RAPPORTO OSCE«In Crimea militari russi e non solo milizie locali»

La squadra dell'Osce inviata in Crimea ha osservato «prove significative compatibili con la presenza» di truppe della Russia nei blocchi stradali nei quali è stata fermata anche sotto la minaccia delle armi. Lo riferisce la stessa Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa (Osce), precisando che fra le prove ci sono targhe dei mezzi e insegne legate alle forze russe. È la prima volta che emerge il coinvolgimento preciso di soldati russi, e non solo di milizie locali sostenute dalla Russia, nel controllo della Crimea. La scorsa settimana agli osservatori dell'Osce è stato impedito cinque volte di entrare in Crimea.
Intanto Kiev denuncia che Mosca avrebbe ammassato ai confini ucraini 80mila soldati, «una minaccia d'invasione su larga scala».