L'Europa ipocrita su Hezbollah terroristail commento 2

diGli Hezbollah sono finalmente nella lista nera dell'Europa anche se solamente con la loro cosiddetta ala militare. L'Europa ha sofferto alquanto nel mettere la parola «terrorista» accanto al nome «Hezbollah», partito di Dio, ma alla fine ce l'ha fatta. Ci sono voluti quintali di materiali su fatti noti da decenni, come l'uccisione dei marines e dei soldati francesi in Libano nell'83, l'attacco all'ambasciata di Israele a Buenos Aires nel '92 con 29 morti, e poi nel '94 l'uccisione di 85 persone nell'esplosione del Centro Ebraico, l'arresto in Egitto due anni fa di 49 Hezbollah che pianificavano attacchi, l'attacco all'autobus di Burgas nel luglio 2012, la sequenza degli anni '80 in Spagna (18 uccisi) e in Francia (13 persone). Feriti a centinaia, sequestri aerei, agguati, delitti silenziosi... e l'attentato a Rafik Hariri ucciso con altri 21 nel 2005, e Messico, Georgia, New Delhi. Non c'è zona vergine, per non parlare degli attacchi continui a Israele, ai tiri di missili e ai rapimenti che hanno portato all'ultima guerra.
L'Europa dopo aver molto nicchiato ha deciso di guardare negli occhi l'orrore: quello è terrorismo, e gli Hezbollah ne sono gli autori. Ma perché adesso? La ragione è semplice: gli Hezbollah, che fino alla guerra Siriana erano nient'altro che un acerrimo nemico d'Israele e dell'imperialismo americano, sono passati dalla parte sbagliata della mappa alleandosi a Bashar Assad e quindi contribuendo allo scandalo mondiale della repressione sanguinosa del rais. L'Europa non ha potuto evitare di vedere. Finalmente, e quanto in ritardo. Ed ecco un altro evento: John Kerry, ottenendo la riapertura dei colloqui di pace israelo-palestinesi ha rafforzato l'idea che, nonostante tanti fallimenti, gli Usa hanno ancora un ruolo forte in Medio Oriente. Dunque, ecco che si concretizza un gesto di interventismo europeo in Medio oriente. Ma l'Europa resta il solito signor Tentenna e condanna solo l'ala militare, che non esiste senza quella politica. È vero che gli Hezbollah siedono nel parlamento Libanese, e questo è un problema. Lo è anche avere i nostri soldati al confine fra Israele e il Libano quando gli Hezbollah si arrabbiano, e lo sarà anche, in generale, avere irritato Nasrallah, il segretario generale del consiglio della Shura che può decidere una reazione antieuropea. Solo lui decide. Hezbollah in questo momento non è in buone condizioni: forse per la prima volta viene messo in discussione dal popolo libanese. Si è riformata un'alleanza sunnita cristiana, anche molti sciiti, quando ne hanno il coraggio, criticano Nasrallah e temono l'odiato sconfinamento siriano.
Il popolo libanese oggi potrebbe sognare una società liberata dal ruolo degli Hezbollah. Il Medio oriente se ne gioverebbe immensamente, forse si potrebbe riaprire un sogno di pace con Israele. Ma l'Europa deve riaprire il capitolo: Hezbollah è tutta quanta un'organizzazione terrorista.

Commenti

Raoul Pontalti

Mer, 24/07/2013 - 12:20

Il solito minestrone di nonna Fiamma con mescolanza di tutti i sapori, anche esotici e impropri. Le azioni militari sono una cosa, gli attentati terroristici un'altra. Le azioni militari Hezbollah le ha sempre rivendicate e con orgoglio, per quanto riguarda le azioni terroristiche queste sono state attribuite a Hezbollah con la stessa tecnica usata per le armi di distruzione di massa di Saddam Hussein: mera propaganda di taluni occidentali. Concordo invece con nonna Fiamma sulle ragioni ultime della decisione europea, che avviene tra l'altro immediatamente dopo le dichiarazioni del governo bulgaro secondo il quale l'attentato di Burgas dello scorso anno non sarebbe opera di Hezbollah, ossia in relazione alla questione siriana che vede coinvolto Hezbollah a fianco di Assad.

angelomaria

Mer, 24/07/2013 - 18:33

come fosse una novita' abbiamo una UE notoriamente pro terroristi

DonatoDS

Mer, 24/07/2013 - 20:51

Adesso oltre ad essere un asino sei anche maleducato!