Con l'alleato russo cadrà mai Assad?

Assad è ancora saldo al potere ma siamo proprio sicuri che sarà sempre così?

Sono ormai passati più di 16 mesi di previsioni, analisi di inevitabile crollo del regime siriano; si è parlato di decine di generali del suo esercito disertati in Turchia; gli sono state imposte sanzioni da parte dell’Occidente, lanciate grosse minacce da parte dell’ex alleato turco. In una riunione segreta al massimo livello dei suoi responsabili militari e della sicurezza, tre degli uomini chiave del regime di Assad, incluso il suo Ministro della Difesa, sono morti in un attentato; ma il sangue continua a scorrere mente la rivolta araba si è trasformata in guerra civile lacerando lo stato più nazionale, solido, ideologicamente laico del Medio Oriente. Il presidente Assad, simbolo del regime tuttavia resta alla guida di questa mattanza che non sembra volta a finire. Perché?

(Continua a leggere sul blog Lo sguardo di Dan)

Commenti
Ritratto di Gianfranco Robert Porelli

Gianfranco Robe...

Ven, 03/08/2012 - 16:45

Ritengo che l'Italia dipenda dai "diavoli" della Russia per gran parte dell'approvvigionamento energetico. Invece gli "angeli" Usa, Francia e Regno Unito ci hanno fregato il petrolio e il gas della Libia. Va be', Napolitano ha fatto la sua parte però, alla sua veneranda età, coi suoi alti e bassi (e le sue lauree) si può ben dire che abbia già un piede nella fossa, insomma non è che si può fare conto su di lui. Anzi bisogna farci la tara, data la sua imprevedibilità. Se si alza domani mattina, lui comunista rosso che più rosso non si può, è capace perfino di convertirsi al Cristianesimo oppure di nominare Schettino a capo di un governo tecno-balneare... Ad ogni buon conto in Siria c'è la guerra civile e l'hanno cominciata gli "amici" islamico-americani e non i "nemici" cristiano-ortodossi. Essere o non essere... all'Italia conviene stare con i "diavoli" che ci danno il petrolio o stare con gli "angeli" che ce lo fregano? Conviene dar credito ai gradassi di sinistra (Obama compreso) o al pacifico Berlusconi che sa far di conto e paventa "sudore, lacrime e sangue"?