Sharm, tremano 600 italiani: "Vogliono farci vendere casa"

Cresce la preoccupazione dei proprietari stranieri dopo il decreto sull'esproprio in favore dei beduini. I costruttori: "Promesse tutele a chi ha comprato prima del 2005"

«Erano preoccupati da mesi...quella legge allarmava molti proprietari italiani, l'articolo ha rotto il ghiaccio, adesso dobbiamo convincere gli egiziani a fare chiarezza». La telefonata di Ernesto Preatoni, il costruttore italiano considerato uno degli inventori di Sharm El Sheik, arriva dopo la pubblicazione sul Giornale del pezzo «Così il governo vuole espropriare Sharm El Sheik». L'articolo, riprendendo quanto pubblicato dal Sunday Telegraph, segnala come un decreto - approvato a settembre dal governo egiziano dei Fratelli Musulmani - imponga ai proprietari con doppia nazionalità di vendere entro sei mesi gli immobili posseduti a Sharm El Sheik e nel Sinai a cittadini «nati da genitori egiziani». Letto così il decreto rappresenta una spada di Damocle sospesa sulle teste dei 600 italiani proprietari di appartamenti o villette nella località turistica del Sinai. Anche perché gli abitanti locali, quei beduini rimasti esclusi dallo sviluppo della zona, intravedono nella legge la possibilità di un riscatto.

E sognano un imminente esproprio degli stranieri venuti a godersi il sole e il mare del Sinai. Da settembre infatti, come rivela il Sunday Telegraph, molti proprietari non egiziani presenti a Sharm El Sheik ricevono richieste più o meno pressanti di vendere. Il compito non facile di far chiarezza e difendere le proprietà dei nostri 600 connazionali tocca ad Antonio Badini, un ex ambasciatore italiano in Egitto diventato - conclusa la carriera diplomatica - il presidente della Sicot, la società del gruppo Preatoni che gestisce proprietà e alberghi di Sharm El Sheik. «Un po' di paura c'era perché queste cose - spiega Badini al Giornale - rischiano con il tempo di essere codificate sui muri della piazza e anche perché, nella situazione istituzionalmente non ben definita di oggi, i beduini alzano la testa per avere un riconoscimento. È naturale che chi è stato costretto in una catapecchia viva queste occasioni con un po' di bramosia. Ma c'era anche l'allarme di chi incominciava a sentirsi dire: non ti registro il contratto». In questa situazione di confusione e timore, l'ex ambasciatore cerca un incontro con il generale Shawky Rashan, responsabile dell'Autorità Nazionale per lo Sviluppo della Penisopla del Sinai.

«Mi sono presentato da lui assieme al rappresentante diplomatico dell'Unione Europea perché la questione ha già suscitato vari interventi diplomatici. Dalla riunione è emerso che, in linea di principio, dovrebbe valere il diritto di vendere per chi ha acquistato prima del 2005. Chi ha comprato dopo il 2005, ma gli italiani rientrano quasi tutti nella prima categoria, ha invece il diritto di usufrutto per 99 anni. Il decreto di settembre rappresentava l'attuazione d'una serie di leggi approvate fin dal 2005, ma ora il concetto di non retroattività della legge è stato chiarito e questo, in linea di principio, dovrebbe essere fondamentale».
I principi nel clima d'instabilità politica e istituzionale che grava sull'Egitto rischiano però di valere poco. Badini, appena rientrato dal Cairo, sottolinea che per difendere le proprietà degli italiani sarà essenziale anche un riconoscimento formale e burocratico pretendendo «la remissione degli atti» e «un decreto in cui si renda chiaro che non c'è retroattività».

«Il ministro del Turismo con cui ho appena avuto un colloquio mi assicura - racconta al Giornale - di voler tutelare chi ha comprato prima del 2005 e di voler garantire ogni certezza ai nostri proprietari. Il generale Shawki Rashan mi ha garantito di esser pronto a venire in Italia per dare garanzie, ma ora bisogna vedere come rispondono le istituzioni e la burocrazia». E da questo punto di vista il processo sembra essere piuttosto travagliato. L'odissea burocratica di chi vuol veder riconosciuti i propri diritti di proprietà a Sharm El Sheik partirà dal Ministero della Giustizia del Cairo per poi passare al vaglio del Governatorato del Sud del Sinai e del Comitato per il Turismo. Una trafila che - vista la caotica situazione di ministeri e amministrazioni dell'Egitto post Mubarak - rischia di non arrivare mai a una conclusione.

Annunci Google
Commenti

giuseppe.galiano

Lun, 18/02/2013 - 07:48

Beh, fintanto chè ve la vogliono far vendere, fatelo. Fra un pò faranno come fece Gheddafi a suo tempo con i nostri connazionali: un calcio nel culo e via

gpl_srl@yahoo.it

Lun, 18/02/2013 - 08:03

purtroppo questa situazione trova le sue radici in decisioni prese a Parigi sulla base di giudizi completamente sbagliati sulla situazione nord africana in enerale: la Francia di Sarkozy voleva un posto al sole anche in Libia e per arrivarci , a tavolino, ha studiato tutte le vie possibili e deciso che in occasione di una nord africana avrebbero potuto spalancare le porte al potere politico ed economi della Francia che secondo Sarkozy aveva tutti i diritti di accedere prima dell' italia al petrolio ed all' uranio della Libia: come fare?? destabilizzare tutti i paesi confinanti per poi abbattere quel Ghedaffi che si stava sempre più legando all' Italia : di li sarebbe nato in tutto il nord africa un potere nuovo in mano a nuove democrazie: ma il povero Sarkozy, che di nord africa non capiva assolutamente nulla, non si era reso conto che ben più forte di lui in tutti quei paesi ci sarebbe stato un islamismo radicato fin nelle unghie dei piedi e delle mani e che distruggendo quei capi di cui la francia voleva sbarazzarsi, avrebbe creato nuovi regimi ben piu pericolosi e negativi per noi occidentali: Berlusconi aveva avuto ragione quando cercava di predicare alleanze con i diversi regimi che secondo lui erano da indirizzare poco per volta alle democrazie occidentali, Sarkosy aveva torto : ora non ci resta che raccogliere i cocci e cercar di far pagare alla francia tutti gli assurdi costi di queste folli decisioni che in termini di vite umane costeranno anche a noi italiani: purtroppo dovremmo ricominciare tutto da capo ma certamente anche questa volta, siamo si qualche passo davanti ai francesi che continuano a marciare in fila per due senza minimamente tener conto della situazione reale, cosi proprio come fa Monti che per fortuna viaggia in fila indiana con pochi rimbambiti dietro di lui

MMARTILA

Lun, 18/02/2013 - 08:56

Ah ah ah...che paese di merda, certo che x acquistare casa in quei posti ce ne vuole di coraggio...ed anche di scemenza.

Ritratto di CaptainHaddock

CaptainHaddock

Lun, 18/02/2013 - 09:22

E' la primavera araba, bellezza...

Ritratto di Ezechiele lupo

Ezechiele lupo

Lun, 18/02/2013 - 09:26

Anche a me un finto turista con accento emiliano che passava la giornata a convincere gli italiani a comprare le' ville a pochi metri dal mare ' ha fatto proposte che sembravano appetibili ma che ho abbandonato immediatamente perchè di quella gente non mi fido assolutamente. Basta un cretino in piazza che si mette ad urlare e la proprietà diventa illegale per gli stranieri. Che muoiano di fame ed è un peccato che dei posti così siano gestiti da fanatici senza nessuna competenza.

Paul Vara

Lun, 18/02/2013 - 09:48

"un ex ambasciatore italiano in Egitto diventato - conclusa la carriera diplomatica - il presidente della Sicot, la società del gruppo Preatoni che gestisce proprietà e alberghi di Sharm El Sheik" Ancora uno che ha saputo "riconvertirsi" negli affari...

maurizio50

Lun, 18/02/2013 - 09:50

E poi una sequela di teste fine,anche in casa nostra,plaudivano felicissimi alla cosiddetta primavera araba. Capofila, come sempre, quel fenomeno dello statista di Bettola.Quello che ieri a Milano predicava di voler portare la moralità in politica. Sì, quella del suo socio Penati.Ed il popolo bue, sinceramente democratico, ad assentire.

EmanueleS

Lun, 18/02/2013 - 10:05

Non esistono luoghi, nel mondo, esenti da rischi... neppure le democrazie occidentali. Quello che è successo a Sharm El Sheik (che era una stupenda località di villeggiatura) dimostra che può veramente succedere di tutto e nessuno può prevedere cosa accadrà. Quando non lo è la natura, è l'uomo il problema...

Mario-64

Lun, 18/02/2013 - 10:08

Ernesto Preatoni e' l'uomo che ha "inventato" Sharm ,credo che gli egiziani dovrebbero erigergli una statua e baciargli i piedi. Prima di lui nel Sinai pascolavano i cammelli ,adesso e' la riviera invernale degli europei ,e da' lavoro a centinaia di migliaia di egiziani. Certo che e' comoda far fare il lavoro agli altri e poi ,quando ti accorgi che la gallina produce uova d'oro, dire "adesso vi espropriamo" ! Complimenti a chi sosteneva le primavere arabe.

enzo1944

Lun, 18/02/2013 - 10:28

........no maurizio 50,era il napoletano che sta al Colle a gridare ed a tifare per la "primavera araba"!.....il bersani lo applaudiva,perchè i servi sciocchi sono i loro leccapiedi!.....loro,sempre puri e casti,con penati,errani,rossi,tedesco,emiliano,dalema,svendolino,la finocchia,etc.etc.etc.!...Ladroni di prima classe,sempre coperti dai loro amici magistrati rossi!!

Ritratto di franco@Trier

franco@Trier

Lun, 18/02/2013 - 10:33

e chi ha detto loro di comprare casa?Sarà opera della Merkel anche questo?

chiara 22

Lun, 18/02/2013 - 10:33

Bene, speriamo fossero acquirenti di sinistra

Ritratto di falso96

falso96

Lun, 18/02/2013 - 10:45

"PER OGNI ITALIANO COSTRETTO A SVENDERE , 100 EGIZIANI RIMPATRIATI ALL'ISTANTE". Se il governo emanasse una legge (naturalmente pronta a essere revocata) su questo tono......... CHISSÀ. Ormai "gli extraC" ci hanno pesato e hanno capito che contiamo meno del "fante di picche" . Abbiamo governi che fanno a gara di "solidarietà" dicono loro.. e gli altri ce lo mettono e ce lo metteranno sempre più nel c..o. Vedi India marò e elicotteri...... se penso quanti soldi, quanti generi alimentari abbiamo inviato qualche anno fa......e questo è il ringraziamento.. . Dobbiamo adeguarCi

Ritratto di franco@Trier

franco@Trier

Lun, 18/02/2013 - 10:47

chiara vedo che sei come loro i sinistroidi.

Ritratto di franco@Trier

franco@Trier

Lun, 18/02/2013 - 10:48

chiara22 ti faccio notare che prima di essere forse di sinistra sono degli italiani.

pinox

Lun, 18/02/2013 - 11:06

basta rispondere con lo stesso decreto per i cittadini egiziani proprietari di casa in italia. non li prendiamo a cannonate come fa malta quando vengono da noi, gli costruiamo le moschee perchè noi siamo solidali e a differenza loro tolleriamo la religione diversa dalla nostra, ma non facciamoci prendere per il culo in questo modo!

eglanthyne

Lun, 18/02/2013 - 11:09

Furto LEGALIZZATO.

peroperi

Lun, 18/02/2013 - 11:18

solo un pazzo compera casa in territorio arabo.

Ritratto di KATYN1943

KATYN1943

Lun, 18/02/2013 - 11:19

Mai e poi mai mi sarei sognata di fare un investimento in un paese di fede musulmana!!

ferry1

Lun, 18/02/2013 - 11:37

Qui in Italia esproprieranno anche i proprietari di case Italiani con lo strumento fiscale (IMU,TARES e balzelli vari) sistema piu' soft ma sicuramente efficace.

chiara 22

Lun, 18/02/2013 - 12:01

Franco Trier...libero di pensarla come ti pare

Ritratto di cangrande17

cangrande17

Lun, 18/02/2013 - 12:34

Ah! La primavera araba...

Cosi_la_penso

Lun, 18/02/2013 - 12:37

Speriamo che la GdF indaghi questi poveretti che si lamentano tanto delle troppe tasse o magari scoprire che non le hanno mai pagate pero comprano " casette" all' estero .

cgf

Lun, 18/02/2013 - 12:44

chi mai vuoi che venga a controllare in Egitto? più o meno si sentiva dire così fino a qualche tempo fa a Sharm! ed ora chi non ha denunciato l'immobile a disposizione nella dichiarazione dei redditi? fortunato chi ha venduto già l'anno scorso, prima del decreto? sarà odiato doppio!!

il consumatore

Lun, 18/02/2013 - 12:50

Mi dispiace per chi ha comprato casa a Sharm, ma in un certo senso se lo sono cercato, perchè si sono fidati di

Ritratto di stenos

stenos

Lun, 18/02/2013 - 12:57

Monti e terzi stanno già mandando la flotta per difendere gli interessi dei cittadini italiani, finito li la mandano in india per i maro'. E pensare che abbiamo contribuito a creare questa cloaca.

il consumatore

Lun, 18/02/2013 - 12:59

Purtroppo sono pochi gli italiani che ascoltano quello che dice da sempre Magdi Allam, che da egiziano conosce bene i suoi ex connazionali. Purtroppo abbiamo i soliti sciocchi ex comunisti che, dopo ver inneggiato per anni ai regimi comunisti, avevano inneggiato alla primavera araba. Eccola la primavera araba: il ritorno degli adepti di Al Kaida. Gli ex comunisti sono sempre stati servi dei regimi e non hanno mai capito nulla della vera democrazia. A partire da quelli che inneggivanao ai carri armati a Budapest, e che si facevano mantenere dai rubli dell'URSS: Purtroppo ci sono troppi italiani che si fanno ibncantare dalle loro chiacchiere di democrazia e di liberismo, quando non sanno ancora cosa significano!

silvio adopera

Lun, 18/02/2013 - 13:09

@ chiara 22 - Sono sicuramente tutti di sinistra, vanno lì a mangiare i bambini.

Ritratto di franco@Trier

franco@Trier

Lun, 18/02/2013 - 13:11

katyn dipende che paese in kuwait subito lo fare se avessi i soldi.Comunque è più pericoloso per gli stranieri investire in Italia da come vanno le cose.

ABU NAWAS

Lun, 18/02/2013 - 13:19

L'EGITTO E L'OCCIDENTE STAVANO MOLTO MEGLIO CON MUBARAK!! CHI FOSSE DEPRADATO DAL FONDAMENTALISTA MORSI, DOVREBBE RIVOLGERSI A NAPOLITANO CHE TANTO SI PRODIGO' E ANCORA SI PRODIGA A FAVORE DELL "FUORVIANTI PRIMAVERE ARABE". CHE IDDIO E PUTIN SALVINO LA SIRIA CHE STA ANCORA RESISTENDO AL TERRORISMA ISLAMICO CHE HA GENERATO IL CAOS DELLE "FUORVIANTI PRIMAVERE ARABE"!!

moshe

Lun, 18/02/2013 - 13:35

Basterebbe fare altrettanto, espellere tutti gli egiziani che si trovano in Italia e confiscar loro tutti i beni. Peccato che con lo stato di m.... che ci ritroviamo, ci ritroveremo con la coda fra le gambe.

moshe

Lun, 18/02/2013 - 13:36

stenos, hai colto in pieno il "concetto" italia; siamo solo uno zerbino.

Ritratto di Reinhard

Reinhard

Lun, 18/02/2013 - 14:05

Ottimo, gli egizi danno il turismo ai talebani... Italiani, fate le vacanze il Italia, che è il paese più bello del mondo (o se preferite farvi rapire da al queda fate pure).

MATEMATICO

Lun, 18/02/2013 - 14:14

Premesso che dei 600 italiani che hanno comprato a Sharm non me ne può fregare di meno..(anzi, si, li farei rivoltare dalla finanza come un calzino), ma lo Stato Italiano deve recuperare la ricchezza persa a seguito dell'esproprio, per cui faccia stimare le proprietà dei suoi cittadini a Sharm, ed espropri un identico valore (magari maggiorato del 10-15%) di beni egiziani in Italia. Ai nostri concittadini espropriati, come risarcimento, diamogli in multiproprietà una trentina delle moschee esistenti in Italia.

Ritratto di giorgio ventavoli

giorgio ventavoli

Lun, 18/02/2013 - 14:20

non esultiamo tanto; quando avranno espropriato tutto, nessuno vorrà più andarci; se nessuno vorrà più andarci i beduini creperanno di fame. Se creperanno di fame, indovinate dove andranno?

maximilian66

Lun, 18/02/2013 - 14:36

Sante Parole... Falso96 da loro ti prendono la casa e qui con il ricavato aprono una bella pizzeria. ORIANA DOVE SEI !!!!!!!

Ritratto di marforio

marforio

Lun, 18/02/2013 - 14:48

Questo non e niente al confronto quando comanderanno tramite la sinistra a casa nostra.Vendete tutto e andate nel caribe.Non ve ne pentirete , non c'e confronto tra isole con il mare che balla salsa , e deserti pieni di mummie moderne.

stupino

Lun, 18/02/2013 - 14:59

bene,la primavera araba sta DANDO I PRIMI FRUTTI AH AH AH!!!! Scusate,chi e' quel fesso che ha la doppia cittadinanza??? Un conto e' avere quella americana,un'altro e' quella egizianah-ah-ah Alla scemenza non c'e' mai fine .Ben vi sta italioti!!!

Raoul Pontalti

Lun, 18/02/2013 - 15:17

Probabilmente qui c'è qualche speculatore che ha fatto male i conti e qualche sprovveduto che ha acquistato immobili da chi legittimamente non ne era proprietario. Cosa significa poi "proprietari con doppia nazionalità?" Forse che la normalità dei proprietari italiani di immobili in Egitto è il possesso del doppio passaporto? Ma si ha idea di come si origini la "doppia nazionalità"? E chi sia in genere il proprietario di un doppio passaporto? Molti stranieri hanno ricevuto proposte di vendere: cosa significa realmente? E "chi è stato costretto in una catapecchia" avrebbe oggi i soldi per comprare una villa? Mah...La realtà è che mentre scrivo mezza Trento è in vacanza tra Sharm as Shaikh e Taba e tra Hurghada e Marsa Alam, il mio tabaccaio di fiducia quest'inverno con cadenza pressoché mensile è andato nei vari villaggi turistici del Sinai per una settimana a rosolarsi al sole e praticare windsurf e da Marsa Alam invece dovrebbe essere rientrato questa notte. Nessuno dei miei conoscenti assidui frequentatori di quei villaggi mi ha riferito di problemi per i turisti, solo un'accresciuta attenzione della polizia che scorta con uomini armati le comitive che si spostano via terra da una località all'altra. Infine: ma quando mai i governanti egiziani si sono occupati dei beduini del Sinai con occhio benevolo? Lo stesso Morsi recentemente ha inviato rinforzi di polizia che hanno stecchito una ventina dei più turbolenti. E i beduini si occupano dei turisti eventualmente per depredarli non per coprire con barracani le loro discinte donne.

tiptap

Lun, 18/02/2013 - 15:22

Questo è l'islamismo, bellezza. Inganni, prepotenze, violenze, ... Meditate gente, meditate. Fuori i clandestini dall'Italia e la cittadinanza col contagocce, solo dopo 20 anni di permanenza legale, e dopo tutte le verifiche, esami, controlli, ecc. ecc. Votate Maroni.

tiptap

Lun, 18/02/2013 - 15:27

Sapete come va a finire? Vi lasciano la casa a patto che vi convertiate all'islamismo. E sapete cosa vuol dire islamismo? Donne massacrate, diritti zero, dittatura della sharia, cioe' la peggiore che sia mai esistita. Se uno "dice" che avete rubato, vi tagliano la mano senza indagare, se quello che l'ha detto è amico del giudice. Ecc. ecc. ecc.

moshe

Lun, 18/02/2013 - 16:06

Considerato che il nostro fallito governo non sa assolutamente tutelare gli italiani ed i loro interessi, (anche se il ministro Andrea Riccardi sa tutelare benissimo gli extracomunitari), prendiamo noi l'iniziativa e boicottiamo il turismo in Egitto ED IN INDIA !!! SVEGLIA ITALIANI !!!!!

chiara 22

Lun, 18/02/2013 - 16:13

silvio adopera...vede, visto che voi vi augurate sempre che chi non vota sinistra sia colto da malore e siete sempre pronti a difendere gli islamici a qualsiasi costo, a me non rimane altro che augurarvi di cogliere i frutti in prima persona.

Ritratto di Gigliese

Gigliese

Lun, 18/02/2013 - 16:17

X MOSHE hai ragione comportiamoci come meritano. Vistypo che questo governo di Opportunisti non fa niente per gli italiani all'estero.

Edith Frolla

Lun, 18/02/2013 - 16:30

In Italia invece siamo così furbi da assegnare la stragrande maggioranza delle case popolari a cittadini stranieri…

Ritratto di Jerry 52

Jerry 52

Lun, 18/02/2013 - 16:33

franco@Trier...La Sua Merkel ha altro a cui pensare visto i sondaggi per le prossime amministrative e che pensi a BMW, Mercedes e Volkswagen che in europa non vendono più Ora in Italia fanno offerte mai fatte e le concessionarie aperte sabato e domenica MAI SUCCESSO Mentre se nota bene NESSUN Tedesco vende casa in Italia è così tanto brutto stare qui che li teniamo con la forza In quanto a Sharm ci sono stato parecchie volte BELLISSIMO posto ma troppi militari armati in giro Meglio Tenerife Franco Noto che la Merkel è sparita dalla Sua foto...anche Lei sente il cambiamento del vento????

Raoul Pontalti

Lun, 18/02/2013 - 17:10

Edith Frolla sei pregata di non dire fregnacce: le case popolari in Italia non sono affatto date per la stragrande maggioranza agli immigrati stranieri per la semplice ragione che le case assegnate agli stranieri appartengono una quota specifica e le relative graduatorie sono distinte da quelle dei cittadini italiani. E la ragione delle graduatorie distinte è intuitiva: i redditi degli stranieri (sottopagati e in più spesso con figli e coniuge a carico) sarebbero sempre inferiori a quelli dei cittadini italiani con conseguente aggiudicazione di tutti gli alloggi in assenza di quote separate. Si può discutere sull'assegnazione degli alloggi pubblici agli stranieri (io personalmente sono perplesso: li riserverei ai soli italiani bisognosi) ma non va dimenticato che si parla di stranieri regolari che pagano le tasse da un lato e arricchiscono i loro padroni dall'altro (perché li sottopagano: ed è per questo che ardentemente li vogliono e fanno anche carte false per averli nominativamente offrendo contratti di lavoro e soggiorno, etc.). Va quindi considerato che chi paga le tasse qualche diritto deve pur vederselo riconoscere. La soluzione sarebbe che l'alloggio allo straniero lo trovasse (ed eventualmente glielo pagasse) chi lo straniero lo ha fatto venire qui, ossia il suo sfruttatore ordinariamente definito imprenditore. In ogni caso prendersela con lo straniero in quanto tale io trovo sia cosa ignobile.

Ramese

Lun, 18/02/2013 - 19:08

Nell'articolo si legge : "Il decreto di settembre rappresentava l'attuazione d'una serie di leggi approvate fin dal 2005" ... dunque cosa c'entrano i Fratelli Mussulmani e la Primavera Araba ?

Ramese

Lun, 18/02/2013 - 19:10

Caro Reinhard, stia pure in Italia ... cosi' non corriamo il rischio di imbatterci in lei ...

Ritratto di marforio

marforio

Lun, 18/02/2013 - 20:38

xtiptap.PER QUANTO RIGUARDA ,QUALCUNO SIA AMICO DEI GIUDICI , BENE O MALE NON SONO MOLTO DIFFERENTI DAL NOSTRO BAR BARI TOWN.

Ritratto di franco@Trier

franco@Trier

Mar, 19/02/2013 - 13:02

Jerry52 ecco la foto della Merkel felice e raggiante di gioia mi piace farti felice,chi dice che la Mercedes non vende?Ne ho comprata una proprio ieri una Mercedes Avangarde 15000 km 9 mesi di vita praticamente per una Mercedes è nuova in contanti 24000 euro le ho dato la mia Peugeot407 diesel auto con una grande svalutazione 6 anni di vita in ottimo stato peccato..calcolata 5000 euro la Mercedes nuova prezzo 46.400 con pacchetti extra manca solo la televisione dentro, praticamente con ca,15.000 km ho risparmiato più di 17.000euro graranzia serbatoio pieno,non come anni fa quando acquistai una Clio a Genova nuova il Valbisagno me la consegnarono tutta sporca era parcheggiata sul terrazzo fuori e con 3 litri di benzina,inutile la Germania è superiore in tutto prima di criticare bisogna saper lavorare come fanno i tedeschi,vieni a vedere che miseria c'è qui ,comunque mai più comprerò una auto in Italia. Dimenticavo l'auto Mercedes che ho comprato è di color nero metalizzato bellissimo colore fine sempre nero non rossa(a meno che non sia una Ferrari) quelle rosse le lascio comprare a voi in Italia colore come il vostro carattere(comunistacci).

Ritratto di franco@Trier

franco@Trier

Mar, 19/02/2013 - 13:19

Jerry52 guarda come è caduta la vendita auto italiane: Mercato auto, gennaio ko Vendite a meno 17 per cento Il 2012 comincia nel peggiore dei modi per il mondo dell'auto. "Possibile incentivi" secondo il centro Studi Promotor. Federauto: "Lo stato il primi danneggiato" Parte in 'profondo rosso' il mercato dell'auto nel 2012. A gennaio in Italia sono state immatricolate 137.119 nuove vetture, contro le 165.073 di gennaio 2011, in calo del 16,93%. Lo rende noto il ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti. A dicembre 2011 il mercato aveva chiuso in flessione del 15,3% a 111.211 unità. Jerryyyy contro il -3% mercato tedesco.Ciao

Ritratto di volentionolenti

volentionolenti

Mar, 19/02/2013 - 18:37

Siete in via di estinzione.Con queste teste non potrebbe essere altrimenti.

Ritratto di franco@Trier

franco@Trier

Mer, 20/02/2013 - 08:44

jerry ma lo leggi bene tu il giornale? Io ho fatto il copia incolla del giornale leggilo bene: In gennaio i principali gruppi automobilistici presenti nella «top en» europea hanno archiviato il mese con volumi quasi tutti in ribasso, a eccezione dei tedeschi di Bmw e Mercedes. L'incremento del 6,4% segnato dal gruppo Bmw, comunque il più alto nella «top ten», non ha però impedito ai bavaresi di scivolare in settima posizione.Ciao

Ritratto di franco@Trier

franco@Trier

Mer, 20/02/2013 - 08:51

Jerry ascolta questa musichetta edificante e pensa al lettore GPL le piace molto: http://www.youtube.com/watch?v=RZEURY5vpj4

lucky59

Mer, 20/02/2013 - 13:54

non capisco gli idioti che si permettono di insultare chi possiede un appartamento di 50 mq al domina senza sapere nemmeno di cosa stanno parlando ci vado da 20 anni e spendo in una settimana quello che spenderei in italia in una settimana dunque sono ampiamente rientrato del mio investimento, inoltre sempre come risposta ad un altro signore vorrei dire che l'immobile e' stato regolarmente acquistato e pagato in italia con regolare atto ed inserito nella denuncia dei redditi imbecille presentati con nome e cognome, ma tanto non ne hai il coraggio è piu' facile nascondersi dietro un nickname ed insultare

lucky59

Mer, 20/02/2013 - 14:36

chiaramente intendevo un giorno non una settimana

Ritratto di franco@Trier

franco@Trier

Gio, 21/02/2013 - 09:22

Reinhard se in italia ci fossero le piramidi e la sfinge forse non andrebbero in Egitto.Che l'Italia sia piena di musulmani questo è certo.Comunque è più pericoloso girare per una città italiana che in Egitto,per una violenza sessuale là impiccano, in Italia fanno fare le ferie al proprio domicilio.