Il dramma di migliaia di desaparecidos: ridotti in schiavitù dai narcotrafficanti

Città del Messico Vivi ma schiavi dei cartelli del narcotraffico: è in queste condizioni che si troverebbero molti dei 27mila desaparecidos nel Messico, prigionieri nelle zone di montagne più sperdute del Paese, costretti a lavorare, anche con mansioni specializzate, per i trafficanti di droga. A denunciarlo sono familiari degli stessi desaparecidos. Ma anche, per esempio, il vescovo di Saltillo Raul Vera: «Ci sono indizi consistenti che queste persone possano trovarsi in veri e propri campi di concentramento, ai lavori forzati».
Il settimanale Proceso ha pubblicato un reportage il cui titolo è «Prigionieri nell'inferno», mentre il sito web Animal Politico ha scritto sugli «schiavi specializzati», riferendosi proprio a tecnici o altre persone esperte in settori quali le telecomunicazioni o l'ingegneria che lavorano per i cartelli della droga.
Secondo le autorità dello stato di Coahuila, molti dei rapimenti compiuti nella regione «non sono legati alla richiesta di riscatto» e le persone sequestrate «paiono svanite nel nulla». «Le persone sequestrate vengono fatte lavorare nelle piantagioni di marijuana gestite dai cartelli. In due anni sono scomparsi contadini, imbianchini, ingegneri, architetti, chimici, agronomi, avvocati, imprenditori». Solo a Coahuila la procura locale ha aperto 324 indagini di questo tipo, ma gli esperti sostengono che i casi siano molti di più. Spesso non vengono denunciati, precisano, perchè i familiari dei sequestrati hanno paura di rappresaglie delle gang del crimine organizzato. Fra i mestieri che sono obbligati a fare i sequestrati ci sono i «falchi» (guardiani) nei campi di coltivazione della marijuana, ma anche uomini che devono costruire tunnel, alimentare i prigionieri. Oltre alle «schiave del sesso».

Commenti
Ritratto di genovasempre

genovasempre

Lun, 15/07/2013 - 21:09

AVVISO AI TOSSICI, nON SOLO COSTATE UN CASINO ALLA SANITA' NON SOLO COSTATE UN CASINO ALLA SOCIETA', MA DATE UNA MANO A TUTTI GLI SCARAFAGGI CHE MANTENETE A FARVI BUCHI E SNIFFATE spero che vi venga una diarrea ogni volta che usate droghe o ve ne viene voglia