«No al vino nei galà all'estero»L'Egitto sotto il ricatto dei salafiti?

Via il vino dai ricevimenti nelle ambasciate egiziane all'estero. Sarebbe questa la richiesta del partito salafita iperconservatore egiziano Al Assala, il movimento delle origini, che ha sollecitato il ministro degli esteri egiziano Mohamed Kamel Amr a dare direttive «chiare» ai diplomatici egiziani all'estero perché non servano vino o alcol durante le cerimonie ufficiali organizzate dal ministero. Il ministero degli Esteri egiziano ha negato la notizia. Al Assala, che sta conducendo una battaglia all'assemblea costituente perché la legge islamica della sharia e non solo i suoi principi sia la base della legislazione nazionale, ha precisato che la disposizione deve essere valida sempre e non solo durante il mese di Ramadan, attualmente in corso.

Commenti
Ritratto di Dulcamara

Dulcamara

Ven, 27/07/2012 - 10:50

Se mai sarò invitato ad una festa o ad una cerimonia all'Ambasciata Egiziana (piuttosto improbabile) mi porterò il Prosecchino da casa.