Kamikaze a Bagdad: oltre 40 morti

Ennesimo attacco dei terroristi ieri sera a Bagdad. Un kamikaze alla guida di un'autobomba l'ha fatta esplodere scagliandosi contro l'ingresso di una moschea sciita nella capitale irachena: almeno 30 persone sono state uccise e 48 sono rimaste ferite. La deflagrazione è avvenuta al termine della preghiera serale all'entrata della moschea al-Tamimi, nel quartiere misto di Kasra (nord-ovest di Bagdad). Quest'ultimo attentato a una moschea ha fatto salire a 43 il numero di persone uccise ieri in diversi attacchi in varie zone dell'Irak. Ma sono mesi che il Paese è in preda a una violenza sempre più sanguinosa. Secondo l'Onu, solo in agosto almeno 800 iracheni sono stati ammazzati, più di un terzo nella capitale. Un bagno di sangue in escalation da quando, 18 mesi fa, è stato completato il ritiro delle truppe Usa.