Obama mente sullo spionaggio e Berlino lo vuole in tribunale

Il presidente smentito da fonti dei servizi: "Sapeva delle intercettazioni dal 2010". Ora la Germania minaccia: chi ci mette sotto controllo ne risponda alla giustizia

Diciamo la verità: non è bello farsi spiare dal buco della serratura. E neppure farsi intercettare le telefonate. Non è elegante, non è sportivo, non si fa. Naturalmente, dipende da chi spia e da chi è spiato. Anche qui, è come nella storiella del gorilla. «Dove va a dormire un gorilla di 800 chili?» domanda uno. La risposta è: «Dove gli pare». È lo stesso effetto che fanno le parole di Hayden, un portavoce del National Security Council, quando spiega che «non abbiamo interesse a commentare pubblicamente ogni specifica, presunta attività da parte dell'intelligence». E poi, continua mister Hayden, con la proterva arroganza di chi dirige l'orchestra e può decidere chi suonerà domani il contrabasso al posto di uno che «non va a tempo»: in buona sostanza fan tutti così, mica solo noi americani. Peccato che non la pensi allo stesso modo il ministro dell'Interno tedesco, Hans Peter Friedrich, che ieri ha tuonato: «Lo spionaggio è un reato. E chi lo pratica deve risponderne davanti alla giustizia».
Ecco: chi pensava che potesse finire a tarallucci e vino è servito.

E con una tipa tosta come la cancelliera della Grande Germania, che si tira dietro una folla di svariati milioni di indignados, la crisi diplomatica è già nell'aria. Come pensare di mettere la sordina alla vicenda, del resto, quando si viene a sapere che il presidente Usa Barack Obama sapeva fin dal 2010 (lo riferisce la Bild am Sontag, citando fonti dei servizi Usa) che la Nsa stava ascoltando le telefonate della cancelliera?
Secondo le fonti citate dalla Bild, il capo della National Security Agency Keith Alexander aveva informato il presidente dell'operazione di ascolto delle comunicazioni di Angela Merkel nel 2010, spiegandogli che l'andazzo risaliva al 2002. Ma fino a metà dell'anno in corso, diciamo fino all'estate, nessuno aveva ritirato quella disposizione di servizio. Nessuno chi? «Andiamo, stiamo parlando del presidente -ha detto un alto responsabile della Nsa al quotidiano-. Obama non ha messo fine a questa operazione e ha anzi lasciato che proseguisse».

Insomma: l'imbarazzo c'è. E la gatta da pelare diventa ogni giorno così grossa che già somiglia a una foca. Quella che manca, a Washington, è un linea purchessia, concordata ai vari livelli dell'amministrazione; sicchè si va in ordine sparso, passando da una smentita («Obama non è mai stato informato», dice il capo della Nsa) a una mezza ammissione, alla sfacciata arroganza di chi dice, mani sui fianchi: spiavamo, e allora? Come il senatore Peter King, secondo il quale Obama deve smetterla di scusarsi. «La verità è che la Nsa ha salvato migliaia di vite umane non solo negli States ma anche in Francia, in Germania e in tutta Europa».
Può essere, ma nell'attesa che gli Stati Uniti portino le prove di ciò che il senatore King afferma, i tedeschi (il 76 per cento, come dire 3 su 4) pretendono di avere le scuse di Obama. Mentre il 60 per cento del campione scrutinato nel sondaggio ritiene che le spiate sul cellulare del cancelliere danneggino pesantemente i rapporti tedesco-americani. Perché è vero che il 53 per cento continua a ritenere che gli Usa siano un buon alleato. Ma il 39 per cento la pensa al contrario.

Commenti
Ritratto di franco-a-trier_DE

franco-a-trier_DE

Lun, 28/10/2013 - 07:48

se è per quello allora anche Bush fu condannato dal tribunale dell'Aia per crimini di guerra.

eureka

Lun, 28/10/2013 - 08:29

Bene! Le situazioni bisogna provarle sulla propria pelle, anche la MERKEL prova cosa vuol dire essere controllati.

ZannaMax

Lun, 28/10/2013 - 08:52

Ma cosa hanno tutti da nascondere? Anche l'abbronzato dovrebbe esser spiato per tutti i casini che combina!

linoalo1

Lun, 28/10/2013 - 09:22

Chi fa la voce grossa ha,senz'altro'qualcosa da nascondere!Lino.

giovanni PERINCIOLO

Lun, 28/10/2013 - 09:30

E la maggior parte degli europei vorrebbero frau kulona fuori dalle palle!

Ritratto di indi

indi

Lun, 28/10/2013 - 09:39

La culona e la sua "crande germania!", scopre come sia poco divertente essere spiata e vuole giustizia. Berlusconi la chiede da tempo ma riceve come risposta solo ulteriori provvedimenti giudiziari. E allora, quale sarebbe la morale? È quella di sempre, fate agli altri quello che non dovete fare a me. Se è lecito spiare Berlusconi che anche la culona venga spiata!

Ritratto di wilfredoc47

wilfredoc47

Lun, 28/10/2013 - 09:40

Ragazzi, tutti i commenti sono superflui ed insignificanti dopo che Cicciobello, alias Rutelli Francesco in Palombelli, ha illuminato il mondo con la sua lectio magistralis all'acqua calda sulla storia e sulle tecniche dello spionaggio dai primordi al trentesimo secolo(intervista in onda su Tgcom24 al momento). Saluti

LAMBRO

Lun, 28/10/2013 - 09:41

PER ESSERE COSI' ARRABBIATA ...DEVE AVERE UNA PAURA MATTA DI ESSERE SCOPERTA!! PER COSA? LE CENTRIFUGHE DI URANIO ALL'IRAN O GLI IMPIANTI PER IL GAS ALLA SIRIA? O COSA ALTRO....?

Ritratto di gabriele74-cina

gabriele74-cina

Lun, 28/10/2013 - 09:43

Gli USA hanno fatto bene. Ma come... se spiano le sue telefonate tutti che si sorprendono e si barricano dietro al diritto di privacy che tradotto ai minimi termini è il concetto di farsi i ca...i propri. Ma quando la Merkel interferisce con la nostra politica invece è tutto in regola. Inizi la Sig.ra Merkel e relativo staff ad occuparsi della sua Germania e di farsi gli affari suoi verso la politica Italiana e degli altri stati membri....e poi ne riparliamo.

Ritratto di wilfredoc47

wilfredoc47

Lun, 28/10/2013 - 09:50

Non capisco la meraviglia generale, dov'è la sorpresa? L'unico appunto potrebbe essere che queste faccende hanno da restare nascoste, come le dita nel naso. Per il resto, le varie reazioni scandalizzate e parimenti ipocrite sono chiacchiere fumogene. Già in questo momento, 9.47, la Tv dice che gli 007 italiani affermano che non c'è nessuna evidenza che l'Italia sia stata spiata, trattandosi il tutto di "monitoraggio". Ah!Ah!Ah! Saluti

Ritratto di fritz1996

fritz1996

Lun, 28/10/2013 - 09:53

Il senatore King mi ricorda quei dittatori che giustificano uno stato di polizia dicendo che i crimini sono diminuiti.

Fradi

Lun, 28/10/2013 - 09:55

L'unico Leader a non essere intercettato dagli americani è Berlusconi. Bastava infatti leggere sulla stampa italiana le sue telefonate e su youtube le registrazioni. E' anche l'unico che per questo va in tribunale al posto degli intercettatori (abbiamo una banca) e per il quale non scoppia la terza guerra mondiale se qualcuno lo spia.

Ritratto di stock47

stock47

Lun, 28/10/2013 - 10:09

Non posso che applaudire alla Merkel! Ha solo che ragione.

Edoardo Argentino

Lun, 28/10/2013 - 10:49

ACHTUNG….Lo “Spionaggio del Seminero OBAMA" Da che mondo è mondo e per quanto ricordi la mia stanca mente, oberata e consunta ormai dagli anni, lo spionaggio tra Nazioni è sempre esistito ed il suo apporto è sempre aumentato di anno in anno a seconda delle sofisticate e ricercatissime tecniche messe in atto dalla tecnica in perpetua e costante fibrillazione nell’intento di superarsi l’un l’altro. Si parlo della diatriba tra la Merkel e Obama e delle puerili, se non beote scuse ( se vere) addotte dal nero-sbiatito Obama per abbozzare una scusa. Per non farla lunga e tediare oltre chi mi dovesse leggere, direi che la tapina difesa del NON SAPERE espressa da Obama, per scagionarsi che nulla sapeva della spia messa in atto verso la Merkel ed altri 35 Capi di Governo mondiali, (sempre che fosse vera), sarebbe da vergognarsi per la posizione che la Sua persona occupa nel contesto mondiale degli Uomini Soloni; che rasenta, se non addirittura supera, quelle gags di quel divertente film interpretato da Forrest Gump dei tempi passati dal titolo “Lo scemo più scemo”; altrimenti si comincerebbe palesemente a capire il perché gli USA non sono più la prima Nazione del Mondo. Obama forse crede ancora che l’Umanità, compresi i Krukki, siano ancora viventi e pensanti come qualche Suo Avo quando veniva emancipato e civilizzato cominciando dalla sveglia che veniva loro regalata per appenderla al collo, dai primi Europei sbarcati sulla Sua Terra. Che se ne faccia una ragione l’astuta Signora Merkel; questa volta comunque, è stata fottuta e mazziata dal Seminero. “Ad maiora”, guagliò di bella e mala vita. Edoardo Argentino

Edoardo Argentino

Lun, 28/10/2013 - 10:50

ACHTUNG….Lo “Spionaggio del Seminero OBAMA" Da che mondo è mondo e per quanto ricordi la mia stanca mente, oberata e consunta ormai dagli anni, lo spionaggio tra Nazioni è sempre esistito ed il suo apporto è sempre aumentato di anno in anno a seconda delle sofisticate e ricercatissime tecniche messe in atto dalla tecnica in perpetua e costante fibrillazione nell’intento di superarsi l’un l’altro. Si parlo della diatriba tra la Merkel e Obama e delle puerili, se non beote scuse ( se vere) addotte dal nero-sbiatito Obama per abbozzare una scusa. Per non farla lunga e tediare oltre chi mi dovesse leggere, direi che la tapina difesa del NON SAPERE espressa da Obama, per scagionarsi che nulla sapeva della spia messa in atto verso la Merkel ed altri 35 Capi di Governo mondiali, (sempre che fosse vera), sarebbe da vergognarsi per la posizione che la Sua persona occupa nel contesto mondiale degli Uomini Soloni; che rasenta, se non addirittura supera, quelle gags di quel divertente film interpretato da Forrest Gump dei tempi passati dal titolo “Lo scemo più scemo”; altrimenti si comincerebbe palesemente a capire il perché gli USA non sono più la prima Nazione del Mondo. Obama forse crede ancora che l’Umanità, compresi i Krukki, siano ancora viventi e pensanti come qualche Suo Avo quando veniva emancipato e civilizzato cominciando dalla sveglia che veniva loro regalata per appenderla al collo, dai primi Europei sbarcati sulla Sua Terra. Che se ne faccia una ragione l’astuta Signora Merkel; questa volta comunque, è stata fottuta e mazziata dal Seminero. “Ad maiora”, guagliò di bella e mala vita. Edoardo Argentino

Ritratto di Gianfranco Robert Porelli

Gianfranco Robe...

Lun, 28/10/2013 - 12:12

Quando i democratici italiani spiavano l'eletto premier Berlusconi, la paffuta cancellierina non ha fatto neanche una piega. Però adesso che i democratici americani la spiano, a lei, allora lei salta su come una biscia. Questione di stile.

Ritratto di marco piccardi

marco piccardi

Lun, 28/10/2013 - 12:13

lo spionaggio e' al puro scopo industriale e commericale. Gli Stati Uniti utilizzano le informazioni carpite tramite le intercettazioni, per battere sul tempo i concorrenti.

Ritratto di Gimand

Gimand

Lun, 28/10/2013 - 12:58

@marco piccardi, no, non credo. Se noi cerchiamo sempre e comunque i quattrini o gli interessi esclusivamente economici non verremo a capo di nulla. Qui si tratta sempre e comunque di politica, geopolitica e di interessi strategici. Poi, come diceva De Gaulle: "l'intendeza seguirà", dove, con "intendenza" alludeva naturalmente agli interessi economici, che seguono e non precedono la politica. La Germania mira all'egemonia in Europa, successivamente alla propria "mondializzazione", l'America...diciamo che non è tanto d'accordo. Finora gli USA, in proposito, hanno seguito una politica di "beinign neglect" (dal punto di vista diplomatico, e noi in Italia ne abbiamo patito più di tutti le conseguenze negative), dopo la rielezione di Obama, evidentemente stanno cambiando orientamento.

Ritratto di pasquale.esposito

pasquale.esposito

Lun, 28/10/2013 - 14:47

Che, la Merkel vada su tutte le furie, io la posso capire, chissá Cosa Hanno gli americani tra le mani contro di lei, Ma che lei si infuria quando la spiano, Questo mi fá scoppiare dalle risate ma Cosa credeva?; Che gli americani stavano con le mani tra le mani a vedere lo scempio che lei e Sarkozy Hanno fatto di Berlusconi?, Che gli Americani e Inglesi non vedono di buon occhio l,egemonia Franco -Tedesca in Europa, é una Cosa accertata é se noi sapessimo il contenuto delle Telefonate scambiate Fra la Merkel e Napolitano, ci meraviglieremo di come questa Signora e Napolitano si sono messi d,accordo per far fuori Berlusconi per via giudiziaria, Che la signora Merkel non ha detto mai niente sulle intercettazioni di cui é stato fatto a segno Berlusconi per 5 anni a casa sua non mi meraviglia, Sia lei che Napolitano erano d,accordo su come togliersi Berlusconi dai piedi!, AH! SE GLI AMERICANI APRIREBBERO GLI ARCHIVI! QUANTE COSE SI SAPREBBERO SU QUESTA ANGIOLETTA "INNOCENTE"!.

Ritratto di marco piccardi

marco piccardi

Lun, 28/10/2013 - 16:24

@Gimand, puo' darsi che sia come dice lei.

Ritratto di Gimand

Gimand

Lun, 28/10/2013 - 18:12

@pasquale.esposito - D'accordo con te. Solo che avresti dovuto scrivere:, "AH! SE GLI AMERICANI APRISSERO..." Io credo che li apriranno o forse li hanno già aperti: Chi ci dice che la NSA o la CIA non abbiano DELIBERATAMENTE incaricato Snowden di andarsi a rifugiare in Russia per spifferare quello che le suddette agenzie, a norma di legge USA, non possono divulgare?

Ritratto di franco-a-trier_DE

franco-a-trier_DE

Mar, 29/10/2013 - 09:13

Robe..non è un paragone da farsi,Quando i democratici italiani spiavano l'eletto premier Berlusconi..., era una cosa interna italiana,invece gli USA spiando lei è una cosa sua personale e del suo paese, cosa c'entra se spiano la Italia, mica interessa a voi se spiano la Germania.Pasquale agli USA non deve interessare cosa c'è tra la FranciA e Germania o tra Italia e Germania, ci mancherebbe altro che gli yankees dovessero decidere la nostra politica europea o lecchi anche tu i gringos?Quello che succede in Italia al negro non deve interessare guardare e tacere deve,CAPITO MI HAI?

Ritratto di Gimand

Gimand

Mar, 29/10/2013 - 10:23

@franco-a-trier_DE - Questo è ciò che credi tu. Intanto settant'anni fa abbiamo tutti appaltato le rogne, gli oneri e gli onori della difesa militare dell'Europa agli USA, adesso ai krukki non va più bene? Lo dicano e si comportino di conseguenza: spenda perciò la Germania, per la propria sicurezza, per la propria difesa ed anche, và da sé, per la propria intelligence, quanto hanno speso e spendono tutt'ora gli USA per la loro (e per la nostra), poi vedremo se i krukki saranno così "rigorosi" nel fare i cazzi propri come gli USA si fanno anche quelli degli altri. I tuoi giulebbosi distinguo, fanno ridere i polli. Finché vale il principio: "Occhio non vede, cuore non duole", cioè che i resoconti delle spiate non finiscano sui giornali, dimodoché la culona ed il francioso NON si facciano quattro risate alle spalle del capo del governo italiano, la cosa potrà anche andar bene. Ma se, putacaso, finissero sui giornali anche le telefonate della Merkel ed il Napoli, che faremo? La Germania dichiara guerra agli USA? L'Italia dichiara guerra alla Germania, la Francia dichiara guerra agli USA? Perché si tratterebbe comunque di indebite ingerenze di uno stato straniero in affari squisitamente interni, e quella ne sarebbe la prova. Fatto sta che gli USA hanno spiato mezzo mondo per ragioni di sicurezza (loro sicurezza!). Per rendergli pariglia fate altrettanto anche voi (sempre che ne siate capaci), altrimenti zitti e mosca. Tanto più che potrebbe venire il giorno in cui gli americani, stufi di "bacchettate" (pelose), interdiranno le esportazioni tedesche (e non soltanto tedesche) negli USA ed in questo caso sarebbero cazzi amari anche per la Merkel. CAPITTO (con due "T") MI HAI?!