Sarkozy: "Strumentalizzazione politica di una parte della giustizia"

L'ex titolare dell'Eliseo incriminato per corruzione, concussione e violazione del segreto istruttorio: "Giudichino i francesi"

L’ex presidente francese Nicolas Sarkozy denunciato "una strumentalizzazione politica della giustizia" dopo essere stato incriminato per corruzione, concussione e violazione del segreto istruttorio. Incriminazione giunta dopo 15 ore di fermo. "La situazione è abbastanza grave da dire ai francesi che oggi c’è una strumentalizzazione politica di una parte della giustizia - ha detto Sarkozy in un’intervista a TF1 e Europe1 - nel nostro paese, che è il paese dei diritti dell’uomo e dello stato di diritto, ci sono cose che vengono organizzate". Un'operazione che, a detta di Sarkozy, punterebbe a offrire una sua "immagine non conforme alla verità".

L'ex titolare dell’Eliseo potrebbe vedere compromesso il suo futuro politico dai nuovi guai giudiziari. "Sono profondamente scioccato per quello che è successo - ha spiegato Sarkozy - non chiedo alcun privilegio e se ho commesso degli errori, ne assumerò tutte le conseguenze. Non sono un uomo che fugge le sue responsabilità". L’entourage di Sarkozy si è già pronunciato contro la validità legale delle intercettazioni telefoniche che lo hanno inchiodato, intercettazioni che violerebbero il diritto alla privacy tra un avvocato e il suo cliente. Da queste intercettazioni, gli inquirenti deducono che Sarkozy e il suo avvocato ricevevano da parte di un alto magistrato di Cassazione indicazioni sulle indagini in corso che lo riguardavano. "Nel nostro Paese, che è il Paese dei diritti umani e dello Stato di diritto, ci sono cose che si stanno organizzando - ha continuato l'ex presidente della Repubblica - i francesi devono conoscerle, poi, in piena coscienza e libertà, giudicare l’attuale situazione".

Finora si dava per scontato che Sarkozy preparasse il suo rientro in politica, con un primo appuntamento-chiave il prossimo 29 novembre alle elezioni per eleggere il presidente dell’Ump, il partito che nel 2007 lo portò all’Eliseo, e l’occhio puntato alle presidenziali del 2017. Fino a ieri, alcuni analisti, come il responsabile politico dell’emittente Bmf, Thierry Arnaud, sostenevano che Sarkozy avrebbero preso decisione sul suo futuro dopo aver riflettuto quest’estate. Altri, come ha scritto ieri il quotidiano Le Parisien e oggi Le Monde sentendo suoi collaboratori, sostengono invece che la delicata situazione giudiziaria potrebbe addirittura rafforzare ulteriormente la determinazione a tornare al timone, permettendogli di presentarsi dinanzi alla cittadinanza come vittima, con il beneplacito del governo socialista, di un complotto ordito da giudici di parte. "Si sta facendo di tutto per dare di me un’immagine che non è conforme alla verità - ha continuato - non ho mai tradito la loro fiducia. Mai ho commesso un atto contrario ai principi repubblicani o allo Stato di diritto".

Commenti

Cosean

Mer, 02/07/2014 - 20:29

Wow! Ormai anche la Francia sta rischiando. Ma Sarkò non ha televisioni proprie. Loro ce la faranno!

@ollel63

Mer, 02/07/2014 - 20:47

ma va'! Ci sono i giudici di parte anche contro i sinistri? Ma non è possibile! E chi glielo dice ora ai sinistrati italiani, giudici e non?

Ritratto di gangelini

gangelini

Mer, 02/07/2014 - 21:44

I sinistri se la ridono, ma non qui in Italia c'è nulla da ridere; sinistra, sindacati e dipendenti pubblici ci stanno portando alla rovina. Nooo, non è vero, è tutta colpa di Berlusconi .... Ma andate a vangare la terra, fannulloni.

filder

Mer, 02/07/2014 - 21:55

Il nano ridolino alla sbarra e Carlà non vede il momento per andare a spassarsela altrove e così poi cornuto e mazziato,povero Magiaro francese.

Ritratto di Simbruino

Simbruino

Mer, 02/07/2014 - 22:07

quasi giusto Francois Mitterand ha preso tangenti a piene mani nei piani speculativi per la urbanizzazione di Parigi e nessun giudice lo ha mai inquisito

Ritratto di zanzaratigre

zanzaratigre

Mer, 02/07/2014 - 22:44

Ma come,anche il sosia di Totò, adesso che viene toccato parla male della Magistratura additandola come politicizzata. Che fa? Non ride più di Berlusconi?

Ritratto di Patchonki

Patchonki

Mer, 02/07/2014 - 23:16

Questa già mi sembra di averla sentita!

emulmen

Gio, 03/07/2014 - 08:05

ma come???? e il sarko rideva dietro Berlusconi e contro i suoi "processi"??? ed ora dice le stesse cose che dice Berlusconi da anni??? ma dai, nel resto d'Europa hanno un concetto diverso e migliore della giustizia (lo dicono i sinistrati eh....) insomma tutto il mondo è paese...

linoalo1

Gio, 03/07/2014 - 08:20

Ma cos'è?Una Epidemia Europea?Lino.

syntronik

Gio, 03/07/2014 - 08:36

Vuoi vedere che ha capito cosa significa essere perseguitati per motivi politici, come succede in italia, forse gli é passata la coglia di ridere, ed ha capito, cosa coleva dire il berlusca, quando diceva di essere perseguitato e lui si metteva a ridere, lo hanno fatto smettere!!!!!!!!!

Gianfranco Rebesani

Gio, 03/07/2014 - 09:29

Certo che quando uno ha il cervello atrofizzato e ragiona sempre (e solo) contro Berlusconi, riesce anche nel caso Sarkozy a dargli addosso, a Berlusconi s'intende. Forse le televisioni hanno salvato Berlusconi ? Ma quando mai. Chiedere, ad esempio, a Santoro se in Mediaset era stato condizionato.MAI! è stata la sua risposta. Ma tant'è... Cosean non si ricorda la derisione di Sarkozy e la Merkel nei confronti di Berlusconi, il silenzio tombale quando questi affermava che la Magistratura (certa magistratura)era politicizzata, tutte fantasie. Ora anche Sarkozy afferma che le accuse contro di lui sono il frutto di Magistrati che lo vogliono colpire politicamente. Guarda un po', caro Cosean: quelle che rappresentavano "fantasie" per Berlusconi, ora l'ex presidente francese scopre invece che anche in Francia la magistratura "fa politica" ! Poveretto, lui non ha televisioni e, sempre secondo il pensiero di Cosean, non ne uscirà indenne ! Vuoi mettere Berlusconi condannato solo perchè (lui sì, D'Alema no) non poteva non sapere. Cosean,per dirla alla Santoro : ma va a fanbicchiere!

mister_B

Gio, 03/07/2014 - 09:29

uso politico della giustizia. L'ho già sentito dire questo discorso...

enrico09

Gio, 03/07/2014 - 10:22

@ollel63, beata ignoranza, Sarkozy sarebbe di sinistra? Come la markel forse?

giovanni PERINCIOLO

Gio, 03/07/2014 - 11:01

Cari stronzi trinariciuti si, ci sono giudici di parte anche in Francia e proprio la signora giudice che lo ha incriminato non solo ha fatto campagna elettorale pubblica pro Hollande ma, gu l

Klotz1960

Gio, 03/07/2014 - 11:08

Un farabuttone che nell'UE ha fatto il pupazzetto della Merkel in cambio del palcoscenico, ha distrutto la Libia, violando anche l'intesa non scritta che prevede la leadership dell'ex potenza coloniale (l'Italia), e che e' il diretto responsabile dell'afflusso di gran parte dei profughi che prima la Libia controllava. Ci ha danneggiato enormemente, grazie anche al Presidente Napolitano, ansioso di dare le basi italiane e partecipare ad una guerra inutile e dannosa.

denteavvelenato

Gio, 03/07/2014 - 11:24

@@ollel63 A si, e cosa dovrebbero dirgli, magari che basta che qualcuno critichi (o rida alle spalle in questo caso) di Berlusconi per essere definito sinistro o sinistrato.

swiller

Gio, 03/07/2014 - 11:55

Ma fai silenzio nano.

Ritratto di Riky65

Riky65

Gio, 03/07/2014 - 12:04

Assomiglia molto all'attore francese Louis de Funès ..solo che non fa ridere....e non ride neanche più lui!!!!

scipione

Gio, 03/07/2014 - 12:17

denteavvelenato,solo un sinistronzo o sinistrato puo' " sorridere " ,SENZA ALCUN MOTIVO,alle spalle di uno STATISTA.E SOLO UNA BESTIA NON LO CAPISCE.

tiptap

Gio, 03/07/2014 - 12:42

"Strumentalizzazione della giustizia" dice, come se non fosse già evidente da decenni. Da noi, poi, è già regime. Ancora un poco e non si potrà nemmeno piú fiatare. E' il comunismo, bellezza.

GENIUZZO

Gio, 03/07/2014 - 13:46

UN FILM GIA' VISTO IN ITALIA. DEL PROBLEMA(CHE ESISTE) BISOGNEREBBE INVESTIRNE L'EUROPA DAL MOMENTO CHE I GOVERNI DEI PAESI NON RIESCONO A RISOLVERLO PER MERI FINI POLITICI.ZIG

gamma

Gio, 03/07/2014 - 14:06

Io lo indagherei anche come mandante dell'omicidio di Gheddafi. Ormai appare chiaro che Gheddafi aveva finanziato abbondantemente la campagna elettorale di Sarkozy e probabilmente i due avevano dei patti segreti che il marito della Bruni non ha rispettato. Forse Gheddafi avrà minacciato di rivelare particolari scottanti e da qui la decisione di farlo fuori. Insomma una banale storia fra due delinquenti come ne compaiono ogni giorno sui giornali di tutto il mondo. Solo che in questo per commettere l'omicidio il mandante ha scatenato una guerra che ha messo a soqquadro tutto il nord Africa e sta causando ogni giorno centinaia di morti.

honhil

Gio, 03/07/2014 - 14:31

Intanto il solito arrovellamento prende piede sui Giornali. “Il giudice è stata iscritta al Syndicat de la magistrature (Sm), tendenza di sinistra, ma questo non è illegale…”. Come non è illegale neppure scrivere su Mediapart “una lettera aperta contro Sarkozy”. Ma è legittimo, tuttavia, dubitare, sulla imparzialità di un giudice che pubblicamente ha già dichiarato la sua avversione contro quell’ex premier. Si può disquisire quanto si voglia sulla “berlusconizzazione” di Sarkozy, e, in linea con il passato, se ci si prova piacere, si può continuare a usare il solito linguaggio offensivo contro Berlusconi, ma cercare di non vedere che la procura nazionale francese sta imitando quelle italiane, significa essere in malafede. Questo è il solo parallelismo che lega i due ex premier. E la stampa sodale applaude. Giustizia vuole, invece, che Sarkozy e Berlusconi devono avere giudici terzi. Non nemici apertamente giurati. E’ questa l’anomalia italiana che sta prendendo piede in Francia. E’ l’arrembaggio togato, al nemico, che si esporta. Proprio mentre disperatamente in Italia si tenta di riformare la Giustizia! Che Sarkozy vada indagato senza acrimonia e senza vestali che scrivono la condanna a prescindere. E’ così difficile non farlo?

filder

Gio, 03/07/2014 - 14:40

Questo lurido e schifoso ridolino,credeva di farla franca,speriamo che quanto prima lo metteranno al fresco,cosi avrà anche lui modo di confessarsi i peccati: in primis la guerra in Libia e la morte di Ghedaffi (che cosa è stato con i 500 milioni per la sua campagna elettorale)?

giovanni PERINCIOLO

Gio, 03/07/2014 - 15:38

Cari stronzi trinariciuti si, ci sono giudici di parte anche in Francia e proprio la signora giudice che lo ha incriminato non solo ha fatto campagna elettorale pubblica pro Hollande e contro Sarkozy ma é pure aderente a quel cartello di giudici che pochi mesi fa é venuto alla ribalta per aver battezzato un muro della procura di Parigi come "mur es cons" (muro dei coglioni). Su tale muro erano attaccate le foto di vari personaggi del centrodestra francese compreso Sarkozy. Ora, sia detto per inciso, Sarkozy non mi é mai particolarmente piaciuto ma certa magistratura sia essa italiana o francese mi fa francamente schifo perché tutto fa salvo che onorare la giustizia!

Bartleby

Gio, 03/07/2014 - 16:20

Vedo che B ha fatto scuola oltralpe. Chissà se troverà qualche milione di francesi disposti a credergli. Non avendo a disposizione lo steso potere mediatico c'è da dubitarne. Certo è che colpisce la differenza con l'Italia. Li non ci hanno pensato due volte a metterlo dentro come un qualunque cittadino. Ne dobbiamo fare ancora di strada per entrare in Europa!

Ritratto di franco-a-trier_DE

franco-a-trier_DE

Gio, 03/07/2014 - 17:49

anche in Francia la magistratura è rossa? Perinciolo aspetta ancora un po e vedrai che tutte le magistrature europee e americane saranno rosse

denteavvelenato

Gio, 03/07/2014 - 22:06

@scipione Lasciamo perdere i motivi delle risatine, che magari ci stavano tutti, ma lei sa per caso a quale area politica appartengono Merkel e Sarkozy, penso proprio di no, chiunque critichi il padrone è sinistrato, punto, e meno male che sono i comunisti quelli delle ideologie