LONDRA Rovinò il ministro Ora l'agente ritratta «Ho mentito»

Alla fine lo ha dovuto ammettere di fronte al tribunale di Londra: ha dichiarato il falso affermando di aver assistito agli insulti che nel settembre 2012 costrinsero alle dimissioni l'ex ministro britannico per i Rapporti con il Parlamento, Andrew Mitchell. Il ministro fu accusato di aver usato la parola «plebei» contro le guardie all'ingresso di Downing Street.
L'agente di Scotland Yard, Keith Wallis, ora rischia ora una condanna al carcere mentreil partito conservatore chiede di reintegrare il politico, che aveva sempre negato di aver pronunciato la parola offensiva.