L'Austria vota per confermare l'esercito di leva

Una chiara maggioranza degli austriaci, circa il 60%, con una inaspettata alta affluenza, ha votato per il mantenimento del servizio militare obbligatorio al referendum consultivo svoltosi ieri in l'Austria. Il 40 % si è detto in favore di un esercito professionale. È quanto risulta dalle prime proiezioni diffuse subito dopo la chiusura dei seggi alle 17. L'affluenza è stata di oltre il 50 %. Il voto non ha valore vincolante ma ha una forte valenza politica per la grande coalizione al governo a Vienna fra Spoe (socialdemocratici) e Oevp (popolari). Per la Spoe, che assieme alla stampa populistica e ai Verdi, aveva cavalcato con forza il tema battendosi per un esercito professionale in grado di garantire una buona difesa, il risultato rappresenta una sonora sconfitta.

Commenti
Ritratto di serjoe

serjoe

Mar, 22/01/2013 - 14:10

Dovevamo mantenere la leva anche in Italia.Senza di essa i giovani hanno grande probabilita' di crescere da debosciati.