La rivolta dei repubblicani: la casa reale ci costa troppo

L'accusa: spendono 60 volte di più di quello che dichiarano ufficialmente

Re Felipe VI e la regina Letizia durante la cerimonia del giuramento

Il divieto di concentrazioni, deciso dal Tribunal Supremo dopo che alcuni membri del Coordinamento repubblicano avevano organizzato una manifestazione pro-repubblica in Puerta del Sol a Madrid, non basta a spegnere le polemiche attorno al trono di Spagna. Nel giorno della proclamazione di Felipe VI rispunta il tema dei costi della casa reale borbonica. Accusata di mentire, e anche di un bel po', sulla sua effettiva incidenza nel bilancio dello Stato. A puntare il dito sono proprio i repubblicani, secondo cui i reali costerebbero 561 milioni di euro all'anno. Cifra quasi 70 volte superiore a quella ufficiale, di 7,77 milioni di euro, dichiarata dalla famiglia regnante nel 2014. Da qualche anno infatti la casa reale pubblica sul proprio sito ufficiale il denaro che riceve dalle casse dello Stato, cioè dai contribuenti spagnoli. Una misura divenuta necessaria sull'onda della pressione mediatica e di un indice di gradimento davanti all'opinione pubblica in netta discesa, soprattutto dopo la bufera del caso Noos, che vede indagati per corruzione l'infanta Cristina (non a caso ieri unica assente alla proclamazione di Felipe VI) e suo marito Iñaki Urdangarin.

Nel 2011, appena scoppiò lo scandalo, Juan Carlos decise, per la prima volta nella storia della monarchia, di far pubblicare annualmente un elenco delle spese di corte. Due anni dopo, nell'aprile del 2013, fu approvata la nuova legge sulla trasparenza che introduceva un vero e proprio libro contabile dei Borbone, nel quale questi avrebbero rendicontato ai sudditi in che modo viene speso ogni centesimo della quota di bilancio dello Stato destinata loro. Secondo la versione ufficiale della casa reale, le spese annuali sarebbero state di 8,4 milioni nel 2011, 8,2 milioni nel 2012, 7,9 milioni nel 2013 e 7,7 quest'anno. Ma nel calcolo, è questa l'accusa dei repubblicani, rientrano solo alcune voci, quelle relative ai costi della monarchia come macchina istituzionale: personale dell'alta rappresentanza degli uffici e del protocollo (il «supermanager» di corte, Rafael Spottorno, guadagna come un ministro: 69.981 euro all'anno), oltre che l'assegno personale di Juan Carlos, Sofia, Felipe e Letizia, i vestiti che indossano, il parrucchiere. Restano fuori, come rivelò un'inchiesta del quotidiano iberico Publico, una lunga serie di altre voci: viaggi ufficiali, spese per la manutenzione del palazzo della Zarzuela e per la cura del giardino, autisti, guardie del corpo, oltre che quelle per la Guardia real. Tutte voci che non vengono conteggiate perché non compaiono nel bilancio generale dello Stato ma in quello dei singoli ministeri degli Interni, della Difesa e delle Finanze. Anche a questa domanda, ora, toccherà al nuovo re dare risposta.

Twitter @giulianadevivo

Commenti

magnum357

Ven, 20/06/2014 - 09:17

Dovrebbero accontarsi di un appannaggio del 10% !!! Capisco l'ira degli spagnoli !!

paolonardi

Ven, 20/06/2014 - 09:38

Chiedere agli italiani: il nostro presidente, rigorosamente miniscolo, della Repubblica costa molto di piu' della Casa Reale inglese e si arroga molti piu' poteri di quanti ne possiede qualsiasi regnante. Un consiglio: tenetevi la monarchia, costa meno e non facendo politica e' veramente super partes.

mbotawy'

Ven, 20/06/2014 - 16:04

Gente inutile.Il gerenalissimo Franco,scelse il giovane e timido Juan,innoquo personaggio,un sedativo per turbolento passato spagnolo.Ora questo figlio Felipe sara' per un breve tempo la continuazione dei costi por el palacio de la Zarzuela.

piertrim

Sab, 21/06/2014 - 09:58

Poveri illusi la monarchia, che dura una vita, costa senz'altro molto meno di un presidente della repubblica. Di ogni presidente che in pochi anni deve sistemare tutta la parentela per i secoli a venire.

Ritratto di filatelico

filatelico

Dom, 22/06/2014 - 21:47

I Borboni hanno sempre governato meglio di altre Case reali come i Savoia ad esempio. Mi piacerebbe avere un Capo dello Stato giovane e bello invece di un Presidente vecchio e fazioso.