Nozze gay, Putin non ci sta: basta adozioni ai francesi

Mosca La Francia dice sì alle nozze gay? E allora niente orfani russi per gli aspiranti genitori francesi. Vladimir Putin, dopo il sì del Parlamento francese alle unioni tra coppie dello stesso sesso e alla possibilità di queste di adottare bambini, ha proposto di rivedere l'accordo sulle adozioni con Parigi. Il leader del Cremlino ha detto che «noi rispettiamo i nostri vicini ma chiediamo il rispetto verso le nostre tradizioni culturali, etiche, legislative e verso le nostre norme morali. Ritengo che abbiamo il diritto di apportare cambiamenti« nell'accordo bilaterale sulle adozioni», ha aggiunto.
La legalizzazione dei matrimoni omosessuali è passata in Francia nei giorni scorsi tra contestazioni di piazza; per l'entrata in vigore manca la firma del presidente François Hollande, che sostiene apertamente la legge. La Russia è un Paese dove l'ostilità verso gli omosessuali è molto diffusa. Fino al 1993 l'omosessualità era un reato, sino al 1999 era considerata malattia mentale. Finora tutte le parate gay, definite dall'ex sindaco di Mosca Iuri Luzhkov «opera di Satana» e «armi di distruzione di massa», sono state vietate e sono finite con manganellate della polizia o fermi o aggressioni scatenate da militanti ultraortodossi. Mosca ha recentemente già vietato le adozioni di bambini russi negli Stati Uniti, ufficialmente per i numerosi casi di presunti maltrattamenti.

Commenti

MMARTILA

Sab, 27/04/2013 - 08:14

Bravo!

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Sab, 27/04/2013 - 10:20

Comprensibile la delusione delle coppie gay per il rifiuto della Russia a concedere i propri orfani in adozione alla Francia. La Russia è , come noto, un paese omofobo e ortodosso. Ma una soluzione c'è sempre,perbacco. Rivolgersi, ad esempio, ai paesi islamici.

cornacchia46

Sab, 27/04/2013 - 11:44

@ Memphis35 Io, molte volte, ho sollevato il sospetto che talune (ingiustificate) richieste degli omosessuali (matrimonio, adozioni, etc...) fossero determinate dalla pretesa della società di negar loro la libertà individuale (vedasi, i commenti isterici di taluni lettori quando si parla di effusioni omosessuali o di semplice visibilità delle coppie). Noto che nessuno si è mai confrontato sull'argomento. Sarà forse un nervo scoperto?

Ritratto di marforio

marforio

Sab, 27/04/2013 - 14:40

Buone notizie .Qui in colombia i gay potranno andare da qualche notaio, ma se vogliono sposarsi dovrenno andare a miami, magari con foto ricordo con il COLORATO.

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Sab, 27/04/2013 - 16:14

#cornacchia46. A prescindere dal fatto che le effusioni pubbliche sono semplicemente contrarie al buon gusto, prima ancora che alla decenza, indipendentemente dal sesso dei partners coinvolti...non credo che il problema risieda in presunte preclusioni che la società presunta omofoba imporrebbe agli omosessuli. Bensì nel fatto, stigmatizzato "ab antiquo" dal buonsenso latino di Orazio per cui:"Est modus in rebus:sunt certi denique fines quos ultra citraque nequit consistere rectum". Trad. “C’è una misura nelle cose: vi sono limiti ben precisi al di là e al di qua dei quali non può sussistere il giusto”.

cornacchia46

Dom, 28/04/2013 - 12:47

@ Memphis35 Esattamente quale sarebbe questo limite? Perché se una persona parla o esprime liberamente la propria relazione eterosessuale a nessuno (giustamente) interessa nulla o, al limite, è contento per lui, mentre, nel caso che si parli, di omosessualità scattano i soliti veti se non gli insulti? L'uguaglianza non significa forse che tutti i sentimenti, naturali o no nche siano, meritano lo stesso rispetto?

Ritratto di marforio

marforio

Dom, 28/04/2013 - 14:34

Il disco rotto , ancora non ha capito che in privato puo o possono farsi i caz.i loro , ma un po di rispetto per il prossimo ancora non gli entra in testa facilmente come gli entra in ciulo.E continuano eternamente a parlare di uguaglianza , cosa che se si facessero i cassi tra di loro, senza convolgere la gente normale,questa manco si accorgerebbe che esistono.

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Dom, 28/04/2013 - 16:21

#cornacchia46. I limiti,appunto, imposti dal buon senso come ad es.non richiedere l'adozione di minori e non praticare la fellatio in pubblico. Più chiaro di così.

cornacchia46

Dom, 28/04/2013 - 21:17

@ Memphis35 Lei è proprio sicuro che si tratti solo di questo? Si legga i commenti di alcuni lettori di questo giornale (tipo vince50, albertzanna, etc...) e capirà che non è proprio così: poi, se mi sbagliassi, chiederei venia