"Pistola fumante: prodotte le prove degli orrori del regime"

Un gruppo di procuratori legali ed esperti di medicina legale ha trovato "prove dirette" di "sistematiche torture e uccisioni" commesse dal regime siriano

Un gruppo di procuratori legali e esperti di medicina legale di fama internazionale specializzati in crimini di guerra ha trovato «prove dirette» di «sistematiche torture e uccisioni» commesse dal regime siriano, e ha preparato un rapporto, sulla base di migliaia di foto che, affermano, dovrebbe essere presentato ad un tribunale internazionale. La Cnn nel suo sito web mostra parzialmente anche alcune delle foto, in cui si possono vedere corpi pesantemente martoriati di presunti detenuti siriani uccisi dopo essere stati arrestati dalle autorità del regime siriano. «È una pistola fumante», ha affermato David Crane, uno degli autori del rapporto, secondo il quale «qualsiasi procuratore vorrebbe questo tipo di prove», perché si tratta di «prove dirette della macchina di morte del regime». Un altro degli autori del rapporto, Sir Desmond de Silva, ex procuratore capo del tribunale per la Sierra Leone, ha affermato parlando con Christiane Amanpour della Cnn che «queste prove potrebbero sostenere un'accusa per crimini contro l'umanità ... senza ombra di dubbio». Ma «certo non sta a noi prendere una decisione.

Commenti
Ritratto di Memphis35

Memphis35

Mer, 22/01/2014 - 11:18

Gli altri, invece, trattano i loro prigionieri a tarallucci e vino...ma finiamola una buona volta!

mborrielli

Mer, 22/01/2014 - 11:36

Qualche tempo fa è uscito un articolo che certifica senza ombra di dubbio che l'attacco chimico nei sobborghi di Damasco è stato portato a termine dai Qaedisti. Qua nessuna incriminazione per crimini contro l'umanità ?

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Mer, 22/01/2014 - 12:43

Ci crediamo subito !