Indonesia, bimbo di 8 anni sbranato da un varano di Komodo

Il piccolo Mansur è stato sbranato dalla lucertola gigante. Una specie in via d'estinzione di cui restano 6mila esemplari nell'arcipelago intorno a Giacarta

Giakarta - Un bambino indonesiano di 8 anni è stato ucciso a morsi da un varano di Komodo, la più grande lucertola esistente, uno dei rettili maggiormente aggressivi che si conoscano. Si tratta di un evento rarissimo Perché, sebbene feroci e selvaggi, sono ben pochi i casi documentati di attacchi contro esseri umani da parte di esemplari di questa specie di varano, tanto imponente da essere anche chiamata "drago di Komodo". La tragedia, risalente a sabato, è stata confermata da un portavoce del Parco Naturale di Komodo, Heru Rudiharto. Il bimbo, di cui si sa soltanto che si chiamava Mansur, viveva in un villaggio del distretto di Manggarai Orientale sull’isola omonima, situata nell’arcipelago della Sonda, circa 1.500 chilometri a est di Giacarta.

Il drago di Komodo Si era allontanato dalle capanne per fare i suoi bisogni, addentrandosi nella boscaglia: qui che lo ha sorpreso il sauro, evidentemenmte affamato. In Indonesia da aprile è iniziata la stagione secca, quando la selvaggina si fa più scarsa. Il drago di Komodo si nutre in genere di cervi, cinghiali e antilopi. In mancanza di selvaggina si è avventato sul malcapitato, lo ha azzannato all’altezza della vita, tirandolo, scuotendolo e trascinandolo con i grossi denti in grado di tagliare grossi bocconi senza dover ingoiare la preda intera. Le urla del piccolo sono state sentite dallo zio, che stava rammendando le reti da pesca sulla vicina spiaggia. L’uomo ha dato l’allarme ed è accorso insieme ad altri abitanti del villaggio per cercare di salvare la giovanissima vittima, ma non c’è stato nulla da fare: il varano non ha mollato la presa finché non si è stancato di essere preso a sassate. Ormai però per Mansur non c’era più nulla da fare. su Komodo non esiste neppure un pronto soccorso, e mezz’ora dopo il bimbo era morto dissanguato.

Specie in via d'estinzione Il drago di Komodo è una delle specie animali a maggiore alto rischio di estinzione: ne sopravvivono non più di 6mila esemplari, sparsi sull’isola da cui ha preso il nome, su quella di Flores e su altre quattro. Lungo in media 2 metri e mezzo e pesante un quintale, può però arrivare fino a 3 metri e a 150 chilogrammi. Ha un olfatto sviluppatissimo che non lascia scampo agli erbivori, e si avvale di una coda molto muscolosa; in grado di correre a un’andatura piuttosto sostenuta, ha fauci micidiali. In un caso fu visto abbattere addirittura un bufalo adulto. Per di più, nutrendosi con frequenza di carogne, nella bocca del varano di Komodo pullulano pericolosi germi patogeni: se anche si riesce a sopravvivere all’attacco e a fuggire, le infezioni che ne seguono sono inevitabilmente letali.