Otto morti in risse tra candidatiGiornata tumultuosa ai seggi

È corso anche del sangue in alcuni dei 177mila seggi elettorali allestiti ieri nelle 81 province della Turchia in occasione delle elezioni amministrative. Almeno otto persone sono rimaste uccise in risse scoppiate tra candidati rivali in tre regioni del Paese: Sanliurfa, nei pressi del confine con la Siria, Hatay, nel sud, e Sirte, nell'est. Il presidente della Repubblica, Abdullah Gül, ha riconosciuto che la campagna elettorale è stata particolarmente «dura». Lo dimostra anche il fatto che nella capitale Ankara ancora a tarda sera i militanti del partito di opposizione Chp erano mobilitati per sorvegliare lo spoglio che li vedeva in lieve vantaggio.