano fare: contrastare la pirateria! Forse non era loro interesse perché avevano il loro tornaconto da questo modo di fare, magari per chiudere un occhio o tutt’e due incassavano un po’. Ricordiamoci che la corruzione in quei paesi è quasi istituzionalizzata, si paga per tutto! Il funzionario lo si trova sempre- X – killkoms- carissimo dove sei stato? ho dovuto stare sulle barricate da ieri, per ribadire le situazioni, e rimbeccare gli sproloqui di un certo numero di soggetti che farebbero meglio ad andare nel paese dei loro sogni: l’India! Ora fammi riposare le dita. Ti lascio il testimone. Tranquillo sto scherzando, non hai idea di quanto mi diverto a ricacciare in gola le stup...te di qualcuno. Saluti

antonio11964

Ven, 26/10/2012 - 18:22

datemi retta.... io per conto mio gia' non compro ( mai fatto ) nulla di produzione indiana, e da oggi nei loro confronti saro' piu' razzista che mai, e sputero' in terra ogni volta che ne incontro uno. basta buonismo e basta passare sempre da coglioni.

precisino54

Ven, 26/10/2012 - 18:25

Avevo inviato già ma non lo vedo, si è perso? Il fatto stesso che questo ministro indiano abbia sentito la necessità di “farci la morale” sullo sport, da la misura esatta dell’effetto dell’esposizione bandiera, e questo è certamente un punto a favore della nostra battaglia. È anche la dimostrazione di quanto fossero erronee le affermazioni di chi diceva che se ne facevano un baffo di questo nostro fare. A chi pensa che l’esposizione di simboli atti a richiamare l’attenzione sulla vicenda sia mirata a sensibilizzare gli indiani dico chiaramente che si sbaglia, il gesto “simbolico” richiesto alla scuderia Ferrari era funzionale a dare risonanza ad un caso caduto quasi nell’oblio e con una platea molto più vasta, chissà che con la magra figura che stanno facendo a livello internazionale ritornano nell’alveo del diritto e abbandonino quello della pirateria. Se poi a questa piccata “bacchettata” si aggiungerà dell’altro, magari qualche tentativo di far penalizzare la Ferrari continueranno a darsi la zappa sui piedi. Chi è in torto marcio deve augurarsi la calma e non il clamore, lo sputtanamento che ne può venire per loro, sempre alla ricerca di partnership, sarà concreto.

Ritratto di lucabilly

lucabilly

Ven, 26/10/2012 - 18:30

Da sempre gli eventi sportivi sono serviti a far valere sopraffazioni internazionali. Il ministro indiano ha perso un occasione per star zitto, peraltro pratica molto conosciuta dal governicchio italico imbelle e velleitario. Ringrazio la Ferrari per il gesto. Ammiro i nostri soldati per il loro operato ed il loro lavoro. Disapprovo totalmente i lecchini come Ecclestone ed il ministro indiano che crede di essere Napoleone, usando una prosopopea tipica di quel paese. Pensi soprattutto all'inefficienza delle leggi e dei magistrati del suo paese che trattengono due militari alleati, che hanno compiuto il loro dovere, senza prove reali. Solidarieta` ai nostro Maro'.

precisino54

Ven, 26/10/2012 - 18:31

X - Mario-64, hai letto la mia precisazione sulla questione: beni dello scià?

MARCO 34

Ven, 26/10/2012 - 18:38

Mi domando se R.Pontalti ha "grazie appo" la redazione del Giornale, visto che quando il sottoscritto lo critica o dissente dalle sue opinioni le mie osservazioni non vengono pubblicate,al contrario se concordo (rare volte peraltro).

castragalli

Ven, 26/10/2012 - 18:42

Ci credo che gli indiani sono contrari ad apporre il fiocco sulla Ferrari, forse hanno paura di essere s*uttanati a livello internazionale. La Ferrari accogliendo invece le richieste degli italiani, dà prova di grandissima sportività e patriottismo a favore di nostri militari imprigionati ingiustamente. Alla faccia dei giudici indiani (parenti di quelli italiani??).

Ritratto di federaldo18

federaldo18

Ven, 26/10/2012 - 18:43

E spero tanto che il Dr. Luca Cordero di Montezemolo, non si faccia intimidire e cambi idea !

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Ven, 26/10/2012 - 18:51

Non siamo credibili. Il CERMIS: un paese che si lascia uccidere impunemente decine di cittadini dall' occupante che credibilità ha?

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Ven, 26/10/2012 - 18:53

Mica tutti i paesi si fanno trattare come noi ci siamo fatti trattare in occasione della strage del Cermis..

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Ven, 26/10/2012 - 18:59

kywest il Cermis fu una vergogna per l' Italia. Altro che trattati rispettati... se i trattati sono questi, allora siamo al rango di paese coloniale (e in effetti è così)

GilbertoVR

Ven, 26/10/2012 - 19:05

Siamo riusciti a farci commiserare ed apparire ridicoli anche dall'India per cercare di salvare delle persone di cui non si esclude la loro colpevolezza. Bel colpo.

baio57

Ven, 26/10/2012 - 19:09

@ cartastraccia - Il logo ti si addice proprio .Hai dato la tua foto ad un'agenzia pubblicitaria ,e te l'hanno studiato su misura,vero?

sorciverdi

Ven, 26/10/2012 - 19:13

Egregio Syed Akbaruddin, se lei legge questi commenti le inoltro una preghiera: invece di pontificare (dovrei dire 'invece di dire stronzate' ma non sono uno che parla a vanvera come lei e quindi questa parte del discorso la metto fra parentesi!) si dia da fare affinché venga ristabilito il Diritto e l'India dimostri di essere quel Paese di grande civiltà che ancora voglio sperare sia a dispetto dei dubbi sempre più pesanti al riguardo.

Ritratto di marforio

marforio

Ven, 26/10/2012 - 19:38

xamon-perlomeno gli Italiani che conosco io.In quanto ai rinnegati sciacalli che sputano solo veleno sulla nostra gente,per questi non posso garantire di nulla.Si vede da lontano pero che lei e un paria indiano.

scorpione2

Ven, 26/10/2012 - 19:46

una tiratina d'orecchie alla ferrari la darei volentieri,si e' prestata al gioco scellerato e provvocatorio di questo giornale,si dice sempre che lo sport deve stare fuori dalla politica e invece? si sono abbassati anche loro alla stupidita' del direttore del giornale.bastava che i vertici ferrari non accettavano la provvozione con una battuta: non facciamo politica.per quanto riguarda il giornale e il suo direttore,siete dei provvocatori.

killkoms

Ven, 26/10/2012 - 19:46

@emulmen.attento al"troll dei monti"!

Ritratto di _alb_

_alb_

Ven, 26/10/2012 - 20:22

Si, ma 'sti due perché cavolo si sono messi a sparare a dei pescatori in acque internazionali? Quello è un atto di guerra. Se poi sono stati anche così fessi a farsi prendere non mi fanno sinceramente nessuna pena. Che ci stavano a fare là? È perfettamente normale che l'India si incazzi se una nazione estera uccide i suoi cittadini. I nostri magistrati non avrebbero fatto di meno. Anzi, sarebbero stati a fare DECENNI di processi ANCHE senza avere gli imputati sottomano con la possibilità di perseguirli! Vedi Cermis e Ustica.

eovero

Ven, 26/10/2012 - 20:25

Montezemolo ha fatto un buco in acqua,doveva saperlo bene lui uomo di mondo che l'India non è l'ultima arrivata

comos

Ven, 26/10/2012 - 20:31

Il governo indiano non rompa i coglioni(con tutto il rispetto)e ci consegni i nostri ragazzi.La ferrari dovrebbe mettersi di traverso sulla pista,altro che colori della M.M.

Ritratto di Roger.de.Valmont

Roger.de.Valmont

Ven, 26/10/2012 - 20:31

Conosco di prima mano il Terzo mondo (e l'India, nonostante l'atomica e il vertiginoso incremento dell'economia, è Terzo Mondo) e a mio personale parere, questa mossa è un autogol. Cosi gli Indiani "perdono la faccia" e, per un paese con un passato coloniale e per di più orientale ( per un orientale "perdere la faccia" è il massimo dell'ignominia) rischia solo di complicare le cose. Oltretutto per l'India l'ammissione che a ventidue miglia nautiche dalle sue coste agiscono i pirati e che quindi non è in grado di pattugliare in maniera efficace ( come i fatti del resto dimostrano) non solo l’oceano Indiano ma neppure le sue coste, è molto difficile da mandare giù. La mossa giusta, adombrata nelle scorse settimane, era quella di minacciare di andare a fondo su certe tangenti a quanto pare versate a politici di quel Paese per la fornitura di elicotteri.... Inoltre, con la premessa che io sono sincerissimamente affezionato alle Forze Armate e spero di vedere i due Militari italiani al più presto in patria, devo anche riconoscere che se da una nave indiana fossero partiti dei colpi con la morte di due pescatori italiani, a sole ventidue miglia nautiche dalle nostre coste, probabilmente anche la magistratura italiana avrebbe voluto vederci chiaro. Come sempre avviene quanto si tratta con gli orientali occorre avere molta, molta pazienza: per un orientale Hegel o Kant non sono mai esistiti, per cui ci dobbiamo conseguentemente comportare.

Luchy

Ven, 26/10/2012 - 20:50

Adesso, come nostra risposta da parte della Ferrari, su ogni auto uno dei due nomi dei Marò.

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Ven, 26/10/2012 - 20:53

L' India deve restituirli. Su questo non c'è dubbio. Il problema è che sul diritto internazionale prevale sempre quello del più forte

MARCO 34

Ven, 26/10/2012 - 20:55

Ho visto il telegiornale di RAI 1 delle 20 in cui venivano mostrate le Ferrari con la Bandiera della Marina: non poteva essere nascosta meglio!!!! Sarebbe stata più visibile sugli alettoni di coda sia sul lato ds che sul sn. Credo che anche Montezemolo non dimostrato molto coraggioso

peroperi

Ven, 26/10/2012 - 21:31

anch'io trovo che sia una stupidaggine. I marò dovrebbero essere estradati e giudicati da un tribunale internazionale come è quello dell'Aja. Inutile frignare affinche' ce li restituiscano solo perche' sono italiani. Bisogna prima capire cio' che non si è ancora provato e cioe' se hanno sparato ai due pescatori e ne hanno causato la morte. Quindi bisogna fare un processo giusto lontano da India e Italia. L'aver dato alle famiglie dei pescatori 160.000 euro , che in India sono un'enormità, ci mette oltretutto in cattiva luce ed in odore di colpa

precisino54

Ven, 26/10/2012 - 21:46

Avevo inviato nel primo pomeriggio ma? Stranamente a distanza di ore ancora non vedo il mio post. Certo non posso dire che i miei commenti vengono scartati, anzi, ma perché questi si sono persi? Il fatto stesso che questo ministro indiano abbia sentito la necessità di “farci la morale” sullo sport, da la misura esatta dell’effetto dell’esposizione bandiera, e questo è certamente un punto a favore della nostra battaglia. È anche la dimostrazione di quanto fossero erronee le affermazioni di chi diceva che se ne facevano un baffo di questo nostro fare. A chi pensa che l’esposizione di simboli atti a richiamare l’attenzione sulla vicenda sia mirata a sensibilizzare gli indiani dico chiaramente che si sbaglia, il gesto “simbolico” richiesto alla scuderia Ferrari era funzionale a dare risonanza ad un caso caduto quasi nell’oblio e con una platea molto più vasta, chissà che con la magra figura che stanno facendo a livello internazionale ritornano nell’alveo del diritto e abbandonino quello della pirateria. Se poi a questa piccata “bacchettata” si aggiungerà dell’altro, magari qualche tentativo di far penalizzare la Ferrari continueranno a darsi la zappa sui piedi. Chi è in torto marcio deve augurarsi la calma e non il clamore, lo sputtanamento che ne può venire per loro, sempre alla ricerca di partnership, sarà concreto.

precisino54

Ven, 26/10/2012 - 22:00

Già inviato invano. Lo ripropongo sperando in miglior fortuna. X –kywest- esatto, i patti si rispettano senza se e senza ma! È inutile fare sofistiche considerazioni a base di se. Chi non rispetta la parola data è in ogni caso in torto. A questo punto mi levo un sassolino grande grande dalla scarpa. I nostri marò erano sulla Lexie per fare quello che le autorità locali non erano in grado o non volevano fare: contrastare la pirateria! Forse non era loro interesse perché avevano il loro tornaconto da questo modo di fare, magari per chiudere un occhio o tutt’e due incassavano un po’. Ricordiamoci che la corruzione in quei paesi è quasi istituzionalizzata, si paga per tutto! Il funzionario lo si trova sempre- X – killkoms- carissimo dove sei stato? ho dovuto stare sulle barricate da ieri, per ribadire le situazioni, e rimbeccare gli sproloqui di un certo numero di soggetti che farebbero meglio ad andare nel paese dei loro sogni: l’India! Ora fammi riposare le dita. Ti lascio il testimone. Tranquillo sto scherzando, non hai idea quanto mi diverte ricacciare in gola le stup...te di qualcuno. Saluti X - Mario-64, hai letto la mia precisazione sulla questione: beni dello scià?

Ritratto di oliveto

oliveto

Ven, 26/10/2012 - 22:05

L'india? Ma che razza di Paese è mai questo. Oltre a fare figli come conigli è una grande tribù di alcune centinaia di milioni di individui ( conigli ). Che cosa vogliono la magistratura e i politici indiani? Una sola cosa, una grande mazzetta di € e che non se ne parli più PER LA VERGOGNA. MONTEZEMOLO HA FATTO BENE E FAREBBE ANCORA MEGLIO A RITIRARE LA SCUDERIA DA QUESTO paese di m...da.

Ritratto di Reinhard

Reinhard

Ven, 26/10/2012 - 22:10

Brava Ferrari, una bella umiliazione internazionale per l'india.

Giovanmario

Ven, 26/10/2012 - 23:21

sarà meglio che montezemolo non si faccia vedere da quelle parti.. un reatuccio anche per lui lo troverebbero di certo

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Sab, 27/10/2012 - 01:29

Anziché preoccuparsi dello spirito sportivo, l'India si preoccupi di rispettare le regole e gli accordi internazionali. CI RESTITUISCA I MARO'.

sale.nero

Sab, 27/10/2012 - 04:18

Proprio loro parlano di 'spirito sportivo'. Sanno fare bene gli 'indiani'

losit3

Sab, 27/10/2012 - 08:20

Ma veramente dobbiamo ancora dare ascolto e importanza a questa gente che non sa stare al mondo, uno non è libero di esporre vuoi per orgoglio o per passione o semplicemente perchè gli piace una bandiera della marina o di qualsiesi forza armata del proprio paese sulla sua maglietta o vettura o dove crede più che vada bene, allora sia alla fine . le colpe più gravi fino adesso sono del nostro governo che continua a tenere quei ragazzi ancara li e se ne sta bello zitto zitto senza muovere ciglia, poveri ragazzi e italiani come siamo messi, DOVEVA CAPITARE AGLI AMERICANI E POI SI VEDEVA SA ANCORA ERANO IN INDIA ? RCORDATE I PILOTI CHE ABBATTETTERO LA FUNIVIA NEL NOSTRO PAESE QUEI MILITARI SONO ANCORA QUI O NO ?....................Ma quando sti nostri governanti li mandiamo a zappare.

Franco40

Sab, 27/10/2012 - 08:21

Qualunque sia la colpa del due Marò, in base alle leggi internazionali, gli stesso debbono essere giudicati in Italia, sono dei militari e non dei civili. Inoltre la missione era di protezione delle navi contro i sequestri. Gli indiani si trovano in una posizione illegale e il diritto internazionale non permette loro di gioudicare i Marò. L'India mostra tutta la sua anti democraticità con questo sopruso.

Bozzola Paola

Sab, 27/10/2012 - 08:31

@AMON .Certamente siamo sicuri della trasparenza dei nostri due Marò. Non è nel nostro dna fare il tiro a segno sulla gente. E questo ce lo dimostra il solo numero dei nostri soldati in Afganistan, in Iraq o negli altri posti dove sono stati mandati I NOSTRI. @waaw33 se fossero stati indiani a sparare( NON SI SA) su italiani erano gia a casa con tante scuse. Lo steso episogio è successo ad una nave anericana ricordate? Bene i due americani sono a casa loro perchè il comandante della nave non è stato così coglione come il nostro ad accettare il l'INVITO dell'india ad entrare in porto PER TESTIMONIARE!!!!!!!! MA SE IN iNDIA PER DUE SOLDI VENDEREBBERO LA MADRE LA NONNA E LA FIGLIA.

Franco40

Sab, 27/10/2012 - 08:37

La cosa più sensata - che evidentemente non è stata presa in considerazione dal ns.Governo - sarebbe di dare PRECISE istruzione alla navi italiane anti pirateria di proteggere SOLTANTO le navi battenti Bandiera Italiana o noleggiate da imprese italiane. So bene che ciò è contro gli accordi internazionale ma TUTTO il mondo se ne frega dei nostri Marò questo è forse il momento che l'Italia VEDA SOLO I PROPRI INTERESSI.

bruno est

Sab, 27/10/2012 - 08:43

Forza Ferrari. Ma guardiamo anche le inciviltà di casa nostra. Come Italiano sono indignato per il vergognoso comportamento dei tifosi del Livorno che ieri sera in massa si sono voltati di spalle al momento di osservare il minuto di silenzio per il militare italiano ucciso in afghanistan. Vergogna, è ora di finirla con queste vigliaccate negli stadi. IL vostro Giornale che si è sempre distinto per il rispetto nei confronti dei nostri ragazzi in missione non può ignorare questa notizia!!!!

nino47

Sab, 27/10/2012 - 17:37

Force India..era una formula uno.Adesso cosa c'è da dire? Che la Ferrari faccia attenzione, perchè magari ,visto il "polso fermo" dell'Italia, questi arresteranno tutto il team con l'accusa di sovversione. Così la Ferrari la rivedremo in pista fra dieci anni. Forse!!

killkoms

Sab, 27/10/2012 - 21:18

@precisino54,purtroppo non posso stare sempre"sul pezzo",ma nel mio piccolo sono sempre pronto a contrastare con scienza e coscienza chi spara assurdità solo per tebere impegnati i pollici!saluti.