Londra si blinda ma non si ferma Oggi l'ultimo saluto alla Thatcher

I funerali della Lady di ferro con la Regina e duemila personalità illustri. Domenica la maratona. Le autorità: "Tutto sotto controllo"

Londra - Nessuno si preoccupi, abbiamo tutto sotto controllo. È questo il messaggio che il sindaco di Londra e la polizia metropolitana continuano a trasmettere in queste ore. È indubbio però che tra i funerali della Thatcher previsti per oggi e la maratona benefica in programma domenica, la capitale britannica rimarrà blindata fino alla prossima settimana. Le bombe di Boston non hanno fatto che portare alle stelle una tensione già palpabile creatasi proprio in seguito alla scomparsa dell'ex Primo ministro conservatore. I party in strada di dubbio gusto erano stati il primo sintomo di una situazione difficile da controllare, tanto che il governo di Cameron ha deciso di consentire le dimostrazioni anti-Thatcher previste per oggi nel tentativo di smorzare l'elettricità che si respira da qualche giorno in tutta l'Inghilterra. Nessuno però poteva prevedere che il mondo sarebbe ripiombato nella paura di un altro attacco terroristico.

Il premier inglese è stato il primo a commentare la notizia su Twitter, subito dopo ha ordinato una revisione completa delle misure di sicurezza previste per la maratona. La corsa si terrà nonostante tutto, proprio per dimostrare che la Gran Bretagna non teme i vigliacchi che a Boston sono stati capaci di uccidere bambini indifesi. «Siamo ansiosi di dare il benvenuto qui a tutti i concorrenti - ha dichiarato ieri il capo della Polizia metropolitana Christine Jones - la nostra polizia è particolarmente addestrata per fronteggiare grandi eventi come questi. Ogni dettaglio è stato rivisto e la sicurezza è stata rafforzata». «Londra ha una grandissima esperienza nell'organizzazione di manifestazioni importanti - ha rincarato la dose il ministro dello Sport Hugh Robertson - e può vantare alcuni tra gli esperti di sicurezza migliori nel mondo. Assicurare che la maratona si svolga come previsto è il modo migliore di mostrare la nostra solidarietà alla gente di Boston». Il comandante della polizia ha detto anche che i suoi uomini sono in costante contatto e collaborazione con gli organizzatori della corsa, «per essere certi di avere tutto sotto controllo».

Al momento non vi è stata la necessità di riunire la commissione governativa per le grandi emergenze Cobra, anche se già oggi il livello di sicurezza è stato innalzato al massimo per il funerale della Lady di Ferro. I due eventi sono destinati a incrociarsi dando non poche preoccupazioni al sindaco Johnson, che ha già parlato con la polizia in caso servano forze extra. Le procedure di registrazione per la maratona hanno inizio proprio oggi, in concomitanza con i funerali di Maggie e la giornata si prevede lunga e faticosa per l'intera città. Sicuramente la cerimonia funebre (in Italia sarà trasmessa in diretta a partire dalle 10.15 da TgLa7 e in streaming sul sito www.la7.it), a cui prenderanno parte più di duemila invitati, capi di Stato, teste coronate e politici, avrà un impatto drammatico sul traffico cittadino per lasciare libero il percorso che da Westminster si snoda fino alla Cattedrale di St. Paul dove verranno celebrate le esequie. Poche decine di chilometri che però attraverseranno la città da un capo all'altro, soffermandosi sui punti ritenuti da sempre obiettivi sensibili dall'antiterrorismo. A salutare il feretro lungo la strada più di 700 rappresentanti dei vari corpi militari, a rendergli onore a St. Paul la stessa Regina Elisabetta II, il vice presidente americano Dick Cheney e l'ex segretario di Stato Henry Kissinger che con la Thatcher condivisero battaglie e ideologie.

Commenti

steacanessa

Mer, 17/04/2013 - 09:46

I sinistri di merenda sono ignobili in tutto il mondo.

Massimo Bocci

Mer, 17/04/2013 - 10:56

Un grande rammarico per questa scomparsa, di una vera liberale che ha tentato di LIBERARE con successo il suo paese dal comunismo reale, e sopratutto non ha consentito che gli Inglesi venissero TRUFFATI EURO, solo per questo dovrebbero essergli grati in eterno, li ha salvati per la seconda volta dopo Churchill dai NAZIONAL FRANCO-CRUCCHI, che come i comunisti Italici, cambiano nome ma non il vizio di RUBARE e COMANDARE in casa di altri (asservendoli coattamente) , la presenza della sovrana Inglese è i suggello di una vita spesa per la LIBERTÀ' INGLESE e del mondo intero. Viva la Lady di ferro, da non confondere con mele di ferro la Crucca (exDDR) che ancora procura danni miserie all'Europa intera.