Prime elezioni europee ma in pochi alle urneCroazia

In Croazia alle 19 (ora locale e italiana) si sono chiusi i seggi delle prime elezioni europee tenutesi per designare i 12 deputati che entreranno all'Europarlamento con l'ingresso del Paese ex jugoslavo nella Ue il primo luglio prossimo. La consultazione è stata caratterizzata da una affluenza alle urne molto bassa. L'ultimo dato relativo alle 16, a tre ore dalla chiusura di seggi, indicava una partecipazione al voto di appena il 14,6% dei 3,7 milioni di aventi diritto. I sondaggi della vigilia davano vincente il partito socialdemocratico del premier Zoran Milanovic, sui conservatori all'opposizione.
La campagna elettorale, secondo il politologo Berto Salaj, è stata di fatto «invisibile» in quanto «i partiti, evidentemente, non sono ancora in grado di discutere in modo competente dell'Ue». Il quotidiano «Jutarnji list» ha pubblicato un articolo in cui si legge che la campagna elettorale è stata «la più noiosa mai vista finora» e che «non c'è stato nemmeno un dibattito televisivo serio».