Neruda fu ucciso? Riesumato 40 anni dopo

Santiago del Cile È stata compiuta ieri la riesumazione dei resti di Pablo Neruda, il celebre poeta cileno che morì nel 1973 pochi giorni dopo il colpo di Stato che aveva portato al potere Augusto Pinochet. La salma del Premio Nobel è stata trasferita dal giardino della casa-museo nella località costiera di Isla Negra a Santiago perché vi siano eseguiti gli esami necessari per determinare con certezza le cause della sua morte: ufficialmente Neruda, di cui erano note le simpatie comuniste, fu vittima di un tumore alla prostata, ma c'è chi sostiene che i golpisti lo abbiano avvelenato per liberarsi di un oppositore ingombrante. In particolare, a convincere i magistrati a far riesumare la salma è stata la testimonianza dell'ex autista del poeta.