La Cia rivela: «Gli Ufo? Eravamo noi...»

«Ricordate negli anni '50 i report su attività insolite nei cieli? Eravamo noi...». Con un tweet la Cia mette la parola fine a un giallo durato oltre 60 anni. Quelle strane formazioni luminose più volte avvistate in Europa, soprattutto sopra la Norvegia, che alimentarono le teorie sulla presenza di oggetti volanti venuti da altri mondi. Ebbene, non si trattava di Ufo, ma di esperimenti condotti dall'intelligence Usa con aerei da ricognizione U-2. Fine del mistero, con buona pace degli appassionati di dischi volanti e di chi non ha dubbi sulla presenza degli extraterrestri che aleggiano sulle nostre teste. Uno scoop per il neonato account Twitter degli 007 Usa, che in un mese di attività conta già oltre 630.000 follower. Allegato all'ultimo cinguettio della Cia c'è la spiegazione di ciò che avveniva ai tempi della guerra fredda sui cieli del Vecchio Continente, a due passi dall'Unione Sovietica. Si sperimentavano nuovi aerei-spia che volavano oltre i 18.000 metri, una quota fino ad allora irraggiungibile. Per questo i piloti degli aerei commerciali che avvistavano sopra di loro quelle strane luci non sapevano darsi una spiegazione. Per decenni tutto è rimasto segreto, per coprire il programma di spionaggio portato avanti dall'amministrazione Usa durante la guerra fredda.

Commenti
Ritratto di chris_7

chris_7

Dom, 06/07/2014 - 18:06

c'era da aspettarselo, secondo me la metà degli avvistamenti sono prototipi e un' altra parte (più piccola) sono bufale.

Ritratto di flavio.apollonio

flavio.apollonio

Lun, 07/07/2014 - 09:08

ma i dischi volanti (clipei volantes, trabes igneae, faces ardentes) che vedevano gli antichi romani, cos'erano armi segrete cartaginesi?