Denver, il killer era paziente psichiatrico

Alla psichiatra avrebbe inviato un quaderno con gli schizzi del suo piano sanguinario poco prima di metterlo in atto

James Holmes, il killer responsabile della strage di Denver, era in cura da una psichiatra specializzata in schizofrenia. Per la prima volta gli atti processuali tirano in ballo Lynn Fenton, presso cui Holmes era in cura. La difesa vorrebbe entrare in possesso di un quaderno di appunti che Holmes le avrebbe spedito prima dell'incursione nel cinema di Aurora, durante la quale ha ucciso dodici persone e ferendone 58 durante la prima del nuovo film di Batman.

Il killer avrebbe infatti inviato alla Fenton un quaderno di schizzi con i dettagli del suo piano sanguinario. Non si sa se il pacco sia arrivato in tempi utili all'università, da cui James Holmes si era ritirato da breve tempo. Sulla questione è stato finora mantenuto il più stretto riserbo.

Commenti
Ritratto di Memphis35

Memphis35

Sab, 28/07/2012 - 10:51

E si dice solo ora? Vedo che negli U.S.A non sono molto più furbi che da noi. Anche in assenza di un Basaglia locale.

Ritratto di Gianfranco Robert Porelli

Gianfranco Robe...

Sab, 28/07/2012 - 11:13

In ordine ai metodi educativi io penso che le punizioni corporali, irrogate dal capo-famiglia, siano assolutamente necessarie. Il ragazzo, perchè di un ragazzo si tratta, dovrebbe avere il suo papà. E allora perché il padre è venuto meno al suo obbligo di educare proprio a sua immagine e somiglianza? Chissà? Forse salterà fuori che la madre è una liberamorista del "yes we can" e il padre ha altro cui pensare. Mi dispiace ma qui è la società americana che non funziona.

Giorgio Rubiu

Sab, 28/07/2012 - 11:42

La paranoia è l'anticamera della schizofrenia; ma i paranoici sono molto abili nel nascondere la loro malattia che appare solo a tratti. Resta comunque lo stupore nello scoprire come negli USA, in onore alla legge che da diritto ai cittadini di essere armati, un pazzo scatenato, con un computer ed una carta di credto, possa acquistare on line fucili automatici d'assalto, armi da fuoco d'ogni genere, esplosivi e quant'altro possa essere necessario per perpetrare una strage. Qui non si tratta di modificare la Carta Costituzionale; ma un qualche tipo di controllo da parte dei venditori e la loro collaborazione con le forze dell'ordine sotto forma di informazione, dovrà essere messa in atto.

MMARTILA

Sab, 28/07/2012 - 17:41

Negli USA la lobbies dei produttori di armi la fanno da padrone, e se neppure Obama ha il coraggio di inchiodarle alle proprie responsabilità, allora questi fatti accadranno ancora e poi ancora. Se il "pazzo" ha a disposizione solo le proprie mani potrà si far del male a qualcuno, ma va da sé che se possiede un mitra la strage è assicurata.

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Sab, 28/07/2012 - 21:49

#Giorgio Rubiu. Permettimi una obiezione:il paranoico e lo schizofrenico sono soggetti psichiatrici ben distinti e l'uno non è mai il " preludio" dell'altro. Il delirio del paranoico è un delirio lucido.Quello dello schizofrenico è un delirio completamente destrutturato. In altre parole:un paranoico offre sempre alibi apparentemente plausibili alle sue azioni. Mai e poi mai le giustificherebbe identificandosi con Joker.

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Dom, 29/07/2012 - 02:05

Ma che brava quella psichiatra che lo aveva in cura.

Ritratto di stock47

stock47

Dom, 29/07/2012 - 02:28

Già dallo sguardo si vedeva che non ci stava con il cervello. L'errore USA è di non averlo fatto ricoverare quando hanno capito che era fuori di testa. Pensare, adesso, ad una condanna a morte diventa solo che assurdo, al massimo un ricovero coatto in un manicomio per il resto della sua vita.

Joshua

Dom, 29/07/2012 - 08:30

Ma solo a me capita di notare che quando accadono di questi fatti gravi, stragi, omicidi di massa, omicidi della famiglia e suicidi, in qualsiasi nazione avvengono, l unico elemento in comune è che il tipo, al 90% delle volte, è in cura da uno psichiatra? A questo punto sarà forse questa la causa scatenante?