Egitto, tornano gli scontri. Attese in piazza milioni di persone

In strada si manifesta con e contro l'esercito. Morsi 15 giorni in custodia cautelare

Al Cairo il quartiere di Shibra è il primo a infiammarsi sotto il peso delle proteste che hanno portato di nuovo in piazza sostenitori e oppositori del golpe militare. Nel primo pomeriggio si verificano qui i primi scontri, quando ancora piazza Tahrir e la zona del palazzo presidenziale di al Ittihadiya, occupate dai sostenitori dell'esercito, sono relativamente tranquille.

Inizia così un venerdì segnato dalle manifestazioni di entrambi gli schieramenti. In piazza i sostenitori dell'esercito, chiamati alla protesta dal generale Abdel Fattah Al-Sisi, che ha chiesto ai cittadini di legittimarlo a reprimere le proteste degli islamisti, che si oppongono alla destituzione del presidente Mohammed Morsi.

Dall'altra parte la Fratellanza Musulmana, che torna a criticare il governo ad interim nato dalla cacciata dell'esecutivo democraticamente eletto, spinta anche dalla notizia che l'ex leader è in custodia cautelare per spionaggio e presunti legami con i palestinesi di Hamas.

Gli scontri non hanno interessato soltanto la Capitale, ma sono emersi anche ad Alessandria, dopo i due cortei si sono scontrati. Secondo la stampa egiziana si sarebbero sentiti anche colpi di arma da fuoco.

Commenti
Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Ven, 26/07/2013 - 15:48

com'era prevedibile... al governo ci va uno peggio dell'altro. e il peggio è un governo che si poggia sulla sharia, ossia la legge religiosa, che non ha nulla di parzialità, nulla di oggettività, nulla di obiettività. il vero guaio è che tutti i paesi arabi si affacciano sull'italia, come se noi fossimo la loro colonia di conquiste clandestine...

berserker2

Ven, 26/07/2013 - 16:45

Si si, mi raccomando poi appoggiamo la "primavera" estiva de sta ceppa. L'occidente che mai un cazzo ha capito darà sostegno e appoggio a movimenti medoevali e retrogradi, il cui scopo, dopo avere preso il potere è di metterlo in culo allo stesso "occidente" che li ha aiutati. Quanto a lungimiranza già me la immagino la ministra emma bruttino che in imperfetto arabo (si lo ha studiato per due anni, senza altro cazzo fare, a spese nostre in egitto), convocherà i vari ambasciatori sottanati rappresentando che li trova troppo "invasivi" a casa loro.

berserker2

Ven, 26/07/2013 - 17:01

Ma le vedete le facce da invasate delle velate..... contente di essere sottomesse, corcate, ingroppate e discriminate. Quale radioso futuro si intravvede anche per le nostre femministe occidentali assatanate, che mai un cazzo capiscono, quando soprattutto grazie a loro e ai loro miserabili politici di riferimento (due su tutte eh....provate a indovinare), l'occidente sarà sempre più invaso.