"Mubarak è clinicamente morto"E' giallo sulle condizioni dell'ex raìs

Mistero sulle reali condizioni dell'ultimo faraone. Hosni Mubarak è stato presidente egiziano dal 1981 al 2011. Il 2 giugno scorso era stato condannato al carcere a vita "per il suo coinvolgimento nell'uccisione di dimostranti antiregime all'inizio dell'anno scorso"

E' giallo sulla sorte dell'ultimo faraone. Secondo alcune fonti Hosni Mubarak sarebbe morto a 84 anni in seguito a un ictus cerebrale. L'ex presidente, malato da diversi mesi, secondo l'agenzia di stampa Mena, sarebbe stato dichiarato dai medici "Clinicamente morto". Tuttavia uno degli avvocati di Hosni Mubarak ha detto all'ANSA che "l'ex presidente è ancora in vita, ma è in coma". La stessa dichiarazione è stata rilasciata alla Cnn da un generale del Consiglio delle Forze Armate egiziane.

Mubarak è stato trent'anni ai vertici del paese ed è stato deposto nel febbraio del 2011. L'ex rais d'Egitto era stato condannato al carcere a vita il 2 giugno "per il suo coinvolgimento nell'uccisione di dimostranti antiregime all'inizio dell'anno scorso".

Commenti

Raoul Pontalti

Mer, 20/06/2012 - 01:48

Peccato...Proprio adesso che pareva aver riconosciuto la nipote...Proprio quella su cui si era pronunciato il Parlamento italiano proclamandola nipote marocchina di Hosni Mubarak l'egiziano. Sei anche morto troppo tardi Hosni, se Ti fossi deciso prima organizzando con miglior tempestività la Tua dipartita avresti potuto portare un qualche aiuto a Shafiq, che ha vinto al Cairo e in altre tre circoscrizioni, ma ha perso in tutte le altre consegnando la vittoria al candidato dei Fratelli Musulmani, iTuoi nemici giurati. Non hai saputo scegliere opportunamente le alleanze, Ti sei fidato dei falsi amici dell'Occidente, ha regalato contratti di favore a Israele per il gas del Sinai, hai confidato in quelli della Tua casta, quella militare, per conquistare e mantenere il potere e poi, al primo stormir di fronde i Tuoi (falsi) amici ed alleati, così come Tuoi beneficiati Ti hanno lasciato solo, consegnandoTi all'ignominia del processo farsa e della trista prigionia che Ti ha portato alla morte

Raoul Pontalti

Mer, 20/06/2012 - 01:48

Peccato...Proprio adesso che pareva aver riconosciuto la nipote...Proprio quella su cui si era pronunciato il Parlamento italiano proclamandola nipote marocchina di Hosni Mubarak l'egiziano. Sei anche morto troppo tardi Hosni, se Ti fossi deciso prima organizzando con miglior tempestività la Tua dipartita avresti potuto portare un qualche aiuto a Shafiq, che ha vinto al Cairo e in altre tre circoscrizioni, ma ha perso in tutte le altre consegnando la vittoria al candidato dei Fratelli Musulmani, iTuoi nemici giurati. Non hai saputo scegliere opportunamente le alleanze, Ti sei fidato dei falsi amici dell'Occidente, ha regalato contratti di favore a Israele per il gas del Sinai, hai confidato in quelli della Tua casta, quella militare, per conquistare e mantenere il potere e poi, al primo stormir di fronde i Tuoi (falsi) amici ed alleati, così come Tuoi beneficiati Ti hanno lasciato solo, consegnandoTi all'ignominia del processo farsa e della trista prigionia che Ti ha portato alla morte

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Mer, 20/06/2012 - 08:17

Un tempo i personaggi scomodi o non più utilizzabili venivano liquidati in incidenti aerei come Enrico Mattei o Jaime Roldos, entrambi ostili allo schiavismo nei confronti delle petrolifere americane... oggi vedo il salto di qualità nella dissimulazione degli omicidi.

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Mer, 20/06/2012 - 08:17

Un tempo i personaggi scomodi o non più utilizzabili venivano liquidati in incidenti aerei come Enrico Mattei o Jaime Roldos, entrambi ostili allo schiavismo nei confronti delle petrolifere americane... oggi vedo il salto di qualità nella dissimulazione degli omicidi.

Al2011

Mer, 20/06/2012 - 08:42

La differenza tra Mubarack e Monti è che pur essendo entrambi clinicamente morti, il secondo fa finta di niente e si crede ancora vivo.

Al2011

Mer, 20/06/2012 - 08:42

La differenza tra Mubarack e Monti è che pur essendo entrambi clinicamente morti, il secondo fa finta di niente e si crede ancora vivo.