Maxi tangentopoli in Turchia. Vacilla il trono del Sultano

Lo scandalo investe pure membri del governo e frena l'ambizione del premier di diventare leader dell'intero Medio Oriente. Adesso l'imam Gülem lo sfida

Vacilla il trono di Tayyip Erdogan, primo ministro di Turchia dal 2002, soprannominato per la sua megalomania «il nuovo Sultano». Ormai da tempo, l'uomo che si proponeva di resuscitare lo spirito islamico bandito da Atatürk e nello stesso tempo diventare il dominus della politica mediorientale appoggiando le varie primavere arabe accumula errori su errori, alienandosi l'America, Israele, l'Egitto e quasi tutti gli altri suoi vicini, rompendo con il suo grande sponsor, l'imam Fetullah Gülem, e reprimendo nel sangue una pacifica dimostrazione per salvare un parco di Istanbul. Appena un mese fa, dopo che la Turchia è stata condannata per il terzo anno consecutivo come il Paese al mondo che tiene più giornalisti in galera, l'Economist lo ha definito «sempre più paranoico».

Adesso rischia di essere travolto, alla vigilia di un cruciale anno elettorale, dallo scoppio di una Tangentopoli che ha pochi precedenti in Europa. Nel giro di tre giorni, sono stati arrestati per corruzione, frode, contrabbando di oro e violazione delle leggi edilizie i figli dei ministri dell'Interno e dell'Economia, il direttore generale della Halkbank, il più grande costruttore del Paese e un'altra quarantina di personaggi legati al partito del premier AKP. Erdogan ha reagito licenziando il capo della polizia di Istanbul e una trentina di funzionari responsabili delle indagini e attribuendo lo scandalo a un complotto ordito da potenze straniere, fino a minacciare di espulsione l'ambasciatore americano e alcuni suoi colleghi perché impegnati in azioni provocatorie. «Stiamo combattendo - ha detto - contro una banda di criminali, ma non cederemo a nessuna minaccia».

L'indiziato numero uno è in realtà l'uomo che lo ha aiutato prima a conquistare e poi a consolidare il suo potere, quell'imam Gülem che, anni fa, se ne è andato in esilio negli Stati Uniti ma continua ad esercitare una forte influenza sulla magistratura, sulla stampa, sul sistema scolastico e si è apertamente dissociato sia dalla rottura con Israele, sia dall'assistenza fornita da Erdogan ai ribelli siriani, sia dalla sciagurata alleanza con i Fratelli musulmani. Gülem ha negato qualsiasi coinvolgimento nell'affare, ma su un sito a lui legato sono comparse queste terribili parole che somigliano a una fatwa: «Che Allah porti il fuoco nella case, rovini le famiglie, semini la discordia tra coloro che non vedono il ladro ma perseguitano coloro che cercano di catturarlo, che non vedono gli assassini ma cercano di attribuirne le colpe a gente innocente».

Nei suoi quasi dodici anni di potere, Erdogan ha fatto molto per la Turchia. Ha triplicato il reddito pro-capite, ha ridimensionato – con metodi peraltro molto discutibili, come un processo farsa che ha portato all'arresto di trecento alti ufficiali – il potere delle forze armate, ha intrapreso un grandioso programma di opere pubbliche culminato proprio un mese fa nell'inaugurazione di un tunnel di 14 chilometri sotto il Bosforo. Ma ha anche permesso a una ristretta cerchia di palazzinari vicini al suo partito operazioni di speculazione edilizia che hanno stravolto il panorama di Istanbul, demolendo quartieri storici e coprendoli di vetro e cemento armato, fino al tentativo, abortito grazie alla rivolta popolare dello scorso giugno, di eliminare anche l'unico grande parco rimasto. Con il passare del tempo, è diventato – per dirla con il capo dell'opposizione laica – «troppo potente, troppo arrogante e troppo autoritario», imponendo non solo un graduale ritorno della Turchia alle sue antiche tradizioni islamiche, come il velo per le donne, ma pretendendo anche si disporre quanti figli i cittadini devono fare e quale cibo devono consumare. La rottura con Gülem, che secondo molti dispone di un vero e proprio Stato nello Stato, potrebbe costargli molti voti nelle prossime elezioni e – sicuramente – liquidare il suo sogno di cambiare la Costituzione e farsi eleggere a capo di una repubblica presidenziale. Se lo scandalo scoppiato questa settimana dovesse essergli fatale, pochi all'estero lo rimpiangerebbero: non l'Unione Europea, che lo considera troppo islamista e troppo poco democratico per aprire le sue porte alla Turchia, non la Nato furiosa per il suo recente acquisto di un sistema missilistico cinese, non l'America che ha cessato di considerarlo un alleato privilegiato. Come dicevano i romani, sic transit gloria mundi.

Commenti

gigetto50

Dom, 22/12/2013 - 12:29

.......non mi é simpatico ma credo meglio dell'imam Gulem rifugiato in America e che senz'altro prenderebbe il suo posto e questa volta islamizzando veramente il paese. Non capisco perché l' occidente "alleva" in seno certi personaggiislamici: a suo tempo Khomeini in Francia, l'islamico di adesso in Tunisia era in Inghilterra, Morsi in Egitto era il pupillo dell'America. Mah...

Ritratto di serjoe

serjoe

Dom, 22/12/2013 - 14:39

In Siria s'e' fregato..e' li' che ha sbagliato.Appoggiando i qaedisti..subira' ben presto un repulisti.Sulla frontiera con Assad,,un esercito di jihaddisti ha ospitato...e saran quelli a fargli il mazzo.

Ritratto di Andrea B.

Andrea B.

Dom, 22/12/2013 - 16:35

Fantastico... la fu laica Turchia di Ataturk adesso è contesa tra Erdogan ed un Imam....

Ritratto di stock47

stock47

Dom, 22/12/2013 - 16:36

Prima cade Erdogan è meglio è per tutti, l'occidente sopra a tutto, sperando che il suo posto non venga preso da qualche altro fanatico islamista.

Ritratto di franco-a-trier_DE

franco-a-trier_DE

Dom, 22/12/2013 - 17:17

ASPETTATE LA ENTRATA DELLA TURCHIA NELLA EUROPA E VEDRETE TRA IL SULTANO E I COMUNISTI COME MANGERANNO VI MANGERANNO FINO LE PALLE.

TizioGaioSempronio

Dom, 22/12/2013 - 19:13

gigetto, spara sentenze senza sapere di che parla. Come si chiama il tipo? Gulem, come dice lei? Sbagliato. Gülem, come ddice questo giornalista dei miei stivali? Sbagliato. Gülen. Si puo' parlare di cose senza sapere di che si parla? Io non lo faccio mai, mi vergognerei come un ladro. Si vede che lei tiene la faccia di bronzo. Come anche l'intero "Giornale" (mi ricorda gli annali di volusio di catulliana memoria, questo "giornale"). Sa qualcosa di Gülen? Ma se non ha nemmeno controllato wikipedia! Parli di cio' che sa. Idem per il cosiddetto giornalista che ha scritto questo pezzo ridicolo.

Ritratto di Mario Galaverna

Mario Galaverna

Dom, 22/12/2013 - 20:07

Ma ci illumini, cari TizioGaioSempronio, chi è sto "GOLEM", un RARO imam di creta diverso dagli altri o è un'altro fanatico islamista?

TizioGaioSempronio

Dom, 22/12/2013 - 23:32

Caro mario calavena, se secondo lei si puo' scrivere di qualcosa e sparare sentenza senza nemmeno saperne scrivere il nome? Secondo me no. Se lei e' contento di leggere cose imprecise, si accomodi. Io lo trovo sgradevole. Comunque, per sua comodita': e' molto diverso dagli altri, non e' fondamentalista, ha condannato non solo l'11 settembre ma anche la faccenda della nave "marmara". Detto questo, puo' piacere o non piacere, calapenna, ma non si chiamo golem ne' gulem. L'ho illuminata abbastanza maria carlavena?