Alla guida con il cellulare? New York istituisce le "aree texting"

300 nuovi cartelli sulle autostrade ricorderanno ai guidatori che gli sms possono aspettare cinque minuti. Una "via creativa" alla prevenzione di morti sulle strade

Rispondere a un messaggio o prendere una telefonata mentre si è impegnati al volante non è un'abitudine sana. Né tantomeno sicura per gli automobilisti o per chi si incontra per strada. Una banalità, che però ha bisogno di essere ripetuta, quando nel vizietto chi guida ci ricade troppo spesso. E magari rinforzata con un paio di iniziative fantasiose, per convincere il trasgressore di turno che attendere due minuti prima di mettere le mani sullo smartphone non recherà nessun danno permanente a chi sta dall'altra parte dell'ipotetico filo.

In prima linea, nella prevenzione degli incidenti, si è schierato il governatore dello stato di New York Andrew Cuomo, che ha annunciato ieri una nuova iniziativa per sensibilizzare gli automobilisti più "rilassati". Sulle autostrade statali compariranno una serie di nuovi cartelli dalle scritte inequivocabili: "Può aspettare: pausa messaggino tra 5 miglia".

Le nuove "zone texting" saranno ricavate nei parcheggi già esistenti e nelle aree di sosta. Un cambiamento poco evidente, ma che nelle intenzioni delle autorità newyorchesi servirà come "modo creativo" per ricordare un ovvietà: alla guida non si utilizza il cellulare. Il governatore Cuomo ha annunciato la realizzazione di 300 segnali stradali.

 
Commenti

cgf

Gio, 26/09/2013 - 16:52

il texting e le bruciature da caffè sono la principale causa di tamponamenti negli USA.

vince50

Gio, 26/09/2013 - 16:59

Chi manda sms durante la guida,è semplicemente un grande e pericolosissimo disgraziato.Possibile che con tutta l'elettronica di cui abbondiamo,non si possa(o non si vuole)evitare questo schifoso fenomeno.Bisognerebbe ritirare la patente almeno per DIECI ANNI,a chi non ha la testa per meritarla.