I marò? Facciamo come l'India contro gli Usa

Delhi scatena una durissima rappresaglia dopo l'arresto di una diplomatica in America

L'India ha le palle e noi no. Il paese che trattiene da 22 mesi i marò lo sta dimostrando non con il Bhutan, ma con la superpotenza americana. Lo scorso venerdì la vice console indiana, Devyani Khobragade, viene arrestata a New York con l'accusa di sottopagare la colf e falsificare i documenti per il visto della domestica. La polizia della Grande mela, che non guarda in faccia nessuno, la sbatte in cella perquisendola anche nelle parti intime.

New Delhi scatena una «rappresaglia» senza precedenti, che il governo italiano non ha mai avuto l'ardire neppure di immaginare dopo l'arresto di Massimiliano Latorre e Salvatore Girone. In poche ore le autorità indiane ritirano le speciali carte d'identità di viaggio per i diplomatici americani, negano loro l'accesso alla corsia preferenziale alle frontiere e controllano a tappeto il reddito del personale locale che lavora per gli yankee. Non solo: un bulldozer rimuove i blocchi di cemento contro le autobombe messe dopo l'11 settembre attorno all'ambasciata Usa. Nelle ultime ore a Delhi i più alti esponenti politici si sono rifiutati di incontrare una delegazione ufficiale di rappresentanti Usa.

Il nostro massimo colpo di reni per i marò è stato convocare l'ambasciatore indiano a Roma per alzare la vocina. La vice console indiana rimane dietro le sbarre per poche ore. Liberata su cauzione i suoi colleghi la trasferiscono all'Onu dove è intoccabile. I marò sono rimasti in carcere quasi tre mesi e prima di farli arrivare all'ambasciata italiana ci è voluto circa un anno.

Il ministro degli Esteri indiano, Salman Kurshid, ha detto a chiare lettere riferendosi alla connazionale: «Ristabiliremo la sua dignità. Chiediamo scuse incondizionate, il ritiro di tutte le accuse e la porteremo a casa a ogni costo». Musica un po' diversa rispetto alla litania dei nostri governanti, da Monti a Letta, capaci solo di sventolare lo scampato pericolo della pena di morte per i marò, tutto da verificare al processo, come la massima vittoria.

Per una vice console poche ore in cella, l'India sta sbattendo con efficacia i pugni sul tavolo. Per i marò confidiamo nella giustizia di Delhi. E quando il nostro ambasciatore era stato bloccato nella capitale con la minaccia neppure tanto velata di arrestarlo, se Girone e Latorre non fossero tornati dal permesso in patria, abbiamo calato le braghe cambiando vergognosamente idea e rimandando i fucilieri di Marina in India. Invece che fare il diavolo a quattro, come Delhi con Washington in queste ore. «Perchè non arrestiamo i gay dell'ambasciata americana» ha proposto Yashwant Sinha, ex ministro degli Esteri del Bjp, il partito di opposizione che potrebbe vincere le elezioni a primavera. Nei giorni scorsi l'India aveva riesumato una norma coloniale contro l'omosessualità. Non solo: da ieri gli ultra nazionalisti bruciano in piazza le foto del presidente Obama. Spacconate propagandistiche, ma il nostro governo non è stato neppure capace di ritirarsi per protesta dalla missione anti pirateria al largo della Somalia. L'India è una grande potenza emergente e lo dimostra. Noi siamo l'Italietta.

PER CAPIRE COSA SUCCEDE DAVVERO NEL MONDO, SERVONO OCCHI CAPACI DI VEDERE DAVVERO...
SOSTIENI IL GIORNALISMO DI GUERRA, CONTRIBUISCI A FARE UN'INFORMAZIONE DI QUALITA', SENZA PARAOCCHI E OMOLOGAZIONI.
DIVENTA TU EDITORE: SOSTIENI IL TUO REPORTAGE!
www.gliocchidellaguerra.it

Commenti
Ritratto di Fabrizio Bulleri

Fabrizio Bulleri

Gio, 19/12/2013 - 09:13

Sono due anni che scrivo dei Maro' e delle manfrine dei vari Monti , letta e Bonino, ma siamo sempre al punto di partenza! Noi non abbiamo le "palle" per protestare , siamo proni e appecorati da sempre, e' la natura dei nostri politici sempre pronti e baldanzosi in parlamento ( si picchiano pure!) ma quando vanno all'estero sembrano tutte " verginelle" non hanno il coraggio di alzare la voce di protesta. Spero che la lezione di dignità che stanno offrendo gli Indiani contro l'America faccia riflettere quei " manfruiti"!!!!!!!

viento2

Gio, 19/12/2013 - 09:21

e che ci volete far abbiamo politici che sono la controfigura di Pulcinella altro che palle d'acciaio questi sono eunuchi

releone13

Gio, 19/12/2013 - 09:22

CARO BILOSLAVO........forse ( ma solo forse....) ti sfugge un fatto.......il diplomatico indiano è stato arrestato per frode.......i militari italiani sono stati arrestati per OMICIDIO!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!......che non è esattamente la stessa cosa.........ma forse per te è uguale.......Poi che siano colpevoli o no lo si vedrà, ma secondo te cosa dovremmo fare?Arrestare i diplomatici indiani?Non farli più tornare a casa?Forse dimentichi che dobbiamo anche pensare ai tanti italiani che vivono e lavorano in India.......Secondo il tuo illuminato pensiero.......cosa potrebbe succedere a questi italiani se mettessimo in atto delle ritorsioni?.......Non ci hai pensato, eh?...E poi........guarda che forse solo tu non sapevi che l'Italia non conta nulla.....e mai ha contato qualcosa...........nemmeno i terroristi programmano attentati in Italia, tanto non farebbe da cassa di risonanza per la loro causa...pensa un po' te quanto contiamo!!!!!!!!!!!!!!!

Ritratto di esciotti6256

esciotti6256

Gio, 19/12/2013 - 09:48

A Roma si dice:...."il pesce puzza dalla testa". Il problema è: abbiamo tante, troppe teste di ....o pesci inutili. e.s.

Ritratto di esciotti6256

esciotti6256

Gio, 19/12/2013 - 09:52

A Roma si dice: "il pesce puzza dalla testa". Il problema del nostro Paese ai vertici abbiamo tante,troppe teste di ....o pesce puzzolente. e.s.

Ritratto di franco-a-trier_DE

franco-a-trier_DE

Gio, 19/12/2013 - 10:15

gli yankees sono dei miserabili devono ancora pagare le migliaia di morti e di ciechi che causarono con incidente anni fa a Mophal? non so come si chiama il paese,quando inquinarono un intero paese ciechi invalidi ecc, quando li rimborseranno mai e sappiamo il perchè.Releone13, ma poi ci sono interessi economici ,io penso che se la India non comprasse più dall'Italia alcune fabbriche italiane chiuderebbero bottega, ma qualche imbecille di lettore questo non lo capisce.

nonnoaldo

Gio, 19/12/2013 - 10:21

releone13. Commentare conoscendo a fondo il problema non di tutti, nemmeno suo. Gli indiani ne hanno fatte di cotte e di crude, prima attirando la nostra nave in un loro porto con l'inganno, poi ignorando, alternao e distruggendo le prove che li avrebbero scagionati. Calibro dei proiettili cambiato, prima un tipo, non in dotazione ai nostri, poi un altro. Autopsie buffonesche, rifiutando la presenza di nostri periti, infine, dulcis in fundo, affodamento del peschereccio per impedire le analisi balistiche che avrebbero dimostrato che i colpi non provenivano da una nave. Certo noi siamo stati dei bischeri a far rientrare la nave nelle loro acque (non si è saputo per ordine di chi, tanto per cambiare) così come a pagare l'indennizzo ai familiari dei morti, ma questo non giustifica gli abusi commessi dall'India, così come l'atteggiamento imbelle dei nostri governanti. Tanto gli elicotteri li compreranno dalla Francia, dopo che un nostro pm ha sputtanato la nostra industria.

viento2

Gio, 19/12/2013 - 10:26

franco-a trier-DE q

Ritratto di cokieIII

cokieIII

Gio, 19/12/2013 - 10:30

@franco-a-trier_DE: che siete senza macchia e senza paura? La parola 'Contergan' non ti dice niente? Occupati dei fati di casa tua invece di spargere merda qui' e la'. Abbiamo gia' perso la commessa per la fornitura di elicotteri (e relative tangenti pagati), il danno economico e' gia' fatto. E' una questione di dignita' diplomatica. Prima di chiamare imbecilli gli altri, guardati allo specchio.

viento2

Gio, 19/12/2013 - 10:30

franco-a-trier_DE siccome esportiamo in India dobbiamo essere umiliati e se invece imbarcassimo tutti gli indiani che sono in Italia e li rispediamo al mittente

giosafat

Gio, 19/12/2013 - 10:36

@releone 13.....non dica scempiaggini: i marò sono stati arrestati violando un bel pacco di norme del diritto internazionale. Lasciamo anche che li impicchino, tanto se risulteranno innocenti si provvederà alla loro riabilitazione. Ma che cretinate.....

Bilo

Gio, 19/12/2013 - 10:42

PER RELEONE 13. So bene che i marò sono accusati di omicidio (tutto da provare). Il punto è che indossavano la divisa del San Marco rappresentando il nostro paese e dovevano venire processati in Italia, non in India. Per questo bisognava sbattere i pugni sul tavolo, esattamente come stanno facendo gli indiani per la loro vice console, fin dall'inizio.

pielle56

Gio, 19/12/2013 - 10:42

i ns politici sono semplicemente pietosi, cagasotto come sempre, blaterano swempre a vanvera e unicamente a senso unico sempre e solo a favoree del loro portafoglio...tutto il resto a loro non interessa...quindi non pretendiamo delle azioni da uomini con le palòlòe, considerate che oggi il parlamento è pieno di senza palle buffoni e menefreghisti

vince50

Gio, 19/12/2013 - 10:48

Si potrebbe teorizzare e commentare all'infinito,tanto NOI!!!!!con le parole siamo in gamba.Però ci contraddicono in fatti,se non incutiamo timore e non meritiamo rispetto,perchè c***o ci dovrebbero rispettare.

killkoms

Gio, 19/12/2013 - 10:55

perché non possiamo faròlo noi italiani?perchè abbiamo troppi comunisti e qualche pretaccio di troppo,che hanno distrutto il nostro senso di nazione!

killkoms

Gio, 19/12/2013 - 11:01

@rerleone13,e te sei contento che l'Italia non conta un kazzo,vero?ma ti sei mai chiesto il perché?perchè ci siamo fatti pecore,grazie ai comunisti e a qualche pretaccio,e chi si fa pecora il lupo se lo mangia!abbiamo rinunciato al nucleare,importiamo pseudoimmigrati nullafacentie li campiamo pure,come si può non finire a rotoli?ma per la cronaca.lo sai che ci sono almeno 110000 indù residenti in >Italia,di cui almeno 10000 clandestini?bastava mettere sottopressione quelli,oppure facendo pagare agli indù almeno il 10 per cento delle loro rimesse all'estero,e vedevi come si calmavano un pochino!

buri

Gio, 19/12/2013 - 11:10

Da tempo un governo serio avrebbe rotto i rapporti diplomatici con l'India invece di stare a guardare, De Mistura fa quello che Roma gli dice di fare, ossia poco più di niente, insomma il solito governo italiano, forte con i deboli e debole con i forti, anni fà negli USA per indicare una cosa inutile, dicevano - è come il governo italiano, c'è ma non serve a niente - non è più vero, ora serve a qualcosa per esempio a tartassare la gente e ad applicare le decisioni dei burocrati di Bruxelles

Ritratto di hellmanta

hellmanta

Gio, 19/12/2013 - 11:33

Forse non è ben chiaro che il peso politico ed economico dell'India non è nemmeno paragonabile a quello italiano... In confronto alla potenza indiana (che ha armi nucleari e un PIL più alto del nostro che cresce del 5% all'anno) noi siamo delle cacche di mosca

DrDestino

Gio, 19/12/2013 - 11:33

Ma cosa volete che facciamo? Come scritto nell articolo l India e una superpotenza e noi no. Dobbiamo chinare la testa e subire, così come abbiamo fatto con il brasile per il caso battisti, come abbiamo fatto con gli USA con I piloti del Cernis prima e con la fox adesso. Se sei un peso piuma e un peso massimo ti minaccia non puoi salire sul ring, devi stare zitto e abassare la testa

unosolo

Gio, 19/12/2013 - 11:39

è dimostrato che in ITALIA l'unico pensiero è governare male , ma governare , si regalano soldi 53 milioni e se li spartiscono , nessun parlamentare denuncia questo regalo che si sono fatti i gruppi sia di camera che senato , questo interessa ai gruppi politici dopo aver mandato a casa l'unico personaggio serio che forse avrebbe già riportato in Patria i due MARO' abbandonati in terra straniera , abbiamo ambasciatori , senatori , cavalieri , un presidente della Repubblica , un capo del senato e una capoccia della camera , non funzionano o se ne fregano , a parole sono dispiaciuti sarà varo ? la falsità di queste persona che dicono una cosa ma in realtà non smuovono una sola pagliuzza ,troppo bene si sta in ITALIA dove ti regalano soldi a palate , dove puoi spendere 800 euro per i sondaggi personali ( 2,5 milioni x mese ) soldi del popolo oltre le altre spese senza rendere conto al popolo , la corte non ferma sprechi delle alte cariche dello stato anzi sembra quasi che taccia su quello che avviene in alti luoghi , riportiamoli a casa con un raid abbiamo uomi e mezzi per farlo , o ce li danno con le buone o si chiudono frontiere e facciamo il raid in due ore e li portiamo in luogo sicuro l ITALIA la loro Patria e le loro famiglie li aspettano.

releone13

Gio, 19/12/2013 - 11:49

x killkoms:non so quanti anni hai tu, io un po'.......e da quando ho memoria , l'Italia non ha MAI contato nulla.....MAI. Perché? perché è colpa nostra, perché parliamo , parliamo, parliamo, ma poi quando bisogna fare i fatti.......mandiamo avanti gli altri, perché noi siamo più furbi !!!!!!!!!!!!!...Quindi non meravigliamoci se ci considerano poco, tutti noi, prima dimostriamo qualcosa, oltre che dare tangenti per gli elicotteri, oltre che esportare la mafia, ecc ecc, poi quando avremo dimostrato qualcosa, allora potremo "SBATTERE I PUGNI SUL TAVOLO"come piace tanto a BILO......fino a quel momento........VOLARE BASSI!!!!!!!!!!!!!!!! ....tra l'altro.......noi che abbiamo sempre considerato gli indiani dei poveracci..........se vogliono quelli prima ci comprano e poi ci polverizzano......

killkoms

Gio, 19/12/2013 - 11:52

@cicciodatrier,te l'ho già detto!anche la"krante germania"ha dovuto sopportare per 6 mesi il sequestro di un proprio mercantile eil fermo del comandante e del vice del medesimo,senza colpa alcuna dello stesso!e la fortuna dei crucchi è stata che la prua un mercantile è troppo grande per essere vista al microscopio,altrimenti la tizia indù che ha"visto" le prove della colpevolezza dei nostri marò,in 2 fucili in carico ad altri,poteva trovare delle"microammaccature compatibili con lo speronamento di un peschereccio"!laverità è che anche la"krantengermania"lekka il kulo ai 200/250 milioni di grandi consumaatori indù,anche se il rsto sono poveracci che caampano con la carità occidentale!l'india sta diventando arrogante ma a tutto c'è un limite!

killkoms

Gio, 19/12/2013 - 12:00

@drdestino,la superpotenza indù,nonostante le armi nucleari,non può punire,per ragioni geopolitiche,il piccolo sry lanka,che spesso e volentieri impiomba,bastona ed arresta i pescatori indù che sconfinano!in Itali ci sono oltre 110000 indù che beneficiano gratuitamente del nostro stato sociale;come potremmo metterli sotto pressione?dando la caccia a quelli clandestini(che sarebbero almeno 10000)e ripristinando per i"regolari"la legge soppressa da quel cxxxxxxe predecessore dell'italia nera,che tassava al 3%(ma alzandola al 10% minimo)la tassazione sulle loro rimesse in patria!operazione che avrebbe create problemi a molte famiglie indù che ci campano!

bastardo

Gio, 19/12/2013 - 12:02

italia paese di stronzio!!!!!!

Ritratto di DR JEKILL

DR JEKILL

Gio, 19/12/2013 - 12:02

L'unica cosa che contesto all?india sono i tempi un polunghi dei processi, anche se sempre piu' veloci di quelli italiani. Andavano processati e se colpevoli. come è quasi certo condannati e basta, Per il resto di questi due incompetenti non è che mi interessi piu' di tanto. Se poi diventa tifo patriottico buono per lo stadio.......

Ritratto di stock47

stock47

Gio, 19/12/2013 - 12:06

Un Italia nata dal tradimento e assalita da tutti gli opportunisti e sfrutatori, che hanno modificato le regole dello Stato moderno nato grazie a Mussolini, che fine poteva fare? Questa in cui siamo finiti, disprezzati e derisi dal mondo intero e che stiamo per finire nel terzo mondo o meglio nel quarto. Quel poco d'orgoglio rimasto nell'esercito sta sparendo con la sparizione in India dei due marò. Adesso anche l'esercito sa che non vale la pena di credere in chi li guida. D'altronde ci hanno venduti agli stranieri con tutti i nostri beni, mentre continuano a prenderci in giro dicendoci di credere nei valori nazionali che stanno tradendo. Tutto ciò è il risultato del tradimento e del disconoscimento del popolo italiano verso i propri antenati e tutti gli eroi che sono caduti affinchè noi smidollati potessimo vivere e prosperare, cosa che ormai non sarà perchè chi non ha coraggio e dignità può solo che sparire.

AndreaT50

Gio, 19/12/2013 - 12:20

Che cosa aspettiamo ancora? La Befana? Chi ne ha facoltà si SVEGLI!!!

killkoms

Gio, 19/12/2013 - 12:34

@releone,te l'ho gia detto!scontiamo il fatto di avere in casa il vaticano e la feccia comunista,senza la quale(la feccia rossa) avremmo sicuramente ottenuto,data la nostra vicinanza alla cortina di ferro,un trattato di pace migliore(come lo ebbero germania e giappone),ma i comunisti di merda pregiudicarono tutto,poichè essi,essendo prima komunisti,parteggiavano per i nostri nemici!il "re di maggio"avrebbe dovuto accettare il disinteressato aiuto offertogli dal generale polacco anders,che avrebbe eliminato fisicamente dall'Italia il comunismo ed i comunisti,con nostro grande beneficio!com'è diventata grande l'india?grazie a"noi",fessi occidentali,che per decenni,dal dopoguerra abbiamo sfamato e vaccinato li poveri indù,mentre il loro governo sviluppava le armi atomiche prima,e la contestuale energia nucleare poi,quella che noi abbiamo buttato nel cesso! mettici pure la cultura dei cosidetti"padri della repubblica"che per purgarsi del fascismo hanno sempre chinato il capo davanti a tutti!l'india sta diventando arrogante a ma a tutto c'è un limite!

killkoms

Gio, 19/12/2013 - 12:47

@hellmanta,eccone un altro che parla solo perchè ha la bocca!in primis,sarà anche vero che il pil indiano è più alto del nostro,ma siccome la matematica non è un opinione,se dividi il pil di entrambi per gli abitanti,scopirai che il reddito procapite italiano è ovviamente più alto di quello indù!crscono al 5% annuo?e te credo!tecnologia sporca,impianti nucleari, lavoratori pagati 40/50 e al mese,se gli va bene;"chi" non crescerebbe così?ma secondo te,un qualche giudice indù fermerebbe le tante porcherie locali cone hanno fatto i nostri con l'ilva?e sempre secondo te,gli indù rinuncerebbero al nucleare?e allora di che ti meravigli?faresti un gran premio di formula uno con una panda contro le monoposto?è quello che stiamo facendo noi grazie agli imbecilli rossoverdi!

Ritratto di michageo

michageo

Gio, 19/12/2013 - 12:51

.....mio padre , ha passatola maggior parte della sua vita professionale dal 1955 al '70 circa, a lavorare nei paesi protetti dalla famigerata "cortina di ferro" ovvero i paesi comunisti e sovietici.Ogni volta che rientrava dalle sue "missioni" commerciali necessariamente in contatto con Ministero degli esteri ed ICE Istituto del commercio Estero (organismo tuttora vivente come "agenzia" , si lamentava della scarsa efficacia sul lavoro e del pressapochismo dei diplomatici nelle sedi di rappresentanza italiane.Li definva diplomatici da operetta, appariscenti, bella vita ...e per cortesia non disturbateci che dobbiamo andare ai vari ricevimenti. chi sgobbava erano oscuri funzionari che avevano le giuste entrature, e che non venivano citati nei roboanti "comunicati congiunti". Un giorno a casa nostra si presentarono 2 "alti" funzionari dello Stato (oggi si direbbe dei "servizi") proponendo a mio padre, quale profondo conoscitore del mondo comunista, di collaborare , fornendo possibilmente tutte le info possibili ed immaginabili sui settori industriali del blocco comunista. Mio padre rispose loro senza perifrasi, che avendo una famiglia ed un onore da salvaguardare, piuttosto avrebbe smesso di lavorare di là, perché se fosse stato "acchiappato" a spiare, tutti quei bellimbusti dai nomi nobili, altisonanti, ( che ricordano la fantozziana contessa Serbelloni Mazzanti Vien dal Mare) non sarebbero stati in grado di combinare nulla per tirarlo fuori e nemmeno avrebbero provveduto a sostenere la mia famiglia, i due "alti" funzionari, con un certo imbarazzo , gli risposero che non aveva tutti i torti..... . La cosa finì lì e mio padre non venne mai più disturbato al riguardo. La triste vicenda dei ns. sfortunati Marò , la dice lunga: nulla è cambiato da allora nell'ambiente ovattato e finto delle "feluche" , forse ci vorrebbe qualcuno con le scarpe chiodate con cui camminare sul tavolo del premier, del ministro della (in)giustizia indiano. Non dobbiamo farci ricattare da sanzioni imposteci...il pianto greco lo fanno sempre i soliti che danno lavoro agli indiani e lo tolgono da noi....

abocca55

Gio, 19/12/2013 - 13:11

Castrati e puttanieri difendono solo i loro interessi e non quelli di questo martoriato Paese.

marcothai

Gio, 19/12/2013 - 13:15

ma pensate che i due maro' erano gia' in italia e li hanno fatti tornare in india.....piccolo pensierino, sono stati dei bei coglioni, io mandavo a fannnn l'italia, i militari, la marina e ttutti quanti, un po se la sono anche cercata, ma come hanno fatto ad avere fiducia di questa gentaglia da forca, oppure chissa' cosa gli hanno promesso

moshe

Gio, 19/12/2013 - 13:17

Cosa ci si può aspettare dai buffoni politici italiani? Non a caso ai tempi del sequestro, monti era a capo del governo!

Ritratto di hellmanta

hellmanta

Gio, 19/12/2013 - 13:24

@killkoms Perchè, il pil pro capite della Cina è alto? Eppure il vento economico gira in base alla direzione delle loro scoreggie. Il pil pro capite dei paesi scandinavi è immenso, ma i loro "poteri" macroeconomici sono paragonabili a quelli africani. Qui non si misura la qualità della vita, si fa riferimento al potere economico di una nazione. E, converrai con me, quello italiano ormai si avvicina più a quello Kazako che a quello di una nazione industrializzata

killkoms

Gio, 19/12/2013 - 13:45

@hellmanta.credo di avertelo ben spiegato,e ciò che vale per l'india vale pure per la cina!un miliardo di abitanti,di cui 200 milioni di riccastri edl il resto poveracci!i poveracci lavorano per un tozzo di pane(ed un calcio nel culo),e producono per i riccastri che fanno altissimi profitti,e acquistano è beni di lusso occidentali,è aziende occidentali!facile crescere economicamente usando tecnologia sporca,che da noi e fuorilegge,ed il nucleare,e con manodopera sottopagata!da noi è proibito,lo sai?

Ritratto di sitten

sitten

Gio, 19/12/2013 - 13:52

Questa è l'Italia nata dalla resistenza? Ridateci il Fascismo, almeno quelli erano uomini con le palle, altro che l'attuale palle d'acciaio.

lamwolf

Gio, 19/12/2013 - 14:15

La differenza è semplice, noi siamo guidati da gente senza palle....e soprattutto che arriva alla poltrona o ai posti che contano solo e soltanto per rimpinguare i propri conti correnti e a volte non basta perché le cronache ce lo ricordano ogni giorno rubano a iosa.

mariolino50

Gio, 19/12/2013 - 14:24

Noi dal dopoguerra e grazie agli accordi trà Stalin e Roosvelt siamo schiavetti degli americani, gli indiani pare di no, e anche più furbi, visto che ci fregarono attirando con false promesse la nave in porto, una volta eravamo famosi per essere abbastanza vispi, ora per essere calabraghe.

giza48

Gio, 19/12/2013 - 14:45

Bravo Fausto, ma non basta, quali alleanze ha creato il nostro paese su questo problema in nella NATO, in Europa, con gli USA? nessuna a nostra conoscenza. Quale sana e dignitosa ritorsione, o minaccia di essa, contro questo prepotente e ignorante paese? Niente. Da Monti a Letta nulla è cambiato, la dignità dell'Italia non la conoscono, a casa Letta (quello che non combina e non conta niente, emanazione di un decrepito comunista di nome Giorgio)e Bonino (ma come si può chiamarla ministro degli esteri costei?) . Propongo che sia fatta chiarezza (giuste pressioni)in ambito NATO nei confronti dell'India) oppure l'Italia deve ritirarsi dal programma di pattugliamento anti pirateria a favore di questo paese e rivedere assieme all'Europa tutta l'attività commerciale. Ci riusciranno i nostri Letta Renzi Alfano? La risposta già la conoscete!!

mbotawy'

Gio, 19/12/2013 - 14:51

E' proprio inutile paragonare l'Italia d'oggi con le altre nazioni,che si fanno rispettare.Purtroppo non siamo piu' una nazione di eroi e di gente orgogliosa di essere italiana,ma una nazione pusillanime,grazie all'inquinamento da parte comunista, imbastardita da varie razze entrste ed accettate clandestinamente Un lontano ricordo e' rimasto di quando uno si sentiva orgoglioso di essere italiano, e rispoettato da tutto il mondo!

killkoms

Gio, 19/12/2013 - 14:51

@sitten,l'Italia del fascismo(ma anche quella sabauda),era come l'albania di fine comunismo(primi anni 90)ma godeva di un indubbio prestigio internazionale!

Ritratto di woman

woman

Gio, 19/12/2013 - 15:18

Ma poi quei famosi elicotteri li ha comprati o no l'India?

lanfry61

Gio, 19/12/2013 - 15:21

Per releone: ti ricordo che il presunto omicidio è avvenuto in acque internazionali, dove non ha giurisdizione la tua amata India, ma l'Italia dei senzapalle. Questo è diritto internazionale e della navigazione, non stiamo parlando di "suolo", ma di imbarcazioni che sono equiparate al territorio nazionale del paese dove è immatricolata la nave. E' chiara la differenza o la devo ripetere?

bezzecca

Gio, 19/12/2013 - 16:01

L' India è una potenza regionale con ambizioni di diventare potenza globale , per gli Usa l' India è fondamentale per contenere la cina pertanto a tutti i costi vogliono tenerseli buoni ,noi siamo un Paese satellite che non conta nulla, commissariati dalla Ue e teleguidati da Washington

Ritratto di hellmanta

hellmanta

Gio, 19/12/2013 - 16:21

@killkoms Dimostri di avere si e no il diploma di 3a media. Non ti sto dicendo "In India si vive meglio che in Italia". Ti dico semplicemente che l'economia indiana è molto più importante di quella italiana. Anche negli USA si vive molto peggio che qui: mangiano merda, non hanno buongusto e lo stato sociale non esiste. Eppure quando gli americani dicono qualcosa tutti li ascoltano... Sarà un caso?

Ritratto di stock47

stock47

Gio, 19/12/2013 - 16:23

Magari gli attuali nostri governanti fossero solo senza palle! Il peggio è che vivono sui soli loro interessi personali, anche svendendoci a tutti quanti noi a prezzo di sconto appena ne hanno l'occasione e l'interesse.

releone13

Gio, 19/12/2013 - 16:25

lanfry61:....a parte il fatto che non è la MIA AMATA INDIA.......è solo che bisognerebbe dirla tutta...anche se triste.......la verità è che quando si imbracciano armi ci si assumono TUTTI i rischi del caso........i 2 soldati conoscevano molto bene anche rischi andavano incontro, e bisogna ammettere che da VERI UOMINI sono tornati in INDIA, perché nonostante siano italiani ( e si sa che la nostra parola di solito vale 0) hanno con onore mantenuto fede al loro dovere. Detto questo, bisogna capire che sono MORTE DELLE PERSONE, anche se noi li riteniamo inferiori, e che se fosse capitato a noi staremmo ancora piangendo.Certo, loro hanno i tempi lunghi , ma vogliamo proprio noi parlare di tempi della giustizia?????????????????????Vogliamo parlare per esempio della Amanda Knox che è stata 4 ANNI in gabbia per poi essere riconosciuta innocente???????????????????????????????Vogliamo parlare dei nostri processi????????????????????????? Prima di guardare in casa degli altri, guardiamo cosa facciamo noi.........RIDERE!!!!!!!!!!!!!!!!!!

Raoul Pontalti

Gio, 19/12/2013 - 16:41

per lanfry61: per quanto io stesso abbia sostenuto in passato l'applicazione dell'UNCLOS che attribuirebbe all'Italia la giurisdizione del caso, va osservato come l'india non abbia tutti i torti a considerare che: a) l'UNCLOS si riferisce a incidenti di navigazione tra navi civili e una sparatoria non è qualificabile come semplice incidente di navigazione quale ad esempio una collisione, b) esiste altra convenzione internazionale sottoscritta anche da Italia e India a Roma nel 1988 che qualifica diversamente atti come quello compiuto dai marò (li qualifica infatti come delitti contro la sicurezza della navigazione) e attribuisce la giurisdizione allo Stato che comunque abbia messo le mani sugli autori del delitto, c) non va sottaciuto infine che l'India attua il principio anglosassone del male captus bene contentus, ossia che la cattura del reo anche se avvenuta in modo irrituale non inficia la validità della detenzione e del relativo procedimento a carico. Ancora: la fictio iuris della nave quale territorio nazionale, oltre ad essere solo una finzione del diritto appunto utile per talune questioni pratiche, non opera in acque territoriali altrui (legittimo quindi l'arresto dei marò operato a Kochi e il sequestro delle armi, trattandosi di nave civile), infine va osservato che si sparò da "territorio italiano", ma i colpi caddero su "territorio indiano" per la medesima finzione e comunque uccidendo cittadini indiani. Di chi è la competenza giurisdizionale se dal territorio svizzero lungo il confine taluno spara e uccide in territorio italiano?

LAMBRO

Gio, 19/12/2013 - 16:56

CHE I NS GOVERNANTI SIANO SENZA PALLE NON E' PIU' UN MISTERO E... NE APPROFITTANO TUTTI!! COME SI FA A FARSI RICATTARE PER DUE ANNI?

Raoul Pontalti

Gio, 19/12/2013 - 17:09

nonnoaldo ci rifila un condensato di sciocchezze e di balle di rara pregnanza: a) Enrica Lexie attirata con l'inganno? Ormai è noto che che alla richiesta indiana su chi fossero gli sparatori i furbi risposero affermativamente (e non potevano fare altro: gli Indiani già sapevano dai superstiti chi avesse sparato) e anche alla richiesta di venire a identificare i pirati (ossia a verificare il misfatto) non si poterono sottrarre per ovvii motivi (sinteticamente: gli affari dell'armatore non potevano essere compromessi per tutelare dei minchioni); b) alterazione e sottrazione di prove: risulta che furono gli Italiani a occultare e distruggere prove (foto, filmati, registrazione della scatola nera) non gli Indiani; c) affondamento del St. Anthony: ininfluente in quanto le perizie (e le controperizie italiane guidate dall'ammiraglio Piroli) erano già state effettuate; c) autopsie buffonesche: furono eseguite da un professore di anatomia patologica e in assenza di periti italiani perché non nominati dai furbi della nave; d) il presunto cambiamento di calibro: è una bufala del falso ingegnere Di Stefano che aveva desunto da brani dell'autopsia un determinato calibro (lamentandosi anche che il perito necroscopo non aveva indicato il calibro bensì le dimensioni dei proietti rinvenuti nei cadaveri) mentre poi la perizia balistica determinò la corrispondenza del calibro delle armi dei marò con quello dei proietti rinvenuti su corpi e scafo; e) non parli della perizia balistica i cui esiti e procedure non risultano contestati dai due esperti dei carabinieri che presenziarono: f) ma soprattutto non Ti chiedi come mai dall'Italia, che possiede foto, registrazioni, etc. di quella disgraziata sparatoria, nulla viene inviato in India e alla stampa: forse perché, come emerge dagli scampoli pubblicati del famoso rapporto Piroli, detti elementi di prova non giovano affatto ai marò...

NON RASSEGNATO

Gio, 19/12/2013 - 17:13

Non è possibile ,i nostri politici si sono messi subito a 90 gradi e adesso gli è impossibile raddrizzarsi.

cecco61

Gio, 19/12/2013 - 17:32

Che il Governo italiano abbia fatto poco o nulla per i nostri marò è assodato ma, è altrettanto vero, che gli Indiani sono un popolo incivile. Qualche miliardario e un arsenale atomico per minacciare il mondo e fare quello che vogliono. Ormai neppure la Cina comunista arriva a tanto.

terape

Gio, 19/12/2013 - 17:39

E` troppo comodo prendersela sempre con i nostri politici, chi non ha le palle siamo noi che continuiamo a tenerli al loro posto e non abbiamo neppure il coraggio e la forza di scendere in piazza per protestare e mandarli a casa se occorre. Loro, a quanto pare, fanno bene il loro lavoro di rappresentanti di un popolo senza palle.

Dario40

Gio, 19/12/2013 - 17:46

purtroppo i governi Monti e Letta sono governi di gente senza gli attributi. Dire che è troppo poco.

Dario40

Gio, 19/12/2013 - 17:46

purtroppo i governi Monti e Letta sono governi di gente senza gli attributi. Dire che è troppo poco.

Ritratto di navigatore

navigatore

Gio, 19/12/2013 - 17:52

abbiamo ciò che ci meritiamo, una classe politic di merda, la Bonino solo in grado di dire e fare emerite stronzate, dopo quelle dei suoi predecessori.....

Ritratto di GWENDOLIN

GWENDOLIN

Gio, 19/12/2013 - 17:56

Perchè c'è qualcuno che ha paura dell'Italia? non nascondiamoci dietro ad un dito. Finora si è sempre fatta solo saliva raccontando fiabe ai pecoroni.July

unosolo

Gio, 19/12/2013 - 18:02

cominciamo a non pagare le quote sindacali poi vedremo se i politici fanno qualcosa , tagliamo subito questa parte della politica come inizio e subito dopo la rai niente canone , la politica deve intervenire subito in certi casi altrimenti smettiamo di versare anche i contributi e coisi non ci saranno soldi per i sevizi ma sopra tutto per chi campa col nostro lavoro che è anche quello dei MARO' ,lavorano e rischiano la vita e al momento che serve vengono abbandonati..

Ritratto di perigo

perigo

Gio, 19/12/2013 - 18:08

Monti? Un inetto protetto dalla sottana di Napolitano. De Mistura? In India lo reputano un cretino. Bonino? Chi è? Qualcuno l'ha vista mai fare qualcosa in rappresentanza o in difesa dell'Italia? Napolitano? Il maggiordomo comunista della Merkel. E non dimentichiamo che la cu*ona inc*ia*abile viene dalla DDR. Letta? Un lacché cattocomunista che crede davvero di essere qualcuno. Insomma, siamo circondati di gente incapace e colpevolmente inetta. La speranza dei Marò è riposta nella bontà degli Indiani. Che, purtroppo, non sono nemmeno quelli d'America...

giampik

Gio, 19/12/2013 - 18:50

A quel cervellone del Re Leone (che fa anche rima!) Senti Tuttofo- sforo, forse (ma solo forse) a te sfugge che i due Marò (innocenti fino a prova contraria) sono stati richiamati nelle acque territoriali di questa grande Potenza con l'INGANNO, tanto per dirne una ..che magari due insiemne ti sono pesanti... La Signora Khobragade, razzista dalla pelle scura (oh, perbacco...) invece è stata arresta con prove, accuse circostanziate, tutti FATTI di cui non vuole, non può, non le conviene rispondere! Capito, Cicci?

killkoms

Gio, 19/12/2013 - 19:25

@hellmanta,quello che dimostra di avere un diploma col 36 a maggioranza,o una laurea"sessantottina"con esami collettivi sei proprio tu!nemmeno io ho detto che l'economia italiana è più importante di quella indiana!è ovvio che un paese con oltre un miliardo di abitanti ha un'economia di conseguenza!elementare watson!abbiamo scelto una politica estera di 2°piano,grazie a quei sapientoni dei padri della repubblica!

Ritratto di franco-a-trier_DE

franco-a-trier_DE

Gio, 19/12/2013 - 20:14

cockiell cercati una scuola serale e impara a scrivere.viento 2 umiliati in che senso? hanno in custodia 2 uomini che hanno ammazzato dei pescatori indiani cosa è una umiliazione processare 2 persone che hanno ammazzato gente in mare inermi? Una umiliazione la fanno certi vostri giudici lasciare liberi dei comunisti delinquenti e dei serial killer.Unosolo tu sei un imbecille.Lambro perchè voi popolo italiano avete le palle? avete comunisti politici al governo e dici che avete le palle?

Raoul Pontalti

Ven, 20/12/2013 - 12:01

Sull'India che reagisce in modo pesante: se è pur vero che negli USA la polizia non guarda in faccia a nessuno così come la magistratura (il caso DSK docet) e non riconosce l'immunità diplomatica consolare al di fuori della funzione svolta, è anche vero che in questo caso ha agito in modo arrogante e insensato. Innanzitutto le violazioni di legge contestate sono da un lato (falsificazione di documentazione per il visto di una collaboratrice domestica) tutte da provare, mentre dall'altro (controversia di lavoro e retribuzione di una domestica sotto la soglia minima USA) irrisorie e soprattutto la questione fu sollevata dalla diplomatica indiana stessa presso le autorità USA in relazione alle inadempienze della propria connazionale. La questione degli infelici rapporti tra datrice di lavoro e dipendente risale a diversi mesi fa con denuncia della diplomatica indiana alla polizia locale su espresso consiglio dell'Office of Foreign Missions, l'ente USA che assiste le missioni diplomatiche straniere, cui ella si era inizialmente rivolta. Agiva dunque alla luce del sole la diplomatica indiana ed eventuali irregolarità o violazioni di legge le sarebbero potute essere contestate in modo diverso, senza ricorrere ad arresto, procedura di riconoscimento che si pratica sui delinquenti, ivi compresa l'ispezione corporale "nelle cavità". Il segretario di Stato USA John Kerry ha già espresso solidarietà alla diplomatica indiana e rincrescimento per la vicenda occorsole, riconoscendo così politicamente la smarronata della polizia della Grande Mela. Una volta liberata la signora è stata "promossa" dal suo governo al rango di diplomatico presso le Nazioni Unite, ciò che le conferisce immunità assoluta (dall'arresto ma anche dal processo sia penale che civile, etc.). Non è difficile dunque osservare che kil caso è ben diverso rispetto ai marò: irregolarità documentali e retributive qui, omicidio plurimo nel caso dei marò, comportamento inutilmente rigoroso in una vicenda sollevata dalla diplomatica stessa in buona fede e che perdura dal marzo scorso e di cui le autorità USA erano ben informate e comportamento invece benigno e rispettoso nei confronti di due cowboys sparacchiatori nel caso nostro (quanta galera hanno fatto i due marò? nemmeno un giorno, poiché non hanno mai fatto un giorno di cella, sempre in appartamenti, anche di alberghi), con concessione anche di due licenze a casa. E' quindi comprensibile la reazione indiana ad un incredibile trattamento riservato ad una donna e di rango diplomatico consolare. Questa volta qualcuno a New York ha smarronato, mettendo a repentaglio i rapporti USA-India proficuamente avviati da Bush jr. (l'unica cosa positiva che quell'amministrazione fece in politica estera).

Ritratto di Soldato di Lucera

Soldato di Lucera

Ven, 20/12/2013 - 12:34

@ raouuoul pontcascati, gran conoscitore di questioni strategiche, giuridiche, internazionali ,ecc. ecc. Manco perdo più tempo a leggere le tue logorree. Ma solo una domanda....quanta cacca ti faresti, tu nelle mutande, se dovessi dare del coglione "a quattrocchi" all'ultimo fante del San Marco? Sei stato una mezza tacca di fantone di montagna con incarico massaggio fallico equino....al massimo della tua esperienza bellica, c'è stato il piccone nelle chiappe o il jukebox nel armadio...ma cosa parli a fare? in smipar vi chiamavamo fantoni ! Ma era ancora un complimento!

mila

Sab, 21/12/2013 - 06:14

Lasciando stare la vicenda dei due soldati italiani, contro i quali certi commentatori come Pontalti hanno il dente troppo avvelenato e sulla quale comunque non voglio tornare, trovo che invece Pontalti abbia perfettamente ragione, anzi sia un po' troppo soft nel commentare il comportamento della polizia USA con la diplomatica indiana, che e' del tutto inqualificabile, anche se avesse riguardato una persona non protetta da nessuna immunita'.