La casta che si indigna solo se è intercettata

Bruxelles inconcludente anche sulla farsa Datagate

Bastano tre frasi, tre dichiarazioni dei Grandi d'Europa per capire di cosa parliamo davvero quando parliamo di Datagate e di «reazioni dell'Ue». Monsieur Hollande: «L'Europa all'unanimità dice basta allo spionaggio americano». Il signor Letta: «Contro il Datagate c'è un'iniziativa di Francia e Germania in cui ci sentiamo sostanzialmente coinvolti». Frau Merkel: «Non Francia più Germania, ma ogni Paese individualmente si metta in contatto con gli Usa per accordarsi individualmente in materia di intelligence». Europa avanti in ordine sparso, tanto per cambiare. E non c'è da stupirsi, a Bruxelles non si trova la quadra su questioni serie, sarebbe una sorpresa se si facesse fronte comune sulla farsa chiamata Datagate: tutti spiano tutti, lo sapevamo, lo sappiamo, continuerà così. Ma è interessante notare quanti falsi miti e contraddizioni abbia svelato questo scandalo di plastica. Già nello scorso giugno le rivelazioni del Guardian e di altri quotidiani europei ci avevano confermato che siamo tutti spiati da Prism e altri simili sistemi tecnologici, che sostanzialmente raccolgono dati a strascico. I leader europei all'epoca si erano limitati a dichiarazioni di circostanza, Angela Merkel in Germania era addirittura stat accusata di sottovalutare la questione. Appena si scopre che intercettano pure il suo cellulare scoppia una crisi diplomatica. Gli sguardi torvi e le frasi di fuoco di questi giorni fanno l'effetto di una specie di «effetto casta». Se a essere ascoltati sono cittadini e aziende, i governanti sbuffano scocciati, se invece sono i politici, bisogna convocare l'ambasciatore e rompere i rapporti diplomatici. E le sorprese non sono finite qui. Già oggi il tono delle proteste dei potenti d'Europa si va affievolendo. Viene il dubbio che stavolta ci si sia accalorati così tanto sul Datagate soprattutto perché ha consentito di deviare l'attenzione dai ben più importanti temi sul piatto del vertice di Bruxelles che, come tutti gli ultimi summit europei, difficilmente riesce a produrre decisioni importanti sui dossier reali, quelli dove gli interessi nazionali sono in conflitto. A pensar male, ai leader farebbe comodo un Datagate per ogni vertice, negli ultimi tempi. Infine l'ultima nota stonata. Ma non ci avevano detto che bisognava assolutamente salvare l'italianità di Telecom, perché era un asset strategico e perché le nostre conversazioni altrimenti sarebbero state a rischio intercettazioni? Addio a un'altra foglia di fico: siamo spiati già benissimo così.

Twitter: @giuseppemarino_

Commenti

Mario Mauro

Sab, 26/10/2013 - 10:23

Il signor Letta sostiene che dobbiamo sentirci coinvolti nelle iniziative di Francia e Germania anche se, mi sembra di capire, i nostri caporioni non sono mai stati intercettati e, per contro, Francia e Germania non si sentono mai minimamente coinvolte nelle nostre e sopratutto nei nostri problemi. Ma occorre notare che il fatto di essere sfuggiti alle intercettazioni della NSA dimostra una volta di più quanto poco contiamo. E quanto poco continueremo a contare, a nostro interminabile danno, fino a che non arriverà qualcuno con le palle che, andando a vedere il bluff della minaccia di catastrofi, deciderà di portarci fuori dall'euro. Che sarà l'unico modo per toglierci dall'infelice situazione attuale, altrimenti irrisolvibile, e per farci tornare a contare tra i "grandi". Come ervamo capaci di contare quando avevamo la nostra liretta. Naturalmente, Partito democratico, magistratura e società civile politicamente corretta permettendo. Il che, purtroppo, non è scontato.

LAMBRO

Sab, 26/10/2013 - 10:44

E' DA UNA VITA CHE SANNO TUTTO!! INTERNET, I SISTEMI OPERATIVI , L'ETERE, LE COMUNICAZIONI VIA CAVO , I DATI SENSIBILI E EL BANCHE DATI, LE CELLE DI COPERTURA DEI CELLULARI, I SATELLITI SPIA ecc. ...A COSA SERVONO?? COSA VOGLIONO NASCONDERE....CHE PUTTANATE HANNO FATTO PER AVER PAURA? CREDO TANTE.....

Ritratto di unLuca

unLuca

Sab, 26/10/2013 - 11:25

Ha ha ha ha ha ha ha ha ha gli Stati Uniti chissà come saranno impauriti !!!!!

Ritratto di stenos

stenos

Sab, 26/10/2013 - 12:13

Fanno finta di indignarsi, ma alla fine e sempre : si badrone.

alberto_his

Sab, 26/10/2013 - 15:24

Che esistano agenzie deputate a raccogliere informazioni nei servizi è cosa nota, che arrivino allo spionaggio plausibile. Questo vale in ambito aziendale come in ambito governativo, ovvero ovunque si possiedano o trasmettano informazioni sensibili. Per questo esiste il contro-spionaggio. Una volta resisi conto di essere intercettati si può agire in due modi: continuare come nulla fosse passando informazioni "addomesticate" (ma non è questo il caso) o chiudere la falla, eventualità della quale si accorgono solo lo spiato e lo spiante. Nel caso la notizia diventi di dominio pubblico si fa invece la figura dei minchioni. Parlare di casta in questo caso è totalmente fuori luogo. Facile possa esserci una regia dietro queste rivelazioni, ma dubito purtroppo possano far saltare l'accordo economico (per inciso, molto penalizzante in prospettiva per il nostro paese) tra le due sponde dell'Atlantico.

piertrim

Sab, 26/10/2013 - 19:56

DX e SX si indignano solo se intercettati, mai quando vengono presi con le mani nel sacco o spolpano tranquillamente il loro popolo, nemmeno quelli che appaiono onesti, in questo buio periodo per la maggioranza delle famiglie, non riescono ad indignarsi per i loro colleghi. Perchè?

Peppone1969

Gio, 31/10/2013 - 09:53

@Piertim. Perché mio nonno mi disse che nell'orticello dove mangi con gli altri non devi lamentarti. Questo fanno i politici. Nel loro orticello non consentono a nessuno di creare casini, ma sono sempre in prima linea per creare zizzania in quello degli altri. Questi delinquenti avrebbero dovuto starsi zitti dopo aver spiato mezza popolazione italiana. Lo siamo tutt'ora dallo stato. Ma questo ci riporta all'inizio. Se loro spiano noi é per la sicurezza del paese, ma se lo fanno gli americani con le stesse finalitá allora non va bene. SPIAREèSPIARE schifo uno schifo l'altro. Ora vogliono riorganizzare le modalitá con gli americani. Che ci controllano. Ma ci controllano pure cinesi e russi. Arabi, giapponesi e koreani. Cosi come eravamo sotto i tedeschi, gli austriaci, gli hobbit, ....e sotto ogni razza che si svegliava la mattina con il piede storto. Tanto niente facevamo allora e niente facciamo adesso. Pizza, calcio e mandolino.