Chi è

Amedeo Guillet, barone di Albigny, è stato talvolta definito «il Lawrence d’Arabia italiano» per le sue imprese in Medio Oriente e in Africa Orientale. A rigore, ha conseguito più meriti del celebre uomo cui è stato paragonato. Da soldato è stato protagonista della leggendaria resistenza agli inglesi in Eritrea anche dopo la resa ufficiale delle truppe italiane. Dopo il 1946, lasciato l’esercito per la diplomazia, ha svolto tra l’altro un ruolo decisivo per evitare una guerra nello Yemen e, alle Nazioni Unite, per garantire all’Italia il mantenimento del possesso dell’Alto Adige e di Trieste. Il tutto con ammirevole umiltà.