Nigeria, strage di cristiani Almeno 15 morti

L’attacco, avvenuto ieri sera nello stato centrale di Kogi, è stato compiuto da uomini armati che hanno sparato per circa venti minuti

Ancora un attacco contro i cristiani. Ancora in Nigeria. Secondo quanto riferito dalle autorità locali, almeno venti persone sono morte. Alcuni uomini armati hanno fatto irruzione nella "Chiesa della vita più profonda", ha riportato l’agenzia di stampa nigeriana Nan. Testimoni hanno riferito che sono arrivati a bordo di una Toyota e hanno iniziato a sparare indiscriminatamente.

Successivamente hanno bloccato l’ingresso alla chiesa, spento le luci e fatto fuoco sui fedeli che provavano a scappare. Tra le vittime ci sarebbero molte donne. Anche gli automobilisti che passavano nelle vicinanze e gli studenti di una scuola vicina hanno dovuto cercare riparo per non essere colpiti dal fuoco degli assalitori.

L’attacco, avvenuto ieri sera nello stato centrale di Kogi, a Otite contro la Deeper Life Bible Church dove i fedeli si erano riuniti per la lettura della Bibbia che viene fatta il lunedì, è durato una ventina di minuti. Lo scorso mese alcuni terroristi tentarono di attaccare un’altra chiesa di Okene, ma in quella occasione furono bloccati dagli agenti di sicurezza.

Commenti
Ritratto di FrancoTrier

FrancoTrier

Mar, 07/08/2012 - 11:06

Italiani quando arrivano i barconi carichi di questa feccia dovete farli entrare in Italia dar loro del lavoro le case le scuole, bravi, siate caritatevoli anche se massacrano i cristiani aiutateli.

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Mar, 07/08/2012 - 11:37

Sarà, per caso, la solita setta islamica? Dall'articolo,politically correct, si evince che potrebbero essere stati anche i marziani. Ma, nella remota ipotesi che di islamici si tratti, non dobbiamo assolutamente preoccuparci.Come ci spiegheranno immancabilmente gli imam nostrani, quello non è vero islam. Che per definizione è pace e fratellanza interreligiosa.

framont

Mar, 07/08/2012 - 12:01

A MORTE I CRISTIANI... MI SEMBRA DI TORNARE INDIETRO DI MILLENNI. EPPUR TUTTI TACCIONO.

Ritratto di tethans

tethans

Mar, 07/08/2012 - 12:56

poi si considerano civili . In nome Di DIO si fanno atrocita innominabili .. Si può fare fermare tutti gli aiuti Economici Medici e Politici internazionali e annullare I DIRITTI UMANITARRI A QUESTA NAZZIONE .. E IL,VATICANO RICHIAMATE TUTTE LE ASSOCIAZIONE DI CARITÀ .. UN ITALIANOA LONDRA

Holmert

Mar, 07/08/2012 - 13:17

Ora i cristiani li faranno tutti santi ,mentre i musulmani che li hanno martirizzati finiranno nel paradiso delle vergini. Chi dei due ha ragione? Potenza delle fedi.

mila

Mar, 07/08/2012 - 16:22

X FrancoTrier -Non e' questione di essere caritatevoli (o stupidi). Norme internazionali e soprattutto europee ci OBBLIGANO ad accogliere chi si avvicina alle nostre coste sui barconi.

gamma

Mar, 07/08/2012 - 17:45

Attenzione a non banalizzare. Secondo me c'è sotto benpiù di una "semplice" guerra di religione. La Nigeria galleggia praticamente su un mare di petrolio. E di quello della migliore qualità. Potrebbe diventare in breve tempo uno dei paesi più ricchi del mondo. Ma si sa, dove c'è odor di soldi e di petrolio spesso ...il diavolo ci mette la coda.

Ritratto di stock47

stock47

Mer, 08/08/2012 - 01:07

gamma, lei può fare tutte le dietrologie che vuole ma sono sempre i fatti quelli che contano e i fatti dicono che gli islamici stanno massacrando metodicamente i cristiani nigeriani. Non sono nuovi a queste imprese, in tutte le parti del mondo dove si trovano. In Sudan se la sono presa con cristiani e animisti, ne hanno uccisi quasi mezzo milione, uno scherzo da niente! In Indonesia i cristiani sono solo che perseguitati o uccisi, secondo come gli gira la momento. Pakistan, Filippine, Egitto, Irak, ecc. i cristiani locali sono nel mirino, ne più né meno che come in Nigeria. Anche gli israeliani, per la loro diversità religiosa sono ugualmente nel mirino, solo che nel loro caso usano la scusa nazionalista, inesistente e ridicola per chi conosce un pò di storia o cerchi quanto meno d'informarsi un pò. Come dicevo all'inizio i motivi possono essere diversi da quelli apparenti. In Nigeria c'è il petrolio ma c'è anche l'Uranio, tuttavia usare questa scusa per ignorare la realtà non porta da nessuna parte, solo a confondersi le idee e a lasciare liberi di continuare a fare danni i veri colpevoli di fatto, dato che le dietrologie portano la mente altrove, dimenticandosene di costoro. Perciò non depisti la sua mente e non depisti altri lettori che leggono.

Ritratto di FrancoTrier

FrancoTrier

Mer, 08/08/2012 - 09:49

mila come mai che alla frontiera svizzera e tedesca se si avvicinano senza essere in regola li buttano indietro?Internazionali leggi? Per la Italia e'che i vostri politici ricevono da Brusseles dei soldi per farli entrare,quelle leggi valgono solamente in Italia chi non e' in regola deve sparire dalla Italia cosa ci sono a fare le frontiere e le leggi? In regola bisogna essere come fanno in Germania,credi che io italiano facente parte della comunita' europea alla frontiera tedesca mi fanno entrare senza documenti? Scordatelo.

Ritratto di marforio

marforio

Mer, 08/08/2012 - 13:54

xFranco trier-Ma quando la smetti di dire stupidaggini. In germania e facile entrare se sei , afgano, pakistano ,irakeno,libanese, in ogni caso se sei mussulmano.Ma se vieni dall ´america latina , neanche come turista riesci a stare piu di due settimane.In italia cé il problema PD, E la cricca rossa di Strasburgo che le da una mano. Poi ci sono anche rinnegati tipo fini ,che püreferiscono far entrare cani e porci.POI non ci scordiamo il nostro riccardi, con le beneamate caritas, san patrignano, sant egidio etct.Il cuscinetto svizzero funziona solo su tre frontiere.Da noi vengono addirittura dal, austria, grecia, slovenia ,francia .Tutti paesi confinanti,e molto piu razzisti di noi Italiani.

Ritratto di 02121940

02121940

Mer, 08/08/2012 - 15:15

Anche il Vaticano cerca di non alzare troppo la voce. Va bene così, non bisogna offendere l'Islam. A questo punto ci dobbiamo aspettare che lo sterminio dei cristiani sia inserito fra le specialità delle prossime olimpiadi.