Siria, Bonino assicura: "Su Dall'Oglio risposte in giornata"

Rassicurazioni dal ministro Bonino. Non confermato il sequestro: il gesuita forse lavora per liberare due religiosi

Entro ventiquattr'ore si potrebbe avere una risposta certa sulla situazione di padre Paolo Dall'Oglio. Che sia stato sequestrato o abbia tagliato i ponti con il mondo per alcuni giorni, nel tentativo forse di mediare il rilascio di alcuni ostaggi, entro la giornata potrebbero arrivare chiarimenti sulla vicenda del prete gesuita.

A dirlo il ministro degli Esteri, Emma Bonino, in collegamento telefonico su Radio Anch'io. Nonostante al momento non ci sia - ha ribadito - "nessuna notizia certa, né di sequestro né di altro tipo" rimangono attivi "tutta una serie di canali, formali e informali".

Il prete gesuita, che da trent'anni vive in Siria, dove ha lavorato alla riapertura del monastero di Mar Musa, a nord di Damasco, è sparito il trenta luglio. Al momento della sua scomparsa si trovava a Raqqa, roccaforte dell'opposizione che lotta contro il governo di Bashar al-Assad.

I primi dettagli emersi sostenevano che fosse stato sequestrato dagli uomini dello Stato islamico dell'Iraq e del Levante, una formazione legata ad al-Qaeda. Soltanto in seguito è emersa la possibilità che Dall'Oglio stia invece trattando, sfruttando la sua influenza e la sua posizione pro-ribelli, la liberazione di altri due religiosi. Il gesuita, come ricorda oggi sul Giornale Gian Micalessin, potrebbe essere al lavoro per il dissequestro di Paul Yazigi e Johanna Ibrahim, vescovi ortodosso e siriaco di Aleppo. I due religiosi sono stati rapiti ad aprile.

Commenti
Ritratto di genovasempre

genovasempre

Gio, 01/08/2013 - 18:12

ci pensa la bonino,la donna più sopravvalutata d' europa