Maduro ai ribelli «Vi spazzerò via» Studenti in piazza

Il presidente venezuelano, Nicolas Maduro, ha annunciato nuove «misure drastiche» in risposta alle proteste antichaviste che si susseguono da oltre un mese e che hanno lasciato finora un bilancio di 28 morti e 365 feriti, secondo cifre ufficiali del governo. Le forze di sicurezza si concentrano da due giorni in quello che Maduro ha descritto come «la liberazione di spazi per la comunità», cioè la lotta contro le «guarimbas», le barricate erette dai manifestanti oppositori nella zone in cui sono più attive, come l'est di Caracas, il nord di Valencia (capitale di Carabobo, nel nord-ovest) e San Cristobal (capitale di Tachira, nell'ovest). «I “guarimberos” finiranno in carcere o dovranno andarsene, non so dove andranno ma queste “guarimbas” violente finiscono qui!», ha tuonato Maduro.

Commenti
Ritratto di marforio

marforio

Dom, 16/03/2014 - 04:00

Chi spara sui demostranti sono mercenari cubani .I cosidetti gladiatori di maduro. Non si fida dei suoi uomini , e sa che la cuccagna sta per finire.