India, neonato rapito e venduto su Facebook

Caso choc in India: un uomo ha rapito e venduto su Facebook un neonato, suo nipote, per 800 mila rupie (oltre 11 mila euro). La vicenda è avvenuta nello stato indiano nord occidentale del Punjab, nella città di Ludhiana. Lo zio ha rapito il bimbo appena nato, dopo aver convinto la madre di aver partorito un feto morto. Complice dell’uomo un’infermiera dell’ospedale: insieme hanno venduto il piccolo per 640 euro a un altro dipendente del nosocomio.

L’uomo dopo averlo comprato, ha messo un annuncio sul social network, cercando di rivendere il neonato. Nel frattempo, la madre, non credendo che il figlio fosse morto, ha denunciato il caso alla polizia che ha arrestato l’uomo e gli altri suoi tre complici. Il neonato è stato immediatamente ritrovato, ma le forze dell’ordine non sono riuscite ad assicurare alla giustizia l’uomo che stava per comprare il bambino. A New Delhi, e in altre parti dell’India, nell’ultimo periodo ci sono stati moltissimi casi di rapimento e violenze sessuali su bambini, un fenomeno che ha provocato molte proteste da parte delle associazioni per la difesa dei diritti umani e dei partiti dell’opposizione.