Messico, in manette Trevino, boss dell'organizzazione Los Zetas

Miguel Treviño, boss del cartello, è stato fermato vicino al confine con gli Stati Uniti. Sulla sua testa pendevano due taglie per oltre 7 milioni di dollari

È stato stanato a Nuevo Laredo, a poca distanza dal confine che divide il Messico e gli Stati Uniti. Miguel Angel Treviño Morales, criminale noto anche come Z-40, leader dell'organizzazione criminale Los Zetas, il principale cartello del paese, è stato fermato dai marines di Città del Messico. Sulla testa del narcotrafficante pendevano due taglie, una in Messico e una negli Stati Uniti, per un totale di 7,5 milioni di dollari offerti per la sua cattura.

Trevino era arrivato ai vertici dei Los Zetas negli ultimi anni, dopo la morte del fondatore del cartello, Heriberto "El Lazca" Lazcano. Ucciso nel 2012 durante un'azione della marina messicana, il suo corpo non è mai stato ritrovato. Il suo arresto è considerato un duro colpo per l'organizzazione criminale, impegnata in una guerra per il controllo dei traffici di stupefacenti che ha provocato oltre 70mila morti sotto la precedente presidenza di Felipe Calderon.

Commenti
Ritratto di EMILIO1239

EMILIO1239

Mar, 16/07/2013 - 11:36

Finalmente una notizia da festeggiare.

Ritratto di FrancoTrier

FrancoTrier

Mer, 17/07/2013 - 19:49

dovrebbe essere uno di quelli che impiccavano i cittadini sotto i ponti come dimostrazione e terrore, abbiamo visto le foto sui giornali.