Francia, si dimette Ayrault. Manuel Valls è il nuovo primo ministro

L'ex ministro degli Interni al posto di Ayrault, dopo i risultati delle amministrative. Hollande promette meno tasse entro il 2017

Jean-Marc Ayrault e Manuel Valls lasciano l'Eliseo

Jean-Marc Ayrault, primo ministro francese, ha rassegnato le dimissioni, dopo una grave sconfitta elettorale subita dal partito Socialista nel secondo turno delle elezioni amministrative. Un atto, è stato spiegato dalle autorità, con cui anche l'esecutivo si considera dimissionario. 

Il presidente francese, François Hollande, aveva già annunciato un rimpasto di governo. In un discorso alla nazione ha annunciato il nome del nuovo premier, l'ex ministro degli Interni, Manuel Valls.

"Avete espresso il vostro malcontento - ha detto Hollande -. Io ho ascoltato il vostro messaggio". Tre gli obiettivi per il nuovo governo, definito "da combattimento": ridare forza all'economia, lottare per la giustizia sociale e per tutelare il potere d'acquisto. Il presidente ha promesso anche meno tasse entro il 2017.

Poco convinta del cambio al vertice Marine Le Pen, leader del Fronte Nazionale, che ha già detto che "non cambierà nulla" e che "quello che i francesi attendono è un cambio della politica, non un bazar governativo". Il ministro ecologista Cécile Duflot, che non gradisce Valls, potrebbe non far parte dell'esecutivo. 

Commenti

elio2

Lun, 31/03/2014 - 18:28

Adesso un'altro bel calcio in culo alle europee e la sinistra l'hanno mandata fuori dai giochi.

angelomaria

Lun, 31/03/2014 - 23:31

che qualcuno abbia perso le redini del carrozzone. E il socialismo se ne va con tutto il suo carrozzone per lasciare spazio a a a un sacco di POLTRONE.......!fallito in tutto il solito loro regalo che sia francia o spagna o ecc....delle sinstre europee!!!!meditate gente meditate""""""""

mario massioli

Mar, 01/04/2014 - 03:18

[Alcune considerazioni su...] versione stampabile) 30/3/2014 DAL BLOK DI PAOLO BARNARD. Divulgatore in italia con I gruppi territoriali ME-MMT, che è scienza macroeconomica,con 100 anni di storia(KEYNES) TENUTA SEMPRE NASCOSTA, SPECIALMENTE NELLE UNIVERSITA' DALLE LOBBI NEOCLASSICHE/NEOMERCANTILI.(QUELLE CHE CI STANNO DISTRUGGENDO) PERCHE' I POPOLI NON DEVONO MAI SAPERE CHE QUALUNCHE GOVERNO SOVRANO ADOTTANDO LA MACROECONOMIA ME-MMT E' LA GALLINA DALLE UOVA D'ORO. UNA SUA COLONNA PORTANTE E' LA PIENA OCCUPAZIONE.(SINDACATI STUDIATELA E DIVULGATELA) NEOFEUDALESIMO: DA CAPIRE E’ SEMPLICISSIMO.   La FED americana, come la BCE, non sono banche. Sono branche del governo. Ma in questi casi i governi cui appartengono - in USA la rete Neoliberista delle Fondazioni e in Europa la rete Neoclassica, Neomercantile tedesca e Neofeudale della Commissione UE - hanno deciso da tempo che le componenti che minacciano il loro potere vanno totalmente distrutte, ed esse sono la borghesia piccolo medio industriale, i Parlamenti col potere di legiferare, e anche le banche, che con la mano destra servono il Vero Potere ma che con la sinistra possono acquisire troppa ricchezza, dunque potere. Da almeno 90 anni il Vero Potere si è semplicemente detto: "La rivoluzione borghese finanziata dalle banche; la grig potere superiore affidata alla democrazia; e la  politica elettiva, non ci fotteranno MAI più. Lo hanno fatto una volta, ora mai più. Vanno distrutte". E questo hanno fatto. Il loro progetto è un ritorno, adattato alla modernità, del potere Feudale. Neofeudalesimo moderno, quindi tecnocratico *(leggete il mio “Il Più Grande Crimine 2011 lia di” per sapere i loro nomi e cognomi)  

Ritratto di marcello.sanna

marcello.sanna

Mar, 01/04/2014 - 08:34

Il primo a dover andare affanculo dovrebbe essere Hollande stesso. Mica altri capri espiatori. Comunque sia i Francesi meritano la sorte derivata da chi hanno votato.