Accordo Usa-Russia: 7 giorni ad Assad per presentare la lista delle armi chimiche

La Siria dovrà consegnare entro una settimana una lista completa sul numero e tipo di armi chimiche. Da distruggere entro la metà del 2014

In Siria si continua a combattere e la popolazione (ovviamente) soffre. Quelli che riescono scappano. Molti, dopo un viaggio tortuoso, raggiungono l'Italia. Dall'inizio dell'anno più di 4.600 siriani hanno raggiunto l'Italia per fuggire dalla guerra. Circa due terzi solo in agosto. "Abbiamo osservato un netto aumento dei siriani che giungono nel sud Italia a bordo di imbarcazioni - ha detto Adrian Edwards, portavoce dell’Alto commissariato Onu per i rifugiati (Unhcr) -. Negli ultimi 40 giorni sono arrivati 3.300 siriani, tra i quali più di 230 bambini non accompagnati, soprattutto in Sicilia ma anche in Calabria".

Le parole di Ban Ki-moon ("Assad ha commesso numerosi crimini contro l'umanità") pesano come macigni. Intanto a Ginevra vanno avanti a ritmo serrato i colloqui fra Russia e Stati Uniti. Si cerca di trovare un accordo sullo smaltimento delle armi chimiche della Siria. Secondo quanto riferisce "al Jazeera" nelle ultime ore le delegazioni stanno valutando la portata dell’arsenale chimico siriano. Il rapporto delle Nazioni Unite, che sarà reso noto la prossima settimana, dovrebbe mettere alle strette il regime di Bashar al Assad: secondo molte indiscrezioni, infatti, la relazione confermerebbe l’utilizzo di armi chimiche lo scorso 21 agosto. Gli Stati Uniti non insisteranno nell’inserire nella bozza di risoluzione dell’Onu la minaccia di un’azione militare contro la Siria, se questa non manterrà l’impegno a consegnare le armi chimiche. L’opzione militare rimarrà fuori dal progetto di risoluzione che sarà presentato al Consiglio di Sicurezza dell’Onu.

Armi chimiche, problemi tecnici

"La pretesa degli Usa che le armi chimiche siriane passino sotto il controllo internazionale in due o tre settimane semplicemente non è professionale": lo ha twittato Alexei Pushkov, capo della commissione estera della Duma - la camera bassa del parlamento russo - ricordando che "in Siria ci sono almeno 42 posti di stoccaggio di queste armi, e alcuni si trovano in zone di combattimento".

Kerry: c'è l'accordo tra Russia e Usa

Sul piano sulle armi chimiche del regime siriano è stato trovato un accordo tra Stati Uniti e Russia. Lo annuncia il segretario di Stato Usa John Kerry a Ginevra dopo i colloqui con il ministro degli Esteri russo Serghei Lavrov. Kerry ha aggiunto che la Siria dovrà consegnare entro una settimana una lista completa sul numero e tipo di armi chimiche di cui è in possesso. La distruzione delle armi chimiche siriane dovrà essere completata entro la metà del 2014. Kerry ha anche annunciato che gli ispettori dell’Onu dovranno essere sul territorio siriano "non più tardi di novembre". Lavrov ha aggiunto che la conferenza di pace sulla Siria, la cosiddetta "Ginevra 2", potrebbe tenersi in ottobre, ma Mosca è pronta anche prima.

Obama: se diplomazia fallisce pronti ad agire

"Se la diplomazia fallisce, gli Stati Uniti e la comunità internazionale devono essere pronti ad agire" contro la Siria: lo ha ribadito Barack Obama nel tradizionale messaggio di fine settimana alle famiglie americane. Poi ha aggiunto che gli Usa "manterranno le loro posizioni militari nella regione per mantenere la pressione sul regime di Assad. Parlando alla nazione questa settimana ho detto che c’è la possibilità di una soluzione diplomatica" alla crisi siriana. Per questo - afferma Obama - ho chiesto al Congresso di rinviare il voto sull’uso della forza militare. E se c’è una chance di raggiungere i nostri obiettivi senza l’uso della forza, abbiamo la responsabilità di perseguirla".

 

 

Commenti
Ritratto di serjoe

serjoe

Sab, 14/09/2013 - 11:00

Ban ki mun non sa che la guerra e' un ammazzar, e si preoccupi i fugiaschi di salvar invece di razzolar. ...Ke mona Ban ki mun !

marcellopedretti

Sab, 14/09/2013 - 11:22

è ora di dire basta, lo si prendono e lo si riportano da dove sono venuti, ormai l'Italia non esiste più è di tutti tranne che degli italiani. Ribelliamoci con ogni mezzo organizziamoci in resistenza. Occorre ripulire il nostro Paese svenduto in ogni senso. Possibile che non ci sia nessuno che ha ancora un po di amor proprio per la Patria per la quale si può anche morire per una giusta causa. Basta l'Italia è degli Italiani.

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Sab, 14/09/2013 - 11:26

Vedo molto lavoro per la Kyenge. Per integrare gli Italiani ai nuovi venuti, beninteso.Chi paga per tutto questo ingresso di clandestini sedicenti siriani? Che fa l'Europa e, soprattutto, il nostro ministro degli interni? Domande tutte irrisolte cui sarà bene pensare prima di recarsi alle urne.

guidode.zolt

Sab, 14/09/2013 - 11:34

..e possiamo immaginare quanti di loro saranno "agenti in sonno" di El Khaida...

maxaureli

Sab, 14/09/2013 - 12:02

“In our time, political speech and writing are largely the defense of the indefensible.” - George Orwell.

Ritratto di stenos

stenos

Sab, 14/09/2013 - 12:13

Avanti c'e' posto, nel nostro paese di me.da ci sono soldi, lavoro, case, idioti che pagano, preti e comunisti che vi difenderanno.

Ritratto di marforio

marforio

Sab, 14/09/2013 - 12:30

Teniamoci i profughi Cristiani .Tutto il resto spediamolo ad ubama bin laden.

Ritratto di marforio

marforio

Sab, 14/09/2013 - 12:30

Teniamoci i profughi Cristiani .Tutto il resto spediamolo ad ubama bin laden.

Ritratto di rosario.francalanza

rosario.francalanza

Sab, 14/09/2013 - 12:36

Quella che viviamo è la prima epoca della Storia nella quale sono quelli che accolgono che si devono integrare! La prima in cui il concetto di profugo, di esule, di "migrante", di rifugiato, di infiltrato, di traditore, di predatore, si mescolano per produrre un risultato ingestibile e utile agli elementi politici sia interni che esterni per destabilizzare il nostro povero Paese! Ma non abbiamo un Dante che denunci l'Italia come quel bordello che è diventata. Adesso lo è veramente!

Ritratto di stegalas

stegalas

Sab, 14/09/2013 - 12:39

Il bello è che ci sono dei poveracci che credono davvero a queste carnevalate! Profughi o migranti? Se sono profughi, l'ONU, come ha sempre fatto, allestisca dei campi attrezzati, a spese del mondo intero, nei paesi immediatamente vicini alla Siria, in modo che, a crisi finita, ognuno possa tornare alla propria casa. Quando ci fu la Guerra del Vietnam, furono allestiti campi profughi in Laos e Cambogia oppure i vietnamiti "migrarono" in Irlanda ed Argentina? Se invece sono "migranti", sono i soliti invasori venuti a distruggere ciò che resta del nostro Paese in decomposizione, economica ma soprattutto morale. Ci stanno tradendo, ci stanno prendendo in giro, ci stanno invadendo con scuse varie, col fuoco di copertura dei media di regime che mantengono l'inganno fino alla fine. SVEGLIA ITALIA, RIBELLATI!

Ritratto di serjoe

Anonimo (non verificato)

guidode.zolt

Sab, 14/09/2013 - 13:20

7 giorni per un copia incolla ed una mail...? ma andiamo...!

degrel0

Sab, 14/09/2013 - 14:53

Ha ragione Veneziani:se verrà evitata l'ennesima guerra inutile sarà merito Putin,grande amico del "delinquente" di Arcore e non per il bronzeo premio Nobel per la Pace.

Ritratto di lorenzo74

lorenzo74

Sab, 14/09/2013 - 15:28

Ipocrisia, ecco che cos'è questa storia anti-armi chimiche! Con pochi euro di gas si uccidono migliaia di persone e in tal caso i fabbricanti di armi cosa ci guadagnano? Quindi Assad uccida pure ma deve usare armi convenzionali e consumare un mucchio di costose bombe e pallottole!! Per il bene dell'economia (USA in primo luogo)!

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Sab, 14/09/2013 - 16:30

Ma quale accordo.... con gli ipocriti e criminali USA c'è solo da usare l'unico linguaggio che capiscono: la forza. I Nordcoreani l'hanno capito molto bene.

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Sab, 14/09/2013 - 16:31

Con gli USA non si deve discutere, tempo perso. Con la feccia non si scende a patti.

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Sab, 14/09/2013 - 16:33

Quando venne eletto all'inutile carica di segretario ONU, si disse che era un servo degli USA. Lo conferma oggi. Finiamola con l' ONU e Russia e Cina finiscano di tenere una linea morbida con gli USA. Capisco la politica cinese alla Deng Xiao Ping del basso profilo... ma non esageriamo.

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Sab, 14/09/2013 - 16:34

Quanto a Hollande... e ai suoi ministri ebrei Moscovici e Fabius... sono solo servi di Sion che umiliano la Francia.

maxaureli

Sab, 14/09/2013 - 17:08

30% dei sottomarini US saranno rimossi dalla flotta per mancanza di soldi. Hum.... e barbetta al-awaizi o come cazzo si chiama vuole attaccare la finanza americana??? Non c'e' bisognio. LOL LOL

andrea24

Sab, 14/09/2013 - 19:55

Daniel Chon Bendit,ebreo,uno degli attori del sessantotto,che portò alla corruzione di intere generazioni,nonché pedofilo,sostenne la guerra contro la Serbia,invocò rivoluzioni neo-sessantottine recentemente in Iran,attaccò Gunther Grass,il quale si oppose alla guerra contro l'Afghanistan,sostiene adesso un intervento militare dell'Occidente contro la Siria.

Ritratto di lorenzo74

lorenzo74

Sab, 14/09/2013 - 23:32

Ipocrisia, ecco che cos'è questa storia anti-armi chimiche! Con pochi euro di gas si uccidono migliaia di persone e in tal caso i fabbricanti di armi cosa ci guadagnano? Quindi Assad uccida pure ma deve usare armi convenzionali e consumare un mucchio di costose bombe e pallottole!! Per il bene dell'economia (USA in primo luogo)!

simone64

Dom, 15/09/2013 - 11:46

United States of America, prima rasate al suolo la Siria e poi cancellate a forza di bombe la Korea del Nord (che di armi chimiche o nucleari non ne ha mai avute e se per caso le avesse non sanno farle funzionare). Forza States