I servizi britannici: "I migliori 007? Le donne"

"Riescono a fare più cose contemporaneamente e capiscono meglio le emozioni", racconta una funzionaria dell'intelligence di Londra

James Bond (Daniel Craig) e M (Judi Dench) in Skyfall

I migliori agenti dei servizi segreti? Senza dubbio le donne. Lo afferma una fonte (ancora una volta, al femminile) dell'MI6, il quartier generale dell'intelligence britannica per l'estero. La funzionaria dei servizi di Sua Maestà, il cui vero nome, come da tradizione, non è noto, ha spiegato in un'intervista a The Times come le donne siano "dannatamente brave" in questo lavoro perché in grado di svolgere più compiti contemporaneamente e di comprendere meglio le emozioni.

La vita di uno 007 è "fantastica e decisamente unica", ma, ammonisce l'agente, "non ha nulla a che fare con i film di James Bond. L'agenzia MI6 è "è molto più responsabile ed è molto più collegata al resto del governo. C'è molto più lavoro di squadra, e non è solo 'Bond parla con Q e prendi il kit'". Inoltre, conclude la funzionaria, le madri sono considerate un "pericolo minore" da terroristi e politici rispetto alle donne single: "Anche i terroristi hanno madri, sorelle, figlie", spiegano adi servizi.

"Il bello di questo lavoro - si legge nella conclusione dell'intervista - è trovare sempre la via più agile per arrivare da un punto A a un punto B senza venire catturata."

Commenti

Mechwarrior

Lun, 31/03/2014 - 15:02

Di certo le donne sono molto più perfide ;-P