Gb, 5 milioni in più per la Regina dalle tasse dei contribuenti inglesi

I contribuenti inglesi verseranno 36 milioni alla casa regnante, che dovranno bastare per il mantenimento dei palazzi e i viaggi all'estero della Regina

Da 31 milioni a 36 milioni di sterline. Lo "stipendio" annuo della regina Elisabetta II è stato aumentato. I contribuenti verseranno alla testa regnante inglese quattro milioni aggiuntivi, nonostante la via intrapresa dal governo di Londra, che in questo momento punta sulle politiche di austerità.

La crescita negli emolumenti di Elisabetta rientra nel nuovo sistema creato per finanziare la casa reale, che va a sostituire la "lista civile", il conto pagato con le tasse dei britannici. La somma sarà destinata a coprire le spese di mantenimento per tutti i palazzi in Inghilterra, ma anche viaggi e impegni ufficiali.

Commenti
Ritratto di giubra63

giubra63

Mar, 02/04/2013 - 21:29

36 milioni per la Regina di Gran Bretagna e 225 milioni per il Presidente dell'Italia (il Re di Spagna costa 8 milioni per mantenere i Palazzi Reali): w la Monarchia, che sa risparmiare sulle spese di gestione dei beni dello Stato! I Savoia costavano allo Stato Italiano 4 volte meno che i presidenti della repubblica. W il Re, Avanti Savoia!

Ritratto di giubra63

giubra63

Mar, 02/04/2013 - 21:32

dimenticavi i dipendenti della Corona britannica sono 6 volte meno che i dipendenti di Napolitano! Il Quirinale ha il doppio dei dipendenti dell'Eliseo, 5 volte i dipendenti della presidenza tedesca e 25 volte quelli del Re di Spagna.

Ritratto di Gianfranco Robert Porelli

Gianfranco Robe...

Mer, 03/04/2013 - 17:25

Mi pare che nel rapporto costi/prestazioni nonna Lilibeth sia efficiente, soprattutto se paragonata all'attuale occupante del Quirinale. Tanto più che ella svolge anche il ruolo di Papessa Anglicana. Però, sua Maestà mi consenta sommessamente un'obiezione: come papessa vale poco o niente. Meglio sarebbe dare forfait e riunire la sua Chiesa a quella di Roma. Considerato che dalla Rivoluzione Francese il clero non raccoglie più le imposte, nei suoi panni, va anche bene essere attaccati al soldo, ma le faccende spirituali le lasci al successore di Pietro, che è più bravo.