Mosca difende i Giochi di Sochi: "L'Occidente vuole screditarci"

Dalla sceltà della città sul Mar Nero ai biglietti invenduti, tante le polemiche sulle Olimpiadi invernali. Il portavoce di Putin: "Dai nostri media secchiate di fango"

Vladimir Putin parla ai volontari di Sochi / 17.01.2014

A due settimane dalla partenza dei Giochi invernali di Sochi, le polemiche sulle Olimpiadi organizzate dai russi si rincorrono.

Dalla minaccia del terrorismo, tornato a farsi sentire in modo prepotente, con diversi attentati nella vicina Volgograd, alla mole di biglietti ancora invenduti, alle rimostranze di chi ricorda come i Giochi si terranno sui luoghi del massacro dei circassi, fino alle critiche sul trattamento dei gay in Russia, sono molte le domande che aleggiano sulle Olimpiadi.

Questioni a cui il portavoce di Vladimir Putin, Dmitri Peskov, ha risposto oggi in un'intervista al tabloid Komsomolskaia Pravda, denunciando un atteggiamento "spudorato" dell'Occidente, risoluto a "screditare politicamente" i Giochi di Sochi.

Ma non sono solo i Paesi occidentali, così dice Peskov, a gettare discredito sulle Olimpiadi. Anche i media russi "versano secchiate di fango citando sproloqui di ogni sorta". Il portavoce parla di chi pensa a Sochi come a "un progetto personale di Putin", di chi condanna la scelta di "una zona subtropicale", dei "contro-propagandisti occidentali" che ricordano che le Olimpiadi si terranno "nella zona dove gli zar russi opprimevano i disgraziati popoli caucasici".

Sulla scelta della città sul Mar Nero hanno scritto in molti nei giorni scorsi. Un articolo pubblicato dal magazine Time ricordava come il clima a Sochi sia tutt'altro che rigido. Poco male per gli sport al coperto, un problema per quelli alpini, per i quali gli atleti si sposteranno a Krasnaya Polyana, a circa quaranta chilometri di distanza.

Reuters ha invece scritto che le Olimpiadi coincideranno con il 150esimo anniversario del genocidio della popolazione circassa. Sochi è uno dei luoghi simbolo di quei fatti, che causarono un milione e mezzo di vittime. Tutto questo in un'area non lontana dal Caucaso, fulcro di un'insurrezione islamista che promette di farsi sentire ancora durante i Giochi: minacce in questo senso sono arrivate anche al Comitato olimpico italiano.

In una lettera inviata a Vladimir Putin, Elton John, che si è già speso contro la legge che anti-propaganda gay in Russia, ha proposto al presidente di presentargli quei membri della comunità omosessuale russa "che meritano di essere trattati con rispetto".

Una serie di questioni che hanno fatto parlare dei Giochi invernali prima ancora del loro inizio. "Spero che la festa dello sport - ha detto il portavoce di Putin - darà la risposta a tutte queste domande".

Commenti
Ritratto di marforio

marforio

Gio, 23/01/2014 - 13:59

Effettivamente Putin ha contro tutti i comunisti d'europa, la lobby gay e il grande mussulmano .

Ritratto di Dobermann

Dobermann

Gio, 23/01/2014 - 15:06

D'accordissimo con marforio, aggiungerei anche i soliti noti: gli Usa, Israele, l'Arabia Saudita e tutti quegli stati inventati a tavolino negli ultimi cento anni. Che poi sono quelli che coincidono con le categorie esposte da marforio. Comunque, negli USA qualcosa comincia a muoversi: hanno capito che chi comanda ha rotto le scatole ed è responsabile del degrado economico, etico, morale, religioso e politico attuale. Putin non è un santo, tutt'altro! Ma è l'unico che difende la prospettiva cristiana (anche più del 'misericordino' papa attuale), la vera tradizione cristiana, l'etica cristiana, la morale cristiana, la politica cristiana. A lor signori non va bene. Pazienza: tanto i nodi stanno venendo al pettine, purtroppo!

bret hart

Gio, 23/01/2014 - 15:19

putin vai avanti cosi 6 un mito!!!!!!!!!

AdrianoMeis

Gio, 23/01/2014 - 16:09

Comunisti, Massoni, Terroristi Islamici, sodomiti, lobbies Ebraiche ed Europlutocrati tutti contro Putin. Sembra un action film ...e non vedo l'ora che il nostro eroe si scateni...

Max Devilman

Gio, 23/01/2014 - 17:10

La Russia è di destra, l'America è di sinistra. Chi lo avrebbe mai detto anche solo 10 anni fa. Forza Putin.

Mr Blonde

Gio, 23/01/2014 - 18:17

Chiedetelo ai ceceni che ne pensano, o ai giornalisti morti scivolando sul ghiaccio

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Gio, 23/01/2014 - 18:32

Putin non si preoccupi. Di quello che dice l'occidente non frega un c...o a nessuno. Non al mondo che ormai conta: Cina, India, Giappone ecc...

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Gio, 23/01/2014 - 18:33

Non capisco l'ostinazione russa a voler cercare un rapporto con l'Europa. Non si rendono conto che l'Europa è una sguattera di Israele e USA. Non conta niente ormai. Putin è un romantico, si illude che l'Europa ancora sia legata alla sua storia.

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Gio, 23/01/2014 - 18:35

L'occidente agli occhi del mondo è quello alleato di Qatar, Arabia Saudita e Sion. Nonché quello dei crimini in Iraq, Siria, Libia, Afganistan. Potete immaginarci come ci considerino.

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Gio, 23/01/2014 - 18:36

Putin è l'unico politico in Europa che sappia cosa sia la missione di servire la sua Nazione. Da noi solo feccia, servi dei banchieri, squallidi figuranti.

simone64

Ven, 24/01/2014 - 08:41

@dobermann - stai facendo un po' di confusione.......stati uniti e Israele per niente lobby gay e sopratutto per niente di sinistra per come la sinistra la vedi tu, semmai forse islam. Di sicuro entrambi lavorano contro Putin, ma questo non e' un male.... Di cristiani così non ne abbiamo bisogno