Pagare in contanti? «È immorale» Bufera sul ministro

Dibattito acceso in Gran Bretagna sui contanti. Pagare «cash» idraulici e colf è «moralmente sbagliato» perché incoraggia il lavoro in nero o è semplicemente normale? I commenti rilasciati al Daily Telegraph dal sottosegretario al Tesoro David Gauke hanno scatenato forti polemiche oltre a mettere in imbarazzo molti politici abituati a pagare diversi lavori in contanti. Ma per ora non si tradurranno in alcun provvedimento: fonti del Tesoro hanno sottolineato che il sottosegretario stava semplicemente rispondendo ad una domanda e non proponendo alcuna iniziativa. «Farsi fare lo sconto dall'idraulico pagando in contanti è una cosa che costa molto cara al fisco e che costringe altri pagare più tasse. Credo che sia moralmente sbagliato», ha detto il sottosegretario, sottolineando che questo tipo di evasione costa allo Stato circa 2 miliardi di sterline l'anno. Eppure, dopo i commenti di Gauke, è partita la corsa ad autodenunciarsi. Uno dei politici «colpevoli» ma assolutamente non in imbarazzo sulla questione è il sindaco di Londra Boris Johnson. Quando gli è stato chiesto se avesse mai pagato in contanti per ridurre i costi, ha detto: «Certamente ho pagato molte volte con soldi in mano».