Egitto, il leader dei Fratelli musulmani colpito da un infarto, è vivo

Mohamed Badie è stato sottoposto a esami medici

Il leader dei Fratelli musulmani in carcere, Mohamed Badie, è stato colpito da un "attacco cardiaco" nel carcere di Tora dove è detenuto, ma "è vivo" ed è stato sottoposto a "esami medici". Giovedì scorso, una settimana dopo l’arresto, le autorità penitenziarie avevano chiesto alla procura generale egiziana di rinviare gli interrogatori di Badie, in cella nel carcere di massima sicurezza di Tora al Cairo, perché la guida spirituale dei Fratelli musulmani "non è in buone condizioni di salute, è esausto". La prima udienza del processo contro la guida dei Fratelli musulmani è prevista il prossimo 29 ottobre. Badie, accusato di incitamento alla violenza, sarebbe protagonista di una linea dura di non collaborazione secondo indiscrezioni non confermate.