I connazionali rientrati: «Mai avuto paura. Ma quel coprifuoco...»Pochi hanno anticipato la partenza

Sorridenti, abbronzati e per nulla preoccupati. Così circa 150 italiani rientrati a Roma al termine delle vacanze passate a Marsa Matruh e El Alamein, località turistiche balneari dell'Egitto del nord che si affacciano sul Mar Mediterraneo, sono apparsi all'arrivo all'aeroporto di Fiumicino con un volo charter della Blue Panorama.
Nessuna paura, ma anche testimonianze di scene surreali per una vacanza, con coprifuoco e militari con mitra in spiaggia. «Erano più allarmati i nostri familiari in Italia rispetto a noi che eravamo in Egitto - ha detto Luigi Amoroso, un ventiseienne di Napoli - ci hanno letteralmente bombardato di telefonate. Ma nel villaggio a Marsa Matruh dove abbiamo soggiornato per una settimana, non abbiamo avuto alcun problema. Siamo stati benissimo».
Di vero e proprio «coprifuoco», ha invece parlato Massimiliano Di Pietro, di Roma. «É scattato tra giovedì e venerdì con il divieto assoluto di uscire dall'hotel: abbiamo visto pattuglie di militari con i mitra in spalla passare in spiaggia». Di situazione tranquilla hanno anche riferito altri turisti tornati da El Alamein. «Non abbiamo avuto alcun problema - ha detto Michele Razzano, di Caserta - Nessun timore per la nostra incolumità. Certo, la situazione è molto critica in Egitto, al punto che anche gli animatori del nostro villaggio hanno fatto le valigie e sono tornati in Italia».